Le ospiti di Plutonia: Diane Fleri

Diane Fleri 2

Attrice francese naturalizzata italiana, Diane Fleri (Quimper, 13 luglio 1983) è il risultato di quel formidabile mix di DNA più volte esaltato in questa rubrica: nata in Bretagna da padre italiano, un diplomatico d’origini estoni, e da madre francese d’origine vietnamita, ha vissuto a Gerusalemme e a Malta, prima di trasferirsi a Roma.
Fin da ragazzina alterna lo studio e la recitazione, finché inizia a ottenere parti sempre più importanti, dapprima in cortometraggi, quindi in fiction televisive, infine in film a distribuzione nazionale.
Personalmente la ricordo nel ruolo di una giovane professoressa molto in gamba, nella serie I Liceali (fiction sorprendentemente buona, ve lo dico io che di solito frequento ben altri generi).
Attualmente mi sembra un po’ scomparsa dai radar (è da poco diventata mamma*), ma spero di poterla rivedere presto in qualche produzione interessante. Diane ha i numeri, la bravura e il sorriso, oltre la bellezza. Merita un palcoscenico alla sua altezza.

Continua a leggere

Gita di Pasquetta in Brianzilvania

Brianzilvania - Coming soon.

Brianzilvania – Coming soon.

A Pasqua si fanno i regali?
Chissà. Per me di sicuro niente uova di cioccolato, né dolcetti di qualunque tipo (colomba a parte).
Nel dubbio vi regalo ciò che so fare più o meno bene: un ebook.
Magari molti di voi già lo hanno, in tal caso, come si suol dire, “è il pensiero che conta”.
Visto che a Pasquetta di solito si fa la classica gita fuori porta, la scelta dell’ebook in promozione gratuita cade su Brianzilvania, che è stato apprezzato da tutti quelli che finora l’hanno letto.
Che poi la suddetta Brianzilvania non è altro che la nostra Brianza, rivisitata in chiave horror/fantastica.
La novelette sarà disponibile a costo zero dalle ore 9.00 di oggi, 19 aprile, alle ore 9.00 del 21 aprile. Avete quindi 48 ore per portarvi a casa un bel racconto senza spendere nemmeno un centesimo.
Sì, ma dove si clicca? Continuate a leggere e lo scoprirete.

Continua a leggere

Chronicle (2012): Recensione

Chronicle

Chronicle
di Josh Trank
USA/UK 2012

Sinossi

Andrew, Matt e Steve sono adolescenti comuni, con cui tutti possono identificarsi; ognuno di loro ha una personalità ben distinta con cui affronta le normali difficoltà legate alla scuola, alle nuove amicizie, in una fase della vita in costante evoluzione. Sono imperfetti, goffi e un po’ avventati. Sono come noi, e come molti di noi, sono ossessionati all’idea di raccontare la loro vita, sia gli eventi più ordinari, sia – come nel loro caso – quelli più straordinari. Perché Andrew, Matt e Steve s’imbattono in qualcosa che trascende la loro comprensione e quella di chiunque altro. I tre ragazzi, infatti, improvvisamente sviluppano incredibili capacità telecinetiche: per dirla nel linguaggio dei fumetti, sono dotati di superpoteri! I ragazzi diventano praticamente capaci di qualsiasi cosa. Possono muovere gli oggetti con la forza del pensiero e scaraventare in aria automobili solo con la volontà. Imparano persino a volare realizzando così il loro sogno più grande. Ad un certo punto però la faccenda si complica. (Fonte: Coming Soon)

Continua a leggere

Otto loghi in odore di occultismo

All-Seeing-Eye-Symbol_011

Le vie del cospirazionismo sono infinite, lo sapete bene. E qui, per puro amore dell’immaginazione, amiamo percorrerle tutte (o quasi).
Il complottista è un tipo strambo, pronto a bersi di tutto. Di solito è così svalvolato che, se anche ogni tanto ne imbrocca qualcuna (e vi assicuro che capita), nessuno riesce a prenderlo sul serio. Poi a volte le sparano così grosse che si bruciano ogni residuo bonus di credibilità.
Più o meno è quel che succede oggi.
Riprendendo un post pubblicato da TruTV, vi presento otto megacorporazioni che vengono accusate di avere in qualche modo a che fare col mondo dell’occulto, complici i loro loghi aziendali, che richiamano ad alcuni noti e meno noti simboli esoterici.
Pronti? Si parte.

Continua a leggere

Kickstarter: perché sì, perché no

logo_kickstarter

Kickstarter è un sito web di crowd funding per progetti creativi (cit. da Wikipedia).
Grazie a Kickstarter vengono finanziati progetti indipendenti, soprattutto nel campo dell’intrattenimento: film, musica, giochi di ruolo, fumetti, magazine, libri, ebook,
Le donazioni fatte a sostegno di questa o quella causa non sono a fini di lucro (non si acquisiscono azioni o titoli, per capirci). Esistono tuttavia dei “premi”, stabiliti dai singoli soggetti che organizzano i loro crowd funding. Questi premi sono di solito in crescendo, a secondo di quanto ciascun sostenitore offre e versa. Se si tratta – per esempio – di finanziare un film, i premi potrebbe essere le locandine del medesimo, una spilla commemorativa, una maglietta, una cartolina del regista con tanto di autografo, la citazione nei titoli di cosa etc etc.
Kickstarter è operativo da cinque anni esatti e ha permesso a moltissime belle cose di nascere, senza contare su finanziamenti di major o di produttori.

Continua a leggere

Il reset della comunicazione

Icaro

Quando su una medesima via ci sono tre pizzerie diventa difficile vendere più pizza.
La fame (per fortuna) non è dilatabile. Ma la possibilità di mettersi in contatto? Di quella sì, siamo consumatori insaziabili.
Il bisogno umano primario di essere capiti, rispettati, desiderati quando non ci siamo non è mai propriamente soddisfatto.

Questa è una citazione da Quel pollo di Icaro: Come volare in alto senza bruciarsi le ali. Che è poi l’ultimo libro di Seth Godin, blogger, motivatore, esperto di marketing e di comunicazione.
Uno dei pochi realmente validi sulla piazza, a mio parere.
Comprato e letto in una notte, Quel pollo di Icaro si rivela una miniera di ispirazioni sul come guardare le cose da più punti di vista differenti. Questa volta Godin si occupa soprattutto di spingere noi tutti a tirare fuori la creatività che possediamo, in modo da non doverci più uniformare alla massa. L’obiettivo del “guru” è quello di renderci un po’ più liberi, un po’ più felici, e soprattutto molto più impermeabili al giudizio altrui.
C’è poi un secondo aspetto del libro, molto interessante, che riguarda la comunicazione, il contatto e il rapporto tra queste due cose e la creatività. Il discorso è complesso, ma il brano che vi ho citato è un ottimo punto d’inizio.
Esso risponde a una serie di riflessioni che faccio già da tempo, riassumibili con questa frase: più abbiamo mezzi per comunicare, meno lo facciamo.

Continua a leggere

Come scrivere un post e fare il record di visite

aumentare le visite a un blog

I sistemi per pubblicare articoli molto letti sono tanti, e in fondo semplici.
Se siete dei polemisti appassionati, vi basterà attaccare qualcosa o qualcuno: il vostro post verrà rapidamente rimbalzato sui social network e attirerete un sacco di gente propensa a leggervi e a insultarvi. Questo non spaventa il vero polemista, che di solito vive di flame e se li gode.
C’è poi il gradino inferiore, quello della provocazione. Provate a scrivere un post che mette in dubbio, senza attacchi frontali, ma con molto sarcasmo, qualcosa che piace molto alla massa. Criticate Papa Francesco, Ligabue, la dieta mediterranea, Benigni, la festa della mamma. Vedrete che boom di visite al vostro blog.
Ci sono anche i trucchi positivi, per ottenere i record di “ascolti”. Chiedere l’intervento diretto dei lettori funziona sempre. Scrivete un articolo di 150 parole, che termina con un quesito semplice: meglio la Coca Cola o la Fanta? Tette o culo? Uomo barbuto o uomo glabro?
Sarà l’apoteosi.

Continua a leggere

Le ospiti di Plutonia: Summer Glau

Summer Glau 7

Texana, nata a San Antonio il 24 luglio del 1981.
Questo racconta la carta d’identità di una delle attrici più amate dagli appassionati di cinema e serial di genere, Summer Glau. Ex ballerina provetta, ripiega sulla recitazione a causa di un grave infortunio al piede, che tronca la sua carriera nella danza. Dal 2002 in poi il suo curriculum va riempiendosi di ruoli sempre più importanti: da Firefly a Cold Case, da The Unit a Dollhouse. Sicuramente molti la ricordano nei panni della terminatrix (un robot terminator di sesso femminile, per così dire) Cameron Phillips, protagonista del serial tv Terminator: The Sarah Connor Chronicles.
Al cinema non ha ancora avuto grande occasioni di mettersi in mostra ma, considerando che ultimamente le produzioni televisive battono per qualità quelle cinematografiche, non è detto che questo sia da considerarsi un handicap.
Personalmente ho trovato Summer formidabile nella sua partecipazione a The Big Bang Theory, nel ruolo di se stessa (stagione 2, episodio 17).
Il suo regista preferito è Joss Whedon (non a caso, direi), ed è una grande fan di Star Trek: the Next Generation.

Continua a leggere