film · recensioni

L’Uomo d’Acciaio (2013)

Man-of-Steel_Superman_Zack-Snyder

L’Uomo d’Acciaio
di Zack Snyder
USA 2013

Sinossi

Il pianeta Krypton, esaurite le risorse naturali, è condannato a implodere. A pochi giorni dalla fine e nei giorni del colpo di stato del generale Zod, nasce un bambino destinato a cambiare la vita di un pianeta più giovane e lontano. Figlio di Jor-El, scienziato e luminare di Krypton, Kal viene imbarcato su una navicella e lanciato nello spazio con il codice genetico del suo popolo. Atterrato in Kansas e sopravvissuto ai genitori, Kal viene recuperato dai coniugi Kent, che lo educano con amore e senso etico. Molto presto però la natura aliena e formidabile di Clark, il suo nome terreno, prende il sopravvento emarginandolo dal mondo. Diventato uomo dentro al corpo di un dio, lascia la casa paterna in cerca delle proprie origini. Il ritrovamento di una nave spaziale, precipitata sulla terra milioni di anni prima, è la risposta alle domande disattese di Clark, a cui l’ologramma del padre biologico rivela identità e genesi. Unico della sua progenie, Clark incarna la ‘speranza’ di un domani migliore per il pianeta che lo ha cresciuto e che adesso vuole servire facendo il bene. Infilata la tuta rosso-blu di Superman, Clark dovrà vedersela con un fantasma del passato che torna a chiedere il conto. (Fonte: MyMovies)

Commento

Mi sono avvicinato a questo film con le giuste aspettative.
Superman è un personaggio che mi affascina, anche se non sono un fan della DC Comics.
Zack Snyder è un regista che mi piace (alcuni di voi rabbrividiranno nel sentirmelo dire, ma è così).
Infine mi piaceva anche l’idea di una rilettura matura del mito dell’Uomo d’Acciaio. Perché, a volerla dire tutta, i vecchi film col leggendario Christopher Reeve come protagonista sono sì dei cult, ma hanno anche delle venature “infantili” che, viste con occhi adulti, fanno esclamare più di una volta “ma che ca**o?!?“…

Il nuovo costume: a me piace.
Il nuovo costume: a me piace.

Dunque, qual è il giudizio finale su questo nuovo Superman?
Discreto.
Un termine che vuol dire tutto e niente, me ne rendo conto.
Discreto perché è un buon film per 3/4 della pellicola, e che cede sul finale alla tentazione delle “botte da orbi in salsa effetti speciali”.
Discreto perché prometteva molto e ha mantenuto più o meno il 50% delle aspettative. Poco? Tanto? Ditemelo voi.

La trama è piuttosto classica e pesca tanto dalla costruzione del “mito” dell’Uomo d’Acciaio quanto dalla trama di Superman II, mettendo in scena un generale Zod 2.0 piuttosto convincente.
Come ho già detto, il film spara le migliori cartucce nei primi 90 minuti, tra flashback, dilemmi morali, e molto spazio dedicato alla parte “aliena” della pellicola, quella iniziale ambientata su Krypton.
Henry Cavill non è un attore trascendentale, ma veste bene il ruolo di Kal-El anche se, e questo è un commento femminile che mi piace riportarvi, è senz’altro più sexy con la barba che non senza.

Russel Crowe e Kevin Costner, rispettivamente il padre biologico e quello adottivo del nostro Clark, sfoderano quanto basta della loro bravura per dare vita a due personaggi solidi e convincenti. Gioco facile per due vecchi volponi, visto che comunque parliamo di ruoli dal profilo arcinoto e datati ben 75 anni.
Amy Adams è una Lois Lane sorprendentemente dolce (dovete sapere che io odio la classica Lois, quella che ci hanno rifilato per anni e anni).
Michael Shannon è un generale Zod riuscito quanto basta, ma comunque inferiore al predecessore (l’inarrivabile Terence Stamp).
Molto sexy e azzeccata è invece la subcomandante Faora, interpretata da Antje Traue, attrice tedesca che ha fisico, mestiere e cattiveria per risultare una guerrafondaia fanatica del tutto credibile.

Altro che Zod: lunga vita al subcomandante Faora!
Altro che Zod: lunga vita al subcomandante Faora!

La parte migliore del film è senz’altro il primo scontro tra l’Azzurrone e i kryptoniani di Zod, in quel di Smallville, ridente località del Kansas. Momenti di puro godimento visivo; forse il miglior scontro supereroistico/cinematografico di sempre.
Mi ha invece convinto molto meno il secondo scontro, quello a Metropolis, troppo ridondante e al contempo ambientanto in una città che sembra posticcia, manco fosse uscita dall’ultimo film della trilogia di Matrix.

Il lato “messianico” dell’Uomo d’Acciaio, su cui contavo molto, viene accennato più volte, senza mai osare spingersi fino in fondo, senza svilupparlo al punto di giudicare questo film come maturo e memorabile. Davvero un peccato.
Snyder parte bene, ma al giro di boa del primo tempo si lascia trasportare dalla voglia di trasformare tutto in cazzottoni, e la sua pellicola ne risente.
Quel che resta alla fine è un buon film, con sprazzi memorabili, ma che si livella verso il discreto.
Tutto e niente, insomma.

Leggi anche

La recensione di Book and Negative
La recensione di Cyberluke
La recensione de Il Viagra della Mente

Un regalo per i fan di Superman (cliccate per ingrandire).
Un regalo per i fan di Superman (cliccate per ingrandire).

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

13 risposte a "L’Uomo d’Acciaio (2013)"

  1. Ecco son sempre più curioso di vederlo Man of Steel,nonostante i suoi difetti. Complimenti poi per il personaggio di Faora è praticamente uguale all’equivalente cartaceo.

  2. Mi hai incuriosito, magari in qualche modo lo vedo, anche se non è tra le mie priorità. Il concetto di Superman mi piace, ma il modo in cui è sempre stato gestito non mi ha mai convinto (e poi ha un costume orrendo – chi lo veste, la Standa Orfei?), troppo boy scout, bandiera e torta di mele.

    P.S. MI piace – nell’ultima illustrazione – quel Superman barbuto del 1995 (anche se il costume è sempre imbarazzante), più che altro perché fa molto Zeus.
    P.P.S. Sì, il mio commento ha una percentuale di sciampista – neanche piccola – inside. XD

    1. Già nella rece c’è un’annotazione da sciampista, quindi direi che siamo sulla stessa lunghezza d’onda 😀

      Su Superman la vedo come te: personaggio affascinante, troppo spesso sviluppato in modo banale.
      Eppure le saghe fighe da trasformare in film ci sarebbero anche…

      1. Ecco, mi piacerebbe vedere qualcosa del genere, ma poi direbbero: Non è Superman! o Non è il Superman Classico! come se da questo dipendesse la vita di tutti noi. -_-

        Siamo due sciampiste, Alex, non c’è niente da fare. 😀

  3. Condivido in pieno.
    In questi giorni è molto divertente leggere i commenti dei cristiani scandalizzati dai messaggi messianici e cristologici della pellicola. Che ne ha giusto due, quando invece quelli di Donner e il Returns ne erano davvero infarciti.

    Ps: bellissimo il poster con i vari superman. Ci mancano solo quelli energetici e quello di Miller del ritorno del cavaliere oscuro.
    Orribile quello di Morrison coi jeans

    1. Probabilmente perchè non conoscono chi ha creato Superman xD e pensano sia una cosa nuova e non di 70 anni e passa… no comunque, confermo la sensazione generale: l’ho visto, trovato megabellissima tutta la prima parte, e poi nella seconda lascia una sensazione strana. Manca qualcosa, che però è riempita dai Kryptoniani e che si pestano un sacco. Forse anche troppo. (Faora è fantastica, krypto era fighissimo *_* ma ok, io amo Snyder, sono di parte)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.