libri · recensioni

Io non sono come voi (di Italo Bonera)

Io non sono come voi

Io non sono come voi
di Italo Bonera
Gargoyle edizioni
256 pagine, 14.90 euro

Sinossi

Nell’anno 2059, durante una calda serata estiva, un uomo sta tranquillamente fumando la sua sigaretta seduto sul sagrato di una chiesa, quando viene arrestato per avere preso le difese di un ragazzo extra-comunitario aggredito dalla polizia. Potrebbe essere un evento del tutto insignificante se non fosse che, per pagare il suo inesistente debito con la giustizia, viene condannato a prestare servizio allo Stato come mercenario.

Ignara vittima sacrificale di un regime totalitario mascherato da democrazia, per il mite professore questa è l’occasione per sperimentare un piacere sino allora sconosciuto: il piacere di uccidere. Privato della sua natura, l’uomo senza nome  deciderà di vendicarsi contro tutti coloro che hanno risvegliato in lui il demone.  Nel bel mezzo della sua cruenta missione vendicativa, però, si rende conto che qualcosa non torna, che alcuni importanti dettagli sono stati trascurati e la sua vita, come quella dei suoi amici, è in pericolo.

Commento

Interessante titolo fantapolitico/distopico inserito nel catalogo di Gargoyle Books, Io non sono come voi è un romanzo decisamente atipico nel panorama narrativo italiano.
Italo Bonera, l’autore, ha fatto di tutto per offrirci la visione di un’Italia futura che fa specchio deformante del paese odierno. Le brutture attuali sono amplificate, i difetti si sono moltiplicati, e le poche, apparenti conquiste sociali sono perlopiù di facciata, oppure sfruttate in un complesso sistema di corruzione e di scambio di favori.

Il protagonista, uno come tanti (uno di noi), compie la sua trasformazione in giustiziere dopo essere passato nel tritacarne della TotalDemocrazia, un sistema spietato e meschino in cui equità e legge sono parole senza senso.
Incolpato dapprima di un piccolo crimine, strumentalizzato in sede di giudizio, e poi di un omicidio, il protagonista si trova costretto a pagare il suo pegno nella Terza Divisione, corpo militare di galeotti al servizio dello Stato. Ma questo è solo l’inizio: braccato come assassino del gendarme che ingiustamente lo fece finire in galera, si scopre infine latitante.
Costretto a nascondersi nell’anarchico e incontrollato Distretto Cinese, il nostro antieroe (che più “anti” non si può) medita infine un piano per vendicarsi di tutti coloro che l’hanno fatto precipitare in questa sorta di inferno personale.

distopia

Bonera non ha mezze misure nel dipingere un paese dalle tinte fosche. Più grigio che nero. Grigio come il colore della mediocrità, del futuro nebbioso e immutabile, che non vede possibilità di cambiamento, nemmeno tramite un processo violento o rivoluzionario.
Ed è proprio questo aspetto, la mediocrità, a permeare le pagine di Io non sono come voi.
Non è – ovviamente – un insulto alle capacità dell’autore (che invece è molto bravo), bensì una valutazione che ben si adatta al 90% dei personaggi che danno vita a questa storia.
I pochi che spiccano nel grigiore sono comunque ingranaggi di un meccanismo che funziona in automatico. Un meccanismo fatto di ingiustizie e di prevaricazioni, di corruzione e di criminalità di Stato.
Lo stesso protagonista non si distingue per particolari doti morali o umane, bensì come scheggia impazzita, come distruttore dello stesso sistema che l’ha creato.

Romanzo cupo e non troppo velatamente riferito a ciò che sta diventando l’Italia, Io non sono come voi ci lascia addosso un senso di inquietudine e di disgusto, perché basta guardare fuori dalla finestra per accorgerci che il 2059 del romanzo potrebbe essere tranquillamente il 2014 o il 2015, o forse anche l’anno in corso…

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

2 risposte a "Io non sono come voi (di Italo Bonera)"

  1. Curioso romanzo.
    A livello puramente intellettuale mi attrae, ma ad istinto no.
    Sarà forse l’idea dell’eroe negativo, sarà quella faccenda dello scoprire il piacere di uccidere.
    È bello, comunque, vedere che la narrativa nazionale riesce ad esprimere qualcosa di diverso e di interessante.
    Semplicemente, ho l’impressione che non faccia per me.

  2. Bel post , come al solito , lo prenderei anche , ma siamo alle solite …se non esce in digitale nisba , ormai ho fatto una scelta di campo , ci rinuncio ovviamente per le occasioni/rarità che posso scovare sulle bancarelle , e che nessuno penserebbe mai di rieditare in e-book , peccato però…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.