Supevelocità

Quicksilver

Velocità sovrumana: capacità di muovere il proprio corpo ad una velocità incredibile e quindi spostarsi molto rapidamente da un luogo all’altro. Esempi: Quicksilver e Flash. (cit. Wikipedia)

Tra i tanti superpoteri attribuiti ai moltissimi eroi, metaumani e supercriminali delle varie testate fumettistiche presenti e passate, quello dell’ipervelocità è uno dei più affascinanti.
Potete chiamarla anche supervelocità, e spesso si abbina anche con dei riflessi fuori dal comune, come per esempio capita per i già citati Flash e Quicksilver.
Da autore e papà dell’universo narrativo 2MM, ho dato via anch’io al mio “velocista”. Si tratta di Libby, nata e pensata col viso dell’attrice Evangeline Lilly. Ho pubblicato alcuni racconti gratuiti con Libby come protagonista, ma prima o poi penserò a una sua avventura stand-alone nel reboot del progetto, 2MM Reloaded.

La prima cosa che mi sento di dire riguardo ai velocisti è che è davvero difficile gestirli e scrivere scene d’azione che li riguardano.

Consideriamo innanzitutto la necessità di dover mantenere un minimo realismo, pur parlando di supereroi, ovvero di persone dotate di talenti che fanno a pugni con le leggi della Fisica (e a volte del buon senso). Tuttavia la sfida più appassionante, scrivendo racconti che li riguardano, è proprio quella di renderli un minimo credibili.
Coi velocisti, come vi dicevo, non è semplice.

Per prima cosa bisogna immaginare che un individuo dotato di supervelocità consumi un numero spropositato di calorie. Provate a pensare a diverse sessioni di corsi in palestra condensate in pochi minuti, oppure alle energie spese in una maratona, ma bruciate in un singolo combattimento, o in uno spostamento rapidissimo dal punto A al punto B.
Ciò detto, è lecito ipotizzare che il metaumano velocista debba nutrirsi spesso e volentieri, per non venire distrutto dal suo stesso potere.
In mancanza di nutrimento, e quindi di nuove calorie, il “super” in questione rischierebbe la morte per consunzione a ogni utilizzo del suo potere.

Libby 2

Inoltre c’è il problema, in questo caso del tutto tecnico, di come descrivere le scene di combattimento in cui uno dei contendenti si muove a una velocità tale che per gli avversari risulta essere soltanto un flash luminoso, un’immagine a malapena impressionabile sulla retina.
Per la mia Libby io ho risolto la questione descrivendo scene “cristallizzate” all’occhio del velocista stesso.
Quando Libby entra in ipervelocità, il mondo attorno a lei rallenta all’estremo, tanto che sembra quasi bloccarsi in animazione sospesa. Le persone si muovono al rallentatore (oppure non si muovono affatto), i proiettili sono in quello che i registi definiscono “bullet time”, etc etc.
Tra l’altro non mi sono inventato nulla, essendo questo un trucco narrativo adottato anche da serial quali Flash.

Il talento della supervelocità è poi caratterizzato da potenzialità molto superiore al semplice concetto del “muoversi come una scheggia”. Ci sono infatti aspetti collaterali di questo potere che lo rendono uno dei più utili, duttili e pericolosi di tutta la narrativa supereroistica.
La testata DC Comics Flash ha sondato il terreno in lungo e in largo, spesso esagerando.
Ecco infatti ciò che Barry Allen (e gli altri Flash) sono in grado di fare:

Flash è in grado di muoversi a velocità incredibili riuscendo a superare di svariate volte la velocità della luce. Quando Flash è in movimento risulta invisibile perfino ad esseri super-veloci come Superman. Oltre alla velocità di movimento Flash ha anche un’incredibile velocità di pensiero e riflessi di combattimento elevatissimi. È riuscito a fare un intero combattimento in un picosecondo e percepisce il mondo come se fosse fermo. La sua velocità gli consente di camminare sull’acqua, sui soffitti o addirittura per aria. (…)

Inoltre per le leggi della fisica, un colpo di Flash sferrato ad una velocità pari o addirittura superiore alla luce causa un danno infinito con una possibile apertura di un buco nero o di un varco spazio-temporale, in quanto a tale velocità il corpo di Flash acquista massa infinita.
Facendo vibrare le molecole del proprio corpo a super-velocità, i Flash possono attraversare gli oggetti solidi o farsi attraversare, senza conseguenze, da corpi contundenti o proiettili. Tra l’altro Flash può anche utilizzare l’energia vibrazionale facendo vibrare gli atomi di un corpo vivente o semplicemente della materia inanimata, o qualunque altra cosa composta da atomi in modo tale da poterli disintegrare.

Inoltre, grazie a speciali apparecchiature, sono in grado di viaggiare nel tempo o di accedere in altre dimensioni. (…)
Oltre a questo, a seconda del collegamento di Flash con la forza della velocità, i Flash possono controllare l’energia cinetica a livello molecolare, prestando o rubando la velocità di un corpo, facendo esplodere oggetti scuotendo le loro molecole, o addirittura controllare le proprie molecole per volare. (Fonte: Wikipedia Italia).

Flash vs Zoom

Un po’ eccessivo, non trovate?
Non ho mai spinto Libby a tanto, né mai ci arriverò. Tuttavia credo che uno sviluppo del personaggio sarà necessario e divertente da realizzare, nel contesto di 2MM Reloaded.
Vedremo…


(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

4 commenti

  1. E chissà come diavolo funziona in fretta il suo cervello per elaborare tutto quel che accade invece 🙂 E gli organi interni? Alle calorie bruciate non c’avevo pensato. Se si sta molto sulla razionalità è un casino gestirla.
    Certo si potrebbe usare un trucchetto inverso per parlare di super velocità. Non è lei che va rapida, ma l’ambiente che le sta attorno che rallenta. O in caso, sarebbe divertente farla incontrare con qualcuno con una capacità di questo tipo.

  2. Da quello che ho capito, il velocista non è solo veloce, ma è anche accelerato, nel senso che vive e ragiona a una velocità superiore al normale. Se non sbaglio anche il Quicksilver degli inizi era un personaggio del genere, sempre annoiato perché gli altri erano troppo lenti.
    Mi sembra giusto mettere dei limiti a Libby, che altrimenti diventerebbe onnipotente.

    ps: ma si chiama proprio Libby di nome? Io credevo fosse il diminutivo di Lady Liberty 😀

    pps: ma un personaggio tipo Dottor Strange? O qualche alieno extra-dimensionale capitato sulla Terra per caso (o per qualche valida ragione)? Li butto lì eh, poi ved tu 😀

  3. “Per prima cosa bisogna immaginare che un individuo dotato di supervelocità consumi un numero spropositato di calorie […] Ciò detto, è lecito ipotizzare che il metaumano velocista debba nutrirsi spesso e volentieri, per non venire distrutto dal suo stesso potere.” Anche l’idratazione diventa un problema serio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...