Una lista breve di letture estive

Ricorre oggi lo scoppio della prima atomica usata a fini bellici.
O, per dirla semplice: è l’anniversario del bombardamento di Hiroshima.
Qui in Lombardia – se mi perdonate l’accostamento indelicato – il clima è post-atomico. Non è colpa del Covid, anzi: alla fine sembra una qualunque estate padana, con la differenza che i lombardi stanno transumando tutti al sud e non all’estero.
Io sarò prevalentemente qui. Farò qualche giro di prossimità: montagna, laghi, abbazie, sagre (quelle che si faranno), tutte mete che contemplano andata/ritorno in uno o al massimo due giorni.
I motivi di questa quasi-immobilità, dopo 19 anni ininterrotti di viaggi estivi fuori Italia? Tanti, ma non voglio annoiarvi.
Di certo non sarà un’estate allegra. Oltre alla mancanze del viaggio in sé, che è sempre scoperta e acculturamento, mancherà la necessità di staccare dalla routine per quei 7-15 giorni sacrosanti all’anno. Routine: una parola che nel 2020 ha assunto significati mutevoli, a volte rassicuranti, a volte depressivi.
Al momento non sto nemmeno scrivendo. Lo faccio senza sosta da fine febbraio, sono un tantino stanco. Magari fra due giorni sarò di nuovo in fase creativa, chissà. Per non una volta non sono spaventato dalla pagina bianca.
In compenso sto tornando a leggere in modo “serio”, ovvero per più di 15 minuti al giorno, il ritmo massimo che ho tenuto da marzo in poi.
Quindi vi pubblico una breve lista di letture consigliate, anche se poi di alcuni libri tornerò a parlare singolarmente, su YouTube e IGTV.

Iniziamo con un romanzo comprato quasi per caso, e che si è rivelata la migliore lettura del 2020: Guida al trattamento dei vampiri per casalinghe, di Grady Hendrix (Strade Blu – Mondadori). Non badate alla copertina italiana e al titolo un po’ meh. Il romanzo è davvero fantastico, una storia di vampiri della porta accanto, di quelli cattivi, intelligenti, pericolosissimi. Ad affrontarlo saranno delle casalinghe di un tranquillo paese della Carolina del Sud. No, non è una commedia horror, non cadete nell’inganno. Si tratta di un thriller-horror scritto in uno stile fantastico. Un horror al femminile e femminista, ma nel senso vero del termine, con donne “reali”, ben caratterizzate, credibili. Non naziste che odiano gli uomini o cose simili.
Comunque ne parlerò presto sui miei canali video, perché vale la pena approfondire l’argomento.

Ho poi il lettura il nuovo nato dalla penna di Joe Hill (sì, il figlio di Stephen King). S’intitola Un tempo strano, pubblicato da Sperling & Kupfer ed è una raccolta di quattro romanzi brevi che variano dall’horror al weird. Tutto papà, insomma. A incuriosirmi è proprio il formando “medio”, che come scrittore adotto sempre più frequentemente. Ho parlato di questa scelta creativa in un video su IGTV (lo trovate qui sora). Verso fine agosto vi farò sapere qualcosa di più su queste storie. Quindi sì: è un consiglio più o meno alla cieca.

Se siete ancora innamorati della pandemie narrative – e so che molti di voi lo sono – non potete perdere Clean – Tabula Rasa, di Glenn Cooper (Editrice Nord). Cooper è un instancabile stakanovista della scrittura, un bestsellerista seriale, capace di sfornare romanzi a ripetizione. Questa volta ciò che scrive tocca molto da vicino l’attualità. Citando la quarta di copertina:

Una catastrofe globale. Nel giro di pochi giorni, miliardi di persone in tutto il mondo perdono la memoria a causa di un virus sconosciuto e altamente infettivo. Senza più nessun ricordo, uomini e donne agiscono solo in base all’istinto di sopravvivenza, spinti dalla fame e dalla paura. Le città sono al collasso, non ci sono più elettricità, acqua corrente, rifornimenti di cibo. I pochi immuni dal contagio si rifugiano in casa e pregano nel miracolo. Eppure c’è chi pensa che il miracolo sia già avvenuto: senza polizia e tribunali, è in vigore un’unica legge, quella del più forte…

Ultimo consiglio, almeno per ora, è un superclassico a fumetti: La lega degli straordinari gentlemen, di Alan Moore. Sì, esattamente loro: i “supereroi” di fine ‘800/inizio ‘900 da cui hanno ricavato un film che a me continua a piacere, ma che ha atmosfere assai diverse dalla graphic novel in questione.
Se volete leggere la prima avventura di Mina Murray, Allan Quatermain, Dr. Jekyll, Griffin l’uomo invisibile e del Capitano Nemo questa è la vostra occasione. Soprattutto perché in versione digitale il volume sarà in offerta per tutto agosto a 1,99 euro (al posto di 10,39 euro).

Questo è quanto.
C’è poi il mio racconto, Doppelanautica, a cui ho dedicato anche un breve video di presentazione.

Buona estate a tutti, qualunque cosa facciate, qualunque sia il vostro stato d’animo.


👉 Articolo di Alex Girola: https://twitter.com/AlexGirola
👉 Pagina Facebook: https://www.facebook.com/PlutoniaExperiment/
👉 Segui il canale Telegram di Plutonia: https://telegram.me/plutonia
👉 Pagina autore: amazon.com/author/alessandrogirola
👉 Pagina Ko-fi: https://ko-fi.com/alessandrogirola
👉 Canale YouTube: www.youtube.com/AlessandroGirola

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.