Mondiali Brasile 2014: per chi si tifa a questo giro

Brasile 2014

Mi piace il calcio giocato.
Non sono un tifoso di una squadra o di una nazionale: tifo proprio per il calcio in sé. Adoro tutta la poetica che sta dietro al “pallone”. Purtroppo è sempre meno, seppellita dai diritti televisivi, dal calcio scommesse, dal doping, dagli sponsor, dagli affari poco leciti.
I Mondiali rappresentano però quell’occasione in cui la poetica del pallone torna sempre a vivere, anche quando sembra impossibile, anche quando tutto pare oramai sacrificato sull’altare del Dio Denaro.
Forse, per assurdo, c’è anche un Dio del Calcio (a Neil Gaiman piacerebbe, credo), che riesce a dar vita ancora a favole epiche, come quella del Camerun di Italia ’90, della Svezia nel ’94, della Croazia nel ’98, della Turchia nel ‘2002, dell’Uruguay nel 2010. No, non sto parlando di vincitori, ma di gloriosi terzi e quarti posti.
Perché non è necessario arrivare primi, per entrare nella leggenda. E io simpatizzo per le medaglie di bronzo e per i pesci piccoli.
Perciò, anche a questo giro in Brasile 2014, farò il mio particolarissimo tifo.

Girone A

Brasile
Croazia
Messico
Camerun

Girone interessantissimo, con tre squadre che godono delle mie simpatie, e una che non mi sta antipatica, ma che non tifo (il Brasile). Il mio sostegno andrà, nell’ordine, a Croazia, Messico e Camerun. La Croazia può sorprendere e diventare una mina vagante.

Mario Mandžukić (Croazia).
Mario Mandžukić (Croazia).

Girone B

Spagna
Olanda
Cile
Australia

Altro girone di squadre che guardo con affetto. Sono un tifoso dei socceroos (gli australiani) da tempo immemore, ma questa volta sono destinati – ahimè – a prendere pallate. Comunque il mio sostegno non mancherà. Tra le altre tre squadre, spero soprattutto nel Cile, anche se l’Olanda gode delle mie simpatie. La Spagna no, non particolarmente.

Alexis Sanchez (Cile).
Alexis Sanchez (Cile).

Girone C

Colombia
Grecia
Costa d’Avorio
Giappone

Girone di valore mediocre, anche se conta una Colombia che promette miracoli. La Grecia praticherà il suo solito gioco onesto ma pessimo, e la Costa d’Avorio potrà fare tutto, oppure nulla (una costante delle squadre africane). Indubbiamente tiferò Giappone, che tra l’altro non è più la Cenerentola di anni fa.

Shinji Kagawa (Giappone).
Shinji Kagawa (Giappone).

Girone D

Uruguay
Costa Rica
Inghilterra
Italia

Tiferò gli Azzurri? Sì, pur senza strapparmi i capelli. La nostra è una delle spedizioni più scarse degli ultimi 30 anni, perciò, paradossalmente, possiamo sorprendere. Il sostegno va poi all’Uruguay, squadra di cui sono sostenitore da sempre. Infatti è la mia compagine preferita, tra le Sudamericane.

Gaston Ramirez (Uruguay).
Gaston Ramirez (Uruguay).

Girone E

Svizzera
Ecuador
Francia
Honduras

Una costante dei miei mondiali è il tifo contro i francesi. Così sarà anche questa volta. Quindi forza Svizzera, che può far bene. Ma il girone è davvero poca cosa, e gli insopportabili cugini faranno probabilmente sfracelli. Occhio però all’Ecuador, che quantomeno gioca in clima pseudo-casalingo.

Gökhan Inler (Svizzera).
Gökhan Inler (Svizzera).

Girone F

Argentina
Bosnia-Erzegovina
Iran
Nigeria

Da grande appassionato di calcio balcanico, non posso fare a meno di tifare con grande trasporto la piccola e giovane Bosnia, ricca tra l’altro di campioncini. Potrà fare molto bene, e la vedo favorita come seconda, nel passaggio del turno. Spero anche che il cammino dell’Argentina sia trionfale. In casa dei rivali brasiliani… volete mettere?

Edin Džeko (Bosnia).
Edin Džeko (Bosnia).

Girone G

Germania
Portogallo
Ghana
Stati Uniti

Anche qui ho pochi dubbi: si tifa Portogallo! E mi auguro che Ronaldo e soci vadano avanti parecchio, anche se la squadra difetta – al solito – nel reparto avanzato. Anche il Ghana mi piace, tanto che è la mia favorita tra le africane. Purtroppo è capitata in un girone durissimo. Gli USA? Da non sottovalutare.

Emmanuel Agyemang-Badu (Ghana).
Emmanuel Agyemang-Badu (Ghana).

Girone H

Belgio
Algeria
Russia
Corea del Sud

Bel girone, soprattutto come vetrina per due outsider che potrebbero arrivare – potenzialmente – anche alle semifinali. Il Belgio ha una squadra giovane e ricca di talento. Vedrete che vi sorprenderà. La Russia può far tutto, o magari fallire miseramente. A ogni modo, come è facile intuire, gli uomini venuti dal freddo avranno il mio appoggio.

Eden Hazard (Belgio).
Eden Hazard (Belgio).

E voi, Italia a parte, chi tiferete?

– – –

Alex Girola – follow me on Twitter

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

19 commenti

  1. Quest’anno “simpatizzerò” per il Belgio. Come dici tu penso che potrà far bene, soprattutto visti i gironi di qualificazione. La Svizzera mi sta simpatica da sempre (sarà la vicinanza geografica con casa mia). Ok, non potrà fare miracoli, ma spero che passi almeno il girone. E come te ovviamente spero in una Waterloo francese. Il Portogallo mi sta da sempre sugli zebedei. Così come Brasile, Argentina e Spagna (troppo facili da tifare, semplicemente troppo forti)… perchè sì, anch’io preferisco da sempre gli outsiders. Ah, e infine controsenso di controsensi, tifo sempre un po’ anche per i crucchi, salvo poi tornare a detestarli quando giocano contro di noi e godere più che mai quando li rimandiamo a casa con le pive nel sacco e le lacrime agli occhi 🙂

    1. Ah, dimenticavo la Nigeria! Mio pallino dai tempi dell’università quando giocavo a uno dei primi pro evolution soccer e c’erano il mitico Babangida – che schizzava via come un fulmine ed era praticamente imprendibile – Oliseh – che aveva un tiro degno di Mark Lenders – e pure Okocha, che come fantasista faceva miracoli.

      1. J.J. Okocha! Cosa mi hai appena riportato alla mente… Un grande in senso assoluto. Ce l’avevo pure a “Scudetto”, numero 10 titolare 😉
        Ma quest’anno quali sono i campioni della Nigeria? Devo studiare la rosa.

  2. Io non soltanto sono un grande appassionato di calcio e delle storie che lo caratterizzano, sono anche un “ex ultrà” della Roma (nel senso che finché anche il tifo in curva era una cosa viscerale, romantica ed appassionante lo sono stato, ora tifo la squadra dal salotto di casa mia).

    Per quanto riguarda i mondiali ho sempre guardato con simpatia agli outsiders (in questa edizione Belgio e Russia possono fare una bella sorpresa) ma fondamentalmente spero che l’Argentina, il Brasile, la Germania e la Spagna facciano vedere un gran bel calcio: hanno delle squadre attrezzate per dare spettacolo ed alla fin fine di fronte ad una bella partita giocata ai massimi livelli posso pure fregarmene di chi vince e godermi il calcio in quanto tale 🙂

  3. In ordine a favore: Italia, Argentina, Germania, Uruguay.
    Per l’Italia tifo solo la maglia e De Rossi (detesto l’allenatore e certi giocatori), dell’Argentina mi sono innamorato da piccolo della squadra del 78 (brutti, sporchi e cattivi), la Germania non si arrende mai e questo mi piace anche se godo quando li battiamo, dell’Uruguay basta dire che tolse la coppa ai carioca in casa propria e questo me li rende simpatici.
    Contro Francia, Brasile, Spagna più o meno per lo stesso motivo: arroganti e pieni di sè anche se hanno avuto e hanno grandi giocatori.

  4. io generale mi divertono molto le squadre outsider, tipo quelle allenate in passato da gente come milutinovic o Hiddink (che però ritorna a casa con l’Olanda) e ricordo facevo un gran tifo per l’incredibile concentrazione di talenti che c’erano in quella Jugoslavia a Italia ’90, da allora tifo tutte le nazionali slave.
    Poi con sadismo ammetto che questo mondiale mi divertirebbe se ci fosse un altro psicodramma brasiliano.

  5. A parte il tifo per l’Italia, concordo sulla simpatia per certe squadre:
    – Belgio, hanno una bella squadra e si sa i paesi piccoli che si oppongono ai giganti fanno simpatia;
    – Olanda, squadra che amo dai tempi del trio rossonero Gullit-Rijkaard-Van Basten (più tanti altri giocatori venuti in seguito) e che per la sua storia meriterebbe una vittoria (tre finali perse su tre…)
    – Bosnia, altra squadra simpatica e ricca di talento
    – Uruguay, anche se è contro di noi

    Per contro mi fan venire l’orticaria le africane, non tanto per loro, quanto per i commenti preconfezionati che girano ogni volta sulle trasmissioni tv (che penso boicotterò questa volta).
    Non dimentichiamo anche il famoso “il calcio africano sta esplodendo”… si, sono venti e passa anni che esplode…

  6. Simpatizzo per il Belgio, per l’Uruguay del maestro Tabarez e per il Portogallo di Cristiano Ronaldo. Gufo la Spagna, perché un loro back-to-back mi andrebbe di traverso, la Germania (che arriverà comunque in fondo, come sempre) e l’Argentina, perché vomitino Messi non mi è mai stato simpatico. Come mina vagante africana scelgo il Camerun di Eto’o, per rinverdire i fasti di Roger Millà e delle tamarrissime maglie senza maniche.

  7. Mi scuso per la doppia risposta, ma vi immaginate una finale Brasile-Uruguay che onda emozionale che si porterebbe appresso?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...