fumetti

Baltimore – Le navi della peste (di Mike Mignola e Christopher Golden)

Baltimore – Le navi della peste
di Mike Mignola, Christopher Golden e Ben Stenbeck
Magic Press editore
144 pagine a colori, 13 euro

Sinossi

Dopo che una devastante epidemia ha fatto finire la Prima Guerra Mondiale, l’Europa è improvvisamente invasa da vampiri. Lord Henry baltimore, un soldato determinato a spazzare via quei mostri, li combatte attraverso campi di battaglia insanguinati, navi appestate, dirigibili infuocati e cimiteri sottomarini. Una missione che sfocia nell’ossessione.
Primo volume a fumetti per il personaggio creato da Mike Mignola e Christopher Golden.

Commento

Questo comic nasce come costola di un romanzo illustrato che ho letto e apprezzato qualche anno fa: Baltimore – Il tenace soldatino di stagno e il vampiro.
Gli autori sono gli stessi: il geniale Mike Mignola (papà di Hellboy e del BPRD) e Christopher Golden, veterano dell’horror con sfumature fantastiche di vario genere, conosciuto in Italia per qualche sporadica traduzione di alcuni dei suoi lavori.
Il primo volume della nuova saga a fumetti è ambientata nell’Europa ucronica introdotta dal romanzo. Risvegliati dal gran numero di morti causati dalla Grande Guerra sul fronte occidentale, una vecchia e numerosa stirpe di vampiri è pian piano dilagata nel vecchio continente, diffondendosi come una peste letale e orripilante.
Molti sono i paesi che contano casi di vampirismo, tra cui le principali potenze che fino a pochi anni prima si davano battaglia: gli Imperi Centrale e gli Alleati. I non-morti, parassiti del genere umano, non sembrano avere una precisa strategia di conquista. Il loro risveglio è paragonabile a una vera e propria pandemia: attecchiscono dove capita, nutrendosi di moribondi e disperati, che a loro volta vanno ad accrescere le fila vampiresche.
Tra i tanti non-morti di rango infimo – capaci di trasformarsi in grandi pipistrelli antropomorfi – ce ne sono poi alcuni più intelligenti, antichi e potenti. E’ proprio uno di questi, Haigus, tra i responsabili originali della peste vampiresca, che l’ex ufficiale brittanico lord Baltimore ha scelto come sua preda. 

Baltimore è un cacciatore atipico. Nobile, reduce dalle trincee della Prima Guerra Mondiale, è stato uno tra i primi ad assistere alla comparsa dei non-morti sui campi di battaglia. Dopo aver ferito Haigus per salvarsi la vita, ha subito la vendetta dell’antico vampiro, che si è consumata sulla famiglia del nobile inglese. Questa terribile esperienza è però servita a lord Baltimore per trasformarsi in uno spietato uccisore di mostri, che vagabonda in un Europa ucronica derelitta, alla ricerca della sua nemesi.

Di Mike Mignola vale sempre la pena ribadire ogni bene possibile. Le sue storie sono al contempo avventurose e velate di una sottile, poetica malinconia. Baltimore è un personaggio più drammatico rispetto a Hellboy, ma anche in lui si ravvisano le caratteristiche “mignoliane” che lo rendono affascinante.
Lo scenario dell’Europa dei primi anni ’20, spazzata da una pandemia che ricorda molto la peste nera medioevale, è davvero riuscito. Non ci sono atmosfere da zombie apocalypse (sarebbe stata una scelta piuttosto banale); la peste non-morta rimane piuttosto sullo sfondo, come un’inesorabile condanna che pende sul vecchio continente, ancora provato dagli orrori della Grande Guerra e ora decimato dai non morti.

Bellissimi i richiami dieselpunk di questo primo albo di Baltimore. La battaglia coi vampiri-palombari, nascosti nei vecchi u-boot affondati a largo delle coste francesi, vale da sola il prezzo il prezzo di copertina.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

8 risposte »

  1. Lasciate stare, va, che negli ultimi mesi ho speso un capitale coi fumetti.
    C’è da dire che risparmio sul lato libri, essendomi convertito agli ebook da un anno abbondante.
    Però il prezzo dei comics continua a salire…

  2. Un fumetto fantastico, e il volume successivo secondo me è ancora più bello 😉 Sono un fan di Mignola da sempre, e Baltimore è uno dei personaggi più fighi e cazzuti che abbia mai creato 😉 Cheers!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.