Top 5: Librogame

 

Per me l’estate è sempre un gran turbinio di ricordi e di suggestioni.
Ricordo gli anni della mia infanzia, trascorsi in Valsassina, in compagnia di amici, passeggiate, pic-nic e… librogame.
Per celebrare tutto ciò ripesco una mia top 5 del vecchio blog. Forse una delle meno commentate, ma il cui argomento non smette di tornarmi in mente, almeno di tanto in tanto.
Forse il mio stesso amore per la lettura nasce grazie al “consumo” intensivo di librogame. Alla faccia di chi, all’epoca, diceva che erano stupidaggini che poco avevano a spartire con la vera cultura. Evidentemente i saccenti e gli snob sono una costante di tutti i periodi storici.
Ho “giocato” ai librogame praticamente ovunque: in casa, a scuola, in auto, in montagna, al mare. Lettura e divertimento erano complementari e davvero non ci stancava mai di vestire i panni del cavaliere Ramas, del mago, dell’eroe greco.

Ho collezionato librogame più o meno fino alla fine degli anni ’90, quando oramai non li giocavo più, bensì li leggevo e basta, come dei normalissimi romanzi. A parte le ultime serie arrivate in Italia, che ricordo come troppo cervellotiche e poco originali, credo di aver comprato un buon 80% dei libri-gioco tradotti nella nostra lingua. Ecco la top five di quelli che – tutt’ora – ricordo con piacevole nostalgia.

 

5. In viaggio verso Creta

(Serie Grecia Antica, autori: David Honigmann, John Butterfield, Philip Parker)

Davanti a te si aprono le mille possibilità di una vicenda che si svolge nell’incanto della mitologia classica: tuo fratello Teseo è caduto vittima del Minotauro nel labirinto di Creta, e tu devi assolutamente raggiungere Atene e imbarcarti per compiere la tua vendetta. Non tutti gli déi ti saranno favorevoli in questo pericoloso viaggio, devi scegliere il tuo protettore: Ares, il dio della guerra? L’incantevole Afrodite, regina dell’amore? Era, dalle bianche braccia? Fa la tua scelta…

Un librogame decisamente adulto, che pesca a piene mani nella mitologia greca. Tra l’altro ha il pregio di essere piuttosto lungo e corposo. Sistema di gioco semplice, ma non banale. E poi diciamo: a chi non piacerebbe incontrare, almeno virtualmente, il minotauro nel suo labirinto?

4. Il signore di Ravenloft

(Serie Advanced Dungeons & Dragons, autore: Jean Blashfield)


Dal castello di Ravenloft il conte Strahd esercita il suo tetro potere sulle terre di Barovia: misteriose sparizioni, giovani donne che al mattino si svegliano in preda ad una strana debolezza… tocca a te liberare questa terra dall’incubo che la opprime.

Il migliore dei librogame ispirati al più famoso gioco di ruolo di sempre, AD&D. Qualche anno dopo aver affrontato il conte Strahd attraverso le pagine di questo libro, sarei diventato il Master di diverse sessioni ambientate a Ravenloft. Le cose non capitano mai per caso.

3. Viaggio all’Inferno

(Serie Bloodsword, autori: Dave Morris, Oliver Johnson)

Blood Sword, la magica spada della vita, ti è stata sottratta da Icon l’Empio, il quale l’ha portata con sé nell’infernale mondo di Sheol. Non ti resta che affrontare il viaggio nell’aldilà, quello stesso viaggio compiuto in tempi ormai lontani dall’astuto Ulisse. Inizia così un’avventura straordinaria, in uno scenario da incubo popolato da personaggi destinati a giocare dei ruoli inaspettati nella tua vicenda: se vuoi portare a termine la missione, devi toccare le profondità dell’abisso…

Bloodsword è un sistema a metà tra il gioco di ruolo e il librogame classico, con la possibilità (ai tempi davvero innovativa) di gestire addirittura quattro personaggi nella medesima avventura. Questo libro è il più riuscito della serie: un’avventura nell’Aldilà, tra Dante, Ulisse e la mitologia norrena. Impareggiabile.

2. Traversata infernale

(Serie Lupo solitario, autore: Joe Dever)


Mentre un esercito di mostri, al servizio dei Signori delle Tenebre, sta mettendo a ferro e fuoco il pacifico regno di Sommerlund, tu, Lupo Solitario, devi partire per una pericolosa missione, affrontando le mille insidie di un mare battuto da feroci pirati e scosso da violente tempeste suscitate dalle oscure forze del Male. Dovrai scegliere il tuo percorso tra i vicoli delle città di mare, dove ogni taverna nasconde un agguato. Dietro ogni pagina può celarsi una trappola mortale, ad ogni passo metti in gioco la tua vita e il successo della tua missione.

Lupo Solitario è la mia serie preferita da sempre, anche se a lungo andare ha perso mordente, trasformandosi in un esercizio ripetitivo. I primi dodici volumi sono però eccezionali. Davvero difficile sceglierne uno solo. Se devo proprio farlo, opto per Traversata infernale, perfetto compendio tra romanzo fantasy-epico e gioco.

1. La corona dei Re

(Serie Sortilegio, di Steve Jackson)

Bastano un paio di dadi, una gomma e una matita per lanciarsi in un’avventura ai limiti dell’impossibile: questa e’l’ultima tappa, e la fortezza di Mampang si staglia tra le alture nebbiose… Puoi giocare la parte del Mago o quella del Guerriero, le misteriose creature che stai per affrontare impegneranno tutte le tue riserve di energia. Ma non basta: devi anche avere buona memoria, osservare i più piccoli indizi, risolvere qualche enigma…

Il mammuth dei librogame, un’opera monumentale e dalla difficoltà elevata. Steve Jackson, diabolico ludo-genio degli anni ’80 e ’90, ci regala una sfida affascinante, durissima e imperdibile. La fortezza di Mampang me la ricordo ancora adesso, con le sue creature strane, le sue trappole, i suoi sortilegi…

23 commenti

  1. Sai che proprio ieri ho dovuto, a malincuore, mettere in soffitta tutti i mei librigame? Ed erano parecchi, fidati!
    Li ho giocati fino allo sfinimento e come te, sono forse stati la causa del mio percorso ludico arrivato negli anni dopo.
    Fra quelli citati da te ricordo molto bene Lupo Solitario e Sortilegio, ma anche gli altri non erano male. Mai provato Oberon?
    Uno sguardo nel buio, in gdr lanciato assieme alla collana di librigame, invece fu il mio primo e vero esperimento di masterizzazione…
    Già, le cose non accadono per sbaglio! 🙂

    1. Oberon, come no! Una delle prime serie che ho letto.
      Diciamo pure che le ho provate tutte, tranne quelle venute negli ultimi anni, nel periodo del decadimendo.
      Uno sguardo nel buio è stato anche il mio primo RPG. La versione base era davvero semplice, ma già con l’espansione il gioco aveva un perché 😉

    1. Ultimamente so che ne hanno ristampati alcuni, aggiornandoli con nuove pagine etc etc. Ne ho visti anche in qualche megastore Mondadori. Non so dirti se ti piacerebbero o meno ma se ti capitano sottomano… provali 😉

  2. Proprio una settimana fa ho sistemato la nuova libreria in casa e ora ho spazio per tutto, pure una bella mensolona per i libri game.
    La Top5 personale sarebbe leggermente diversa, meno grecia e più incubi (la serie in due soli volumi molto lovecraftiana) e magari con i libri sul ciclo di re artu (ironici e divertenti).
    E proprio (2) qualche giorno fa parlando tra colleghi sul nuovo posto di lavoro ho scoperto un appassionato, al quale con orgoglio ho mostrato le foto della cena con Joe Dever 😉 roba da non credere!

    1. Io non ho avuto ancora il coraggio di farli sparire dagli scaffali, per quanto abbia bisogno disperatamente di spazio per i libri più recenti, accatastati ovunque 🙂
      Riguardo ai gusti personali non c’è margine di discussione: ho conosciuto persone che amavano saghe che io trovavo assurde, tipo “Avventure stellari” o “Detectives club”…
      Il bello dei LG è proprio che ce n’erano per tutti i gusti 🙂

  3. Io tutti i miei librigame li ho regalati alle due figlie di una coppia di amici.
    Che comincino bene.
    Sono stati divertenti per me, so che lo saranno anche per loro.

  4. provati,provati..Lupo Solitario, la serie di Artù, Oberon, il conte dracula, e altri…che ricordi…e se avessi la tentazione di rifarne qualcuno?….ah, i ricordi delle avventure…

  5. Non pensavo che esistessero libri game di D&D! Avevo un’ambientazione di Ravenloft, mai usata. Chissà che fine avrà fatto…
    Gli unici a cui ho giocato seriamente erano quelli ispirati al periodo mercantile del Ciclo della Fondazione. Erano meno frustranti, come modalità di gioco anche se forse un po’ pacco. Mi piacevano anche quelli della serie Compact, che erano semplici indagini e non troppo lunghi. I Lupo Solitario li leggevo, più che giocarci.

  6. Io ci gioco ancora e ancora qualcuno viene pubblicato, ormai in inglese. Colgo l’occasione per fare pubblicità a Librogame’s Land, il sito italiano dedicato al genere, dove chi volesse può trovare discussioni, un mercatino per comprare e vendere, gente che scrive librogame a manetta (anche grazie a un programma di matteo poropat) e tanti pdf nuovi di zecca di materiale amatoriale, traduzioni e curiosità: http://www.librogame.net/

    non è morto ciò che in eterno può attendere…

  7. Io rimango ancora legatissimo alla serie di Lupo Solitario,la migliore dal punto di vista tecnico e al primo librogame con cui ho giocato Le Ombre di Nordmar della serie Advanced D & D,quanti pomeriggi ci ho passato sopra.

  8. Concordo sul fatto che la conclusione della serie di sortilegio fosse uno dei librogame migliori del genere. L’ho usurato da quanto l’ho riletto.

  9. Ahem, li ho provati un paio di volte. Non mi sembra valessero molto né dal punto di vista ludico né come narrazioni. Magari mi sono capitati in mano quelli brutti. Non mi chiedete i titoli, non me li ricordo…

  10. Ah che ricordi! 🙂 Io e mio fratello ne avevamo una discreta collezione (Oberon, Lupo solitario, D&D, re artù, Sherlock Holmes, misteri d’oriente…anche alcuni da “ragazza” mi ricordo). Parlo al passato perchè poi mia mamma (benedetta donna) ha avuto la “brillante” idea di regalarli alla biblioteca della mia scuola elementare (noi all’epoca facevamo già il liceo). Capisco la trasmissione dei saperi ma proprio con i MIEI librigames? 😦 Tra l’altro per i nostalgici c’è ancora un attivissimo forum librogame’s land…

  11. Di Lupo Solitario hai scelto proprio il n°2, quello che ti dava la fantomatica “Spada del Sole”, arma indispensabile per fare tutti gli altri volumi. Io preferisco il primo volume in assoluto, perchè non è affatto banale e le poche abilità ramas del personaggio rendevano complicato risolvere l’avventura.

  12. Io avevo trovato un sito dove potevi rigiocare online i primi librogame di Lupo Solitario. Il mio preferito era I Guerrieri della Strada! Ero un guerriero della strada io raga 😉 Quindi non li fanno più, nè? Niente di niente?

  13. Il mio preferito era ‘La creatura del male’ un’avventura bella tosta di Steve Jackson in cui l’eroe era un mostro creato dalla magia nera, privo di morale e di esperienza (almeno all’inizio) con una gran passione per la carne di hobbit… ma poi calato in un’ambientazione ricca e affascinante, esposta all’inizio in un prologo, che all’inizio sembrava assolutamente accessoria, e invece si rivelava fondamentale per completare la quest del protagonista nello scoprire le sue vere origini. Peccato che in italiano abbiano un pò pasticciato con la lingua segreta dei folletti, ma alla fine si riusciva a risolvere tutto con un pò di attenzione.
    Poi c’era la serie Ninja! che era splendida, peccato che l’abbiano interrotta col sesto volume, che aveva un finale monco… forse progettavano di continuarlo in un successivo volume mai pubblicato? a saperlo era meglio se finiva con l’ottima conclusione del quinto.
    Ricordo anche ‘i cancelli della morte’ di Terry ‘Raistlin’ Philips, all’origine della mia passione per i paladini… poi anche il personaggio secondario era simpatico, il ladro/chierico Julian, molto interessante il sistema dei punti d’onore, ma soprattutto affascinanti alcuni punti chiave dell’avventura, fra cui proprio i cancelli della morte e i suoi inquietanti guardiani…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.