Il ritorno di Ombre sulla Sabbia

Ombre sulla Sabbia

Nel lontano regno di Vassagonia, dove sulle sabbie infuocate si profilano mostruose creature volanti, dove nei palazzi fiabeschi ogni stanza nasconde un’insidia, tu, Lupo Solitario, sei chiamato a una missione di vitale importanza per il tuo paese. Dovrai affrontare in combattimento avversari crudeli e spietati che non si fermano davanti a nessun ostacolo. Dovrai impiegare le misteriose Arti che hai imparato nell’antico monastero Ramas. Dietro ogni pagina può celarsi un agguato mortale, ad ogni passo metti in gioco la tua vita e il successo della tua missione.

Così recita la quarta di copertina di uno dei titoli storici della saga di librogame Lupo Solitario. Sto parlando del numero 5, Ombre sulla Sabbia, vera e propria chiave di volta del ciclo di gamebooks più famoso in Italia e non solo.
La cosa bella è che la casa editrice Vincent Books lo ha appena ristampato, dandomi così la possibilità di auto-regalarmelo per Natale.

Se i Ramas (cavalieri Kai, in originale) sono una sorta di versione fantasy dei Jedi, la saga di Lupo Solitario è in un certo senso assimilabile a Star Wars. I libri di Joe Dever ebbero infatti il medesimo impatto sul settore videoludico di quello che i film di Lucas ebbero sul cinema di fantascienza.
I primi dodici titoli del ciclo narrativo sono senz’altro i migliori della vasta produzione di Dever. Proprio il numero 5, che insieme al numero 12 è più lungo e complesso degli altri, rappresenta un punto di arrivo per il giovane Ramas Lupo Solitario, ultimo sopravvissuto del suo ordine (dicevamo, a proposito dei Jedi?).

Nell’esotico sultanato di Vassagonia, che richiama in parte alla Turchia e in parte alla Baghdad de Le Mille e una Notte, il Ramas troverà, dopo mille difficoltà, il completamento del suo addestramento fai-da-te, tramite il ritrovamento di un testo sacro al suo ordine, Il Libro del Ramastan.

Libro del Ramastan (dalla vecchia edizione di Ombre sulla Sabbia).
Libro del Ramastan (dalla vecchia edizione di Ombre sulla Sabbia).

Per ottenere l’ambito tomo, Lupo Solitario dovrà però passare indenne tra i pericoli della città di Barrakeesh, e in particolare attraverso i cunicoli lerci e mal frequentati delle fogne cittadine.
Come se non bastasse alle sue calcagna c’è uno dei Signori delle Tenebre più potenti e astuti della saga, il temibile Haakon, che ha appena esteso la sua influenza sul nuovo sultano, appena incoronato al posto del più cauto e anziano predecessore.
Questo particolare, tra le altre cose, mi ricorda l’influenza nazista sul Medio Oriente, in principio della Seconda Guerra Mondiale, e in particolare certe atmosfere de I Predatori dell’Arca Perduta

Siamo dunque in presenza di uno dei migliori librogame in assoluto, magari con un percorso dotato in realtà di poche, vere scelte, ma compensato da una trama matura, complessa ed epica.

I ragazzi di Vincent Books, che già hanno riproposto i primi quattro titoli di Lupo Solitario, con nuove traduzioni (più fedele alle versioni originali), nuove illustrazioni e nuove copertine, stanno per lanciare sul mercato il quinto volume, ossia proprio Ombre sulla Sabbia.
Lo trovate qui, in vendita sullo store della CE giusto da ieri. Io non me lo lascio scappare. Anche se potrei riaprire il vecchio volume, quello storico (ancora in mio possesso), sono davvero curioso di verificare la nuova pubblicazione.
Credo proprio che sarà la mia gioco-lettura della Vigilia di Natale 2014…

Vincent Books

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

12 commenti

  1. Pur non amando particolarmente lupo solitario ne possiedo alcuni volumi che ho apprezzato tra i quali proprio il quinto.
    Ricordo bene le atmosfere roventi e sporche di quella avventura davvero ben riuscita. Meriterebbe l acquisto ma poi il collezionista in me vorrebbe la nuova edizione di tutti i volumi 🙂

    1. Ci avevo pensato (ad acquistare tutte le nuove edizioni), ma economicamente non ce la faccio.
      Perciò mi regalo uno dei volumi che più ho apprezzato in gioventù 😉

  2. Io nnon ho avuto l’occasione di giocarne molti – ombre sulla sabbia è tra quelli che ho mancato. Il mio preferito è l’ultimo con Lupo come protagonista, dove se ne va a zonzo per i mondi infernali a sconfiggere i peggiori demoni già umiliati in altri libri per salvare una semidea-trickster (e recuperare la pietra di luna del ciclo di Oberon).
    Esageratamente epico: quando nei gdr leggo di avventure planari, penso sempre a quel volume ^ ^

    Spero che queste nuove ristampe abbiano successo, ma se non erro hanno un prezzo robusto…

  3. Concordo su Sortilegio, quella serie secondo me, nonostante la difficoltà estrema e crescente, è la vetta dei libri game, come gameplay, storia, intreccio e anche per le inquietanti illustrazioni

  4. Queste edizioni sono più costose ma hanno un magnifico formato, inoltre per gli amanti della cartografia la sovracopertina in realtà è una mappa a colori disegnata dall’artista Francesco Mattioli.
    Bel libro anche se pilotato.
    Qui c’è la svolta per una saga epica che da qui fino al numero 12 farà crescere il Lupo a GranMaestro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...