film · recensioni

Rush (2013): Recensione

RUSH

Rush
di Ron Howard
USA/UK/Germania 2013

Sinossi

Rush narra la storia di una rivalità sportiva rimasta negli almanacchi e nei cuori degli appassionati: quella tra il campione austriaco di Formula Uno, Niki Lauda, e il suo più acerrimo avversario degli anni ’70, lo spericolato inglese James Hunt.
Rivalità che impreziosì l’epoca d’oro delle corse automobilistiche, mettendo uno contro l’altro due piloti agli antipodi: freddo calcolatore il primo, istintivo e sregolato il secondo.
Il film tratta il periodo che va dal passaggio dei due campioni dalla Formula Tre alla Formula Uno, fino allo storico campionato del mondo del 1976, passando attraverso il terribile incidente occorso a Lauda nel Gran Premio di Germania del 1° agosto 1976…

Commento

Adoro i film sportivi, anche se non è facile girarli.
In più trovo che raccontare il mondo della Formula Uno attraverso il grande schermo sia ancora più difficile. Ron Howard ci prova, rievocando l’epoca in cui l’automobilismo era ancora uno sport eccitante e spettacolare. Per molti esperti furono proprio i ’70 a rappresentare il culmine qualitativo di questa disciplina, anche se, personalmente parlando, la mia passione raggiunse il massimo con l’epopea del grande Senna, e poi morì con lui.

Niki Lauda era invece il pilota preferito di mio papà. Se conosco qualcosa di lui, lo devo proprio alle spiegazioni, ai racconti di mio padre. Per quel che mi concerne lo ricordo soprattutto come commentatore televisivo, il viso già sfigurato dall’incidente, dal fuoco.
Ed è da quel punto cruciale della carriera, anzi, della vita di Lauda, che Howard imposta il film, ripercorrendo la storia dei due arcirivali, così diversi tra loro da non potersi sopportare.

RUSH

E’ questo duplice filo narrativo che fa filare via il film, contrapponendo i caratteri opposti e incompatibili dell’austriaco e dell’inglese, senza mai fare il tifo per l’uno o per l’altro. Un’equidistanza che ho apprezzato e che rende onore ad entrambe i piloti, sottolineando umani pregi e umanissimi difetti senza scadere (quasi) mai nell’agiografia.

Rush dura due ore, ma non ha momenti di noia. Il film è ben costruito, soprattutto sulle parti che non riguardano le rievocazioni dei vari gran premi. Le vite parallele e al contempo divergenti dei due campioni ci vengono proposte per capitoli, per tappe, in modo lievemente patinato, ma senz’altro gradevole. Howard sa fare il suo mestiere, e si vede. Forse gli manca ancora quel guizzo geniale, quella trovata unica memorabile, una sorta di inconfondibile marchio di fabbrica; eppure è bravissimo a confezionare film che funzionano senza essere né banali né eccessivamente retorici.

Impossibile non citare la presenza nel cast del nostro Piefrancesco Favino, che interpreta con bravura il pilota svizzero Clay Regazzoni, compagno di squadra di Lauda. Piacevoli, soprattutto all’occhio maschile, le parti riservate a Olivia Wilde e a Natalie Dormer (quest’ultima relegata al primo quarto d’ora di film).
Completano il tutto alcuni fotogrammi d’epoca, e i camei di altri personaggi dei bei tempi che furono, da Enzo Ferrari a Luca Cordero di Montezemolo, passando anche dalle parti di Stirling Moss e di Teddy Mayer.

rush 2

Gli unici limiti che ha Rush riguardano, per assurdo, le parti riguardanti le corse vere e proprie, che sono limitate in numero. Qualcuna di più sarebbe stata gradita, anche perché il materiale a cui attingere, nel Campionato del Mondo del 1976, abbonda.
Detto ciò, la pellicola di Ron Howard è sicuramente valida, e vede, tra le altre cose, la maturazione definitiva di Chris Hemsworth, un attore che a me piace parecchio.

A film concluso resta, nel cuore dello sportivo, la nostalgia per un mondo che non esiste più, tanto nella Formula Uno quanto in altre discipline. Beato chi certe epoche d’oro le ha vissute. Tutti gli altri, i giovanissimi soprattutto, forse non capiranno mai fino in fondo ciò che si sono persi.
Questo sì che è un peccato.

I veri Lauda e Hunt.
I veri Lauda e Hunt.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

10 risposte a "Rush (2013): Recensione"

  1. Concordo: film ben costruito e molto ben fotografato, e in effetti le scene in pista saranno il 30-35% del montato… ma io non ne ho sentito troppo la mancanza. Era chiaro che Howard si è voluto concentrare sugli uomini e non sulle auto.
    Anche le “licenze” narrative che si è preso mi sono piaciute: la scena di Hunt che pesta il cronista nel bagno, ad esempio. Magari non è mai successa, ma ci stava tutta.

  2. Premetto che non ho visto il film e che in generale ho buona considerazione delle capacità di Ron Howard di raccontare una storia – specialmente una storia ben definita come la rivalità Lauda/Hunt. Avendo qualche anno più di te ricordo bene la Formula 1 di quegli anni e l’impressione terribile dell’incidente di Lauda (come non ricordare Arturo Merzario e gli altri che affrontarono le fiamme per tirarlo fuori!). In quegli anni vivere o morire per i piloti del Circus era veramente cosa di tutti i giorni. Per tanti versi sono contento sia stato girato questo film ma mi domando in quanti siano in grado di capire davvero la differenza rispetto alla Formula 1 del presente.

  3. E’ difficile fare un film sulle corse cosi come è difficile scrivere un bel romanzo sull’argomento visto che le dinamiche di un campionato rischiano di renderlo ripetitivo. Detto francamente il film mi è piaciuto molto ma solo perchè essendo stato vicino a quel mondo ed avendo seguito al tempo le vicissitudini mostrate nel film ho apprezzato la “trasposizione” di tutti i personaggi (l’aderenza alla realtà anche di quelli secondari è ottima). Troppo pochi però i piloti rappresentati e le poche corse come si è detto lo rendono forse un bel fim ma non certo memorabile. Credo che sulle corse l’unico degno di questo aggettivo si Grand Prix di Frankenheimer, questo perche come dice lo stesso regista quello è stato un film irripetibile in quanto per la realizzazione tutti nel circus (piloti, organizzatori, team) dettero un contributo facendo si che le scene di corsa avessero un dettaglio cosi realistico da documentario. Visto che Rush pur essendo nuovo è un po’ retro suggerisco a tutti gli appassionati di andare a cercare questo:

    1. Sì, l’interazione con gli altri piloti è minima… Un altro difetto che rende questo film un gradino sotto il capolavoro (pur rimanendo, a mio parere, molto buono).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.