film · recensioni

Nosferatu – 90 anni portati bene

Ieri sera ho postato sul mio profilo Facebook il link di Youtube da cui è possibile vedere l’intero film Nosferatu il vampiro coi testi in italiano. Parlo di testi e non di sottotitoli perché il film, datato 1922, è muto. Ottantaquattro minuti accompagnati dalle musiche di Hans Erdmann e dalla regia espressionista di Friedrich Wilhelm Murnau.
Inaspettatamente ho ricevuto una marea di “like” e di commenti. Non pensavo che un vecchio film fosse in grado di suscitare ancora tanto entusiasmo, per quanto storico e bellissimo. In particolare un commento della mia tweetamica LauraAnna (a cui dedico questo post) mi ha dato modo di riflettere. In sostanza mi ha fatto notare che il film, pur piacendole, risulta essere pesantino, per chi è abituato al cinema di oggi.
Il che è vero.
Non tirate subito le pietre, lasciatemi spiegare: intendo dire che il cinema moderno è effettivamente qualcosa di totalmente diverso a quello di trent’anni fa. Figuriamoci se lo paragoniamo alle pellicole del muto, come Nosferatu di Murnau. Ovviamente si può parlare sia di evoluzione che di involuzione.
Come sempre avviene in campo tecnologico e scientifico, abbiamo migliorato le meccaniche del cinema, tanto che ora è possibile girare film che fino a venti (o meno) anni fa sarebbero stati impensabili, o ridicoli. E’ vero, in passato c’era molto mestiere, tanto che le pellicole degli anni ’50 – penso soprattutto alla fantascienza e all’horror – sono ancora godibili oggi. Però a livello tecnico siamo ora in grado di realizzare vere e proprie magie visive.
Che per alcuni seppelliscono l’anima del film.

La celeberrima ombra del conte Orlock.

Il che è vero solo a metà, visto che non si può generalizzare. Ci sono film che sono un insieme di esplosioni, effetti speciali e computer graphic, totalmente privi di una trama degna di questo nome, e ce ne sono altri che riescono a essere ugualmente bellissimi, unendo le due cose.
Non sono mai stato un nostalgico del vecchio cinema. Mi piace valutare le singole pellicole, non la loro data di produzione.

Nosferatu il vampiro riesce a conservare un fascino assoluto, specialmente nella prima metà, ambientata sui Carpazi. Che poi è la parte di ogni trasposizione di Dracula che ho sempre adorato, trovando invece il “trasloco” londinese piuttosto noiosetto. Questo vale in tutti i film sul conte vampiro, non solo sulla versione di Murnau, tra l’altro apocrifa*.
Nosferatu è qualcosa di diverso dal cinema. Sorpassato, ma per questo immortale. Non-morto, come il vampiro. Arte, se una volta nella vita questa parola ha senso. Il misterioso attore Max Schreck, che interpreta il conte Orlock, aggiunge fascino al film. Non solo per il trucco ripugnante, ben lontano dal vampiro dandy diventato oramai iconico, bensì per tutta la leggenda che avvolge l’attore stesso. Sconosciuto, con un curriculum praticamente ignoto e un cognome dall’inquietante significato**, Scherck venne perfino sospettato di essere un vero non-morto. Leggenda metropolitana alimentata da Murnau stesso, in quale era inizialmente intenzionato a cercare un vampiro carpatico in carne e ossa per convincerlo a lavorare nel suo film. Era il 1922, e certe cose non strappavano i sorrisetti di circostanza di oggi.
Vicenda singolare che ispirò anche il film L’Ombra del Vampiro (2000), di cui trovate una bella recensione qui.

Nosferatu – Locandina d’epoca.

Come vedete, nonostante sia l’anno domini 2012, Nosferatu riesce ancora a causare ben più di un brivido e una buona dose di sense of wonder. Quindi vi invito, se volete, a rivedervelo gratuitamente su Youtube. Tra l’altro legalmente, visto che il film è disponibile per la visione gratuita su Internet.

– – –

* Nosferatu il vampiro è “ispirato liberamente” al Dracula di Bram Stoker. In realtà, a parte i nome diversi dei vari personaggi (Dracula è Orlock, Harker è Hutter e Mina è Ellen), la trama è identica. Tanto che Murnau fu denunciato dagli eredi di Stoker per violazione dei diritti d’autore, perdendo la causa.
** Scherck in tedesco significa “Massimo terrore”.

(A.G. – Follow me on Twitter)

5 risposte a "Nosferatu – 90 anni portati bene"

  1. Aggiungo un paio di particolari al tuo ottimo articolo.
    Allora…
    La storia su Max Scherk recentemente è stata arricchita da un nuovo particolare. secondo alcuni studiosi di storia del Cinema potrebbe essere lo stesso Murnau travestito e truccato in maniera da renderlo irriconoscibile.
    Leggenda? Voci?
    Sinceramente non so dirlo, certo che la teoria sul “vero vampiro” man mano che passano gli anni acquisisce sempre più fan.

    Inquietante invece il seguito del la storia sulla denuncia che la vedova Stoker effettuò a ragione per plagio nei confronti di Murnau.
    Il regista fu obbligato a distruggere quasi tutte le copie del film, se ne salvò solo una che il regista nascose per anni.
    Le leggende diventano tali anche per i particolari che nascono attorno ad esse.
    Ciao.

    1. Questa mi mancava! Mi sembra un’ipotesi un po’ bizantina, ma del resto erano tempi strani… tutto è possibile.
      La teoria sul vero vampiro è quella più affascinante, inutile nascondersi. E comunque sul vecchio Max Schreck ci sono talmente poche informazioni che il mistero persiste (si parla, se non sbaglio, di una vecchia locandina teatrale in cui è stato trovato il suo nome… ma null’altro).
      Leggende su leggende.

      Grazie per aver completato la storia riguardante il plagio. Io l’ho omessa, ma in effetti andava raccontata.
      Bel contributo, grazie ancora 😉

  2. E’ un film che ancora inquieta. penso ai giochi di luce, semplice artigianato di cinema, eppure efficacissimo e capace di suggestionare lo spettatore ancora oggi. So di dire una bestemmia, ma io ho sempre preferito l’apocrifo Orlock a Dracula – anche quello di Kinsky – perché Orlock è un vero reietto nella sua deformità e bruttezza, mentre Dracula è un po’ troppo dandy in alcune trasposizioni

    1. Rispetto al Dracula con Bela Lugosi, Nosferatu è molto più inquietante. Vuoi anche solo per l’aspetto di Orlock, che è ben più mostruoso.
      Ha fatto meglio la Hammer, col Dracula affidato a Christopher Lee. Ma a livello di “perturbante”, come dicono quelli bravi, Murnau li batte forse tutti.
      Fermo restando che Lee è il mio Dracula preferito. Come personaggio, ma non come film nello specifico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.