cose quotidiane · doom · scrittura

Sovranismo ed europeismo, tra kaiju e mirmidoni

L’Europa si espressa. Come? Non è chiarissimo.Il fronte sovranista pare essersi rafforzato, ma non è la marea montante che molti prevedevano. Di certo ci sono spaccature notevoli nell’elettorato, e sarà dura (per l’ennesima volta) costruire un Unione forte, coesa, capace di rappresentare tutti i popoli. Ciò sarà un danno, soprattutto in campo economico, dove reggere… Continue reading Sovranismo ed europeismo, tra kaiju e mirmidoni

libri · progetti · scrittura

Minotauros (romanzo breve)

Futuro prossimo venturo.Europa. Quel che rimane della UE.Nella neonata Confederazione di Visegrad l’imprenditore e scienziato Pavel Novak ha creato quella che appare essere una clamorosa evoluzione di Internet.La Rete Minotauros è un’esperienza di connessione totale e il suo accesso più profondo, il Labirinto, è immersivo a un livello inimmaginabile fino a pochi mesi prima.Il Labirinto… Continue reading Minotauros (romanzo breve)

serial tv

Adrian è come un libro autoprodotto, di quelli brutti

Adrian, di cui oramai è stata detta ogni cosa, è un involontario atto d’amore verso il trash. Il serial animato, “punta di diamante” dell’inverno di Canale 5, nonché produzione che dovrebbe rappresentare il vanto del Clan Celentano, è scritto col culo, animato col culo, doppiato col culo. La roboante campagna promozionale delle ultime settimane avrà… Continue reading Adrian è come un libro autoprodotto, di quelli brutti

libri · scrittura · serial tv

Nolite te bastardes carborundorum

Ovvero: Non lasciare che i bastardi ti annientino. Citazione latina, ricorrente nel romanzo di Margaret Atwood Il racconto dell’ancella, e nella serie TV che ne è stato tratto, trentatré anni dopo. Il romanzo – che non ho letto – è infatti datato 1985. La serie TV la sto invece guardando su Timvision, che è un… Continue reading Nolite te bastardes carborundorum

fumetti · serial tv

Ricordati di Jericho

Gli abitanti di Jericho, in Kansas, assistono all’esplosione nucleare che distrugge Denver, la vicina capitale del Colorado. Jake Green torna in città dopo cinque anni di assenza ed è costretto a restare a causa della catastrofe. La perdita di corrente elettrica e la conseguente disfunzione di ogni apparecchiatura elettronica provoca l’isolamento di Jericho dal resto… Continue reading Ricordati di Jericho

libri

Letture per l’estate: Regno a venire

Non ho letto tutto ciò che ha scritto James G. Ballard e di quello che ho letto non ho amato ogni cosa. Tuttavia di Ballard apprezzo moltissimo la sua lettura/interpretazione dei nostri tempi, fatta attraverso la fantascienza sociologica o post-catastrofica, a seconda delle esigenze. Ballard non è mai stato tenero con noi, occidentali moderni nascosti… Continue reading Letture per l’estate: Regno a venire

personaggi · scrittura · storia

Le Tigri di Arkan 2.0

Lo scenario del mio romanzo distopico Max: First Lady Road, avvicina in più di un’occasione l’Italia dell’immediato futuro ai Balcani della guerra nella ex-Jugoslavia. Mi rendo conto che si tratta di una forzatura concettuale. La Jugoslavia è andata sgretolandosi a causa della pressione delle forze nazionaliste su base etnica (e non ideologica) che per anni… Continue reading Le Tigri di Arkan 2.0