Horror Vacui Megastore

Megastore Mondadori

Nelle ultime settimane si è fatto un gran parlare del nuovo megastore Mondadori, in centro a Milano.
Presentato in pompa magna perfino dai TG di casa Biscione, è stato lodato per la sua disposizione su tre piani, per il design moderno, per l’ampio spazio dedicato ai lettori ereader, per la multimedialità.
L’AD di Mondadori retail, Mario Maiocchi, ha individuato in queste linee guida l’apertura del megastore: “Sviluppo dell’offerta, esperienza di acquisto, valorizzazione del prodotto, servizi, comfort dell’ambiente.” (Ci torneremo a brevissimo).
Io che a Milano ci lavoro non ho potuto fare a meno di dare un’occhiata a questo mirabolante spazio dedicato a un mix di tecnologia e cultura.
Che impressione ne ho ricavato?

Pessima.
Innanzitutto i tanto citati tre piani occupano uno spazio striminzito.
Il design degli interni è effettivamente curato e ben realizzato, ma si sposa con una pochezza di contenuti a dir poco imbarazzante.
Il tanto declamato “comfort dell’ambiente” assomiglia in realtà più a una ricercatezza in chiave moderna e ed elegante degli interni. Di comfort però ne ho visto poco: non ci sono le tipiche poltroncine di lettura, tanto per dirne una, né i punti dove è possibile ascoltare un assaggio dei CD in vendita.
E questa è – naturalmente – solo la punta dell’iceberg.

Di libri ce ne sono pochi. I best seller, gli ultimi titoli di grido, una discreta collezione di graphic novel (questo è positivo), qualche edizione tascabile di noti classici.
Lo spazio riservato agli editori di medio/piccolo cabotaggio è inesistente, mentre a rappresentare la narrativa di genere troviamo il settore dedicato genericamente ai thriller e diversi scaffali per i romanzi young adult.
Fine del reparto libri, più o meno. Una pochezza inquietante.

Gli ereader in vendita sono unicamente Kobo, prodotti d’importazione brandizzati Mondadori (e a mio parere molto meno versatili di altri lettori).
C’è poi un ampio spazio riservato a cellulari, tablet e simili device. Il megastore è più roba loro, che non dei libri. Quest’ultimi sembrano quasi nascondersi, come se creassero disagio o imbarazzo a un cliente casuale.
Questo è dunque lo “sviluppo dell’offerta” di cui parlava Maiocchi? O forse siamo nel campo della cosiddetta “esperienza dell’acquisto”? Che cosa vorrà mai dire poi? Io pago e compro… non è che devo avere un orgasmo nel mentre.

Forse non c’entra nulla, ma il fatto che il più nuovo megastore Mondadori sia stato progettato con una tale impostazione la dice lunga su come e quanto sia messo male il campo letterario in Italia.
Mi basta fare il confronto con qualunque grande store del medesimo settore visitato negli USA, a Londra, Copenhagen, Barcellona o perfino in Turchia per provare il disperato bisogno di piangere.

Il bookstore Strand, a NY. Trova le differenze.
Il bookstore Strand, a NY.
Trova le differenze.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

3 commenti

  1. Gli ereader in vendita sono unicamente Kobo, prodotti d’importazione brandizzati Mondadori (e a mio parere molto meno versatili di altri lettori).

    Non so se posso sviare la discussione, ma ti riferisci ai Kobo in generale o ai Kobo-Mondadori ? In che senso sarebbero meno versatili ?
    Stavo pensando di aggiornare il mio ereader ad un Kobo, ma già c’è il problema che non ci sono i tuo ebook, se poi mi dici che non sono neanche tanto buoni…

    1. Io sono un “amazonista” puro, e il catalogo che trovo sul Kindle Store è molto più completo rispetto a quello che trovo per Kobo.
      In pratica è tutto qui 🙂 (e non è poco!)

  2. Capisco e condivido.
    Qui a Roma non siamo messi meglio.
    Avevamo un megastore, uno solo, degno di confrontarsi con quelli europei, ma l’abbiamo chiuso ed ora è diventato un punto vendita di Gap.
    I motivi sono sempre quelli: il libro è un business poco proficuo.
    Nonostante costi – in media, diciamo, 19 euro per un volume nuovo – l’italiano “medio” spende più volentieri oltre venti volte quella somma per un nuovo smartphone, diciamo ogni 18 mesi.
    Ora, però, un nome come Mondadori ha la possibiltà (e il dovere, secondo me) di “spingere” e promuovere l’oggetto libro più che può.
    Con ogni mezzo, copiando, se non ha idee.
    Un’offerta capillare, diversificata e accessibile.
    Con dei terminali per la verifica della disponibilità nel punto vendita accessibili alla clientela.
    Con poltroncine per chi vuole sedersi a sfogliare in comodità (e magari prese per ricaricare il cellulare o il tablet o il notebook).
    Con una piccola caffetteria interna.
    Con promozioni a rotazione tutto l’anno (ora su un autore, ora su un genere, ora su un editore, eccetera).
    Con card e altri strumenti di fidelizzazione.
    Eccetera.
    Eccetera.
    A volerlo, si può.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...