Una notte al cimitero (1987): Recensione

Una notte al cimitero

Una notte al cimitero
di Lamberto Bava
Italia, 1987

Sinossi

Cinque ragazzi, dopo aver compiuto un taccheggio in un supermercato, scappano su un furgone e finiscono per rifugiarsi in un luogo lugubre nei pressi di alcuni ruderi. Presto si accorgono che nei paraggi vi è una locanda e decidono di fare una sosta. Qui notano in un angolo una sfera di vetro con all’interno soldi, gioielli e preziosi vari, e il gestore racconta loro una strana storia: quel tesoro sarebbe un premio per chiunque riesca a trascorrere una notte in un terreno sconsacrato.
Sotto la locanda infatti vi è una catacomba, ed i ragazzi decidono di accettare la sfida, anche se è risaputo che da quel luogo tenebroso non è mai tornato indietro nessuno. Nella cripta si apre uno scenario raccapricciante con morti che resuscitano dalle proprie bare, mostri di ogni sorta, monaci impiccati e freak di varia natura. (fonte: Wikipedia)

Commento

Piccolo cult-trash del genere horror italiano, girato negli anni in cui questi si avviava verso la decadenza, per poi svanire e diventare un ricordo sempre più remoto e lontano. Questo è Una Notte al Cimitero, film girato per la TV, nel contesto del progetto Brivido Giallo di Reteitalia.
A guardare il cast, si nota innanzitutto la presenza di un giovanissimo Gianmarco Tognazzi, che probabilmente si vergognerà ancora oggi di aver partecipato a questa pellicola.
Il film è improbabile e ridondante. Per lunghi tratti sembra una parodia di molti stereotipi dell’horror, ma probabilmente l’intento di Lamberto Bava era diverso, ossia quello di realizzare un film serio.

La recitazione è dilettantesca, complice il cast di esordienti molto giovani, tanto che nulla di quanto accade sullo schermo finge di essere plausibile. Partendo dai cinque protagonisti, che si trovano dispersi nella campagna italiana, e finiscono un una taverna settecentesca (!) nei cui sotterranei si celano delle catacombe infestate (!!), nonché gestita da un locandiere con un rubino al posto dell’occhio destro (!!!).
Basta questo enorme WTF?!? per dare l’esatta dimensione di cosa è Una Notte al Cimitero.
I momenti di ridicolo sono abbondanti, anzi, prevalicanti su tutto il resto, e più di una volta ci si chiede come abbia fatto Bava, non certo un pivellino, a realizzare una robaccia del genere.

Una_notte_al_cimitero-2

Eppure…
Eppure Una Notte al Cimitero ha un suo perché. Vuoi per il gusto del trash, solleticato in tutti i 93 minuti del film, vuoi per la sua dimensione da fiaba nera, quasi come una specie di librogame per ragazzini, dove non mancano il tesoro, il labirinto e i mostri che si susseguono senza particolare rigore logico.
Io lo vidi per la prima volta a dodici anni e, in qualche modo, mi conquistò, proprio per il suo essere “quasi fantasy” e intriso di cliché horror, in stile Piccoli Brividi.
Badate bene: io ho superato da tempo la fase della riabilitazione postuma del ciarpame. Ciò che è spazzatura, rimane spazzatura. Però a volte può divertire, ed è proprio ciò che accade con Una notte al cimitero.

La cosa assurda (e anche triste) è che oggi, nel 2014, un film così strampalato e improbabile risulta quasi malinconicamente bello. Un Lamberto Bava manca parecchio alla cinematografia italiana. Anzi, Bava c’è ancora, ma gli è impossibile lavorare a soggetti del genere, tanto che deve accontentarsi di noiosi sceneggiati televisivi come Sei passi nel giallo. Il suo ultimo film è Ghost Son (2006). Una roba che, a confronto, Una Notte al Cimitero assume i contorni del dignitoso.
Ah, io non vi ho detto nulla, ma lo trovate per intero (e in buona qualità) su Youtube.

Una notte al cimitero 3

– – –

Alex Girola – follow me on Twitter

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

18 commenti

  1. In Italia non si possono girare film horror , nessuno caccia una lira per un prodotto di nicchia , la trista verità credo sia questa .
    Pensare che le idee ci sarebbero , basta leggere i tuoi racconti e degli altri , bravissimi , autori che ho conosciuto negli ultimi anni , ma chi si prende la briga di produrre un’opera per pochi eletti ? Meglio la Arcuri e i bellocci di turno su Canile 5 e Rai varie ….
    Una svolta in questo putridume non la vedo proprio..se pensiamo cosa si riesce a fare con poco e buona volontà in altri paesi ci si deprime.

  2. Che spasso. Ti ricordi tutto il ciclo horror di Italia 1 con i film di questo livello? C’era pure La Casa dell’Orco (che però aveva un’idea all’interno molto interessante. Ricordi?) e altre produzioni italiane a costo di due panini alla troupe e al cast.

    1. Eccome se me lo ricordo!
      Come dici tu, le idea alla base di questo ciclo di film non erano affatto malvagie. Lo sviluppo era dozzinale, eppure oggi è possibile perfino rimpiangerlo.
      Sbaglio o ne La Casa dell’Orco c’era una giovanissima Ferilli?

  3. Io ci sono affezionato a questo film, pur essendo consapevole che si tratti di robaccia. Mi pare che di quel filone di film prodotti da reteitalia questo fosse persino il migliore! , ricordo anche un film incentrato sulla figura dell’orco con una acerba sabrina Ferilli, e un film vampiresco che pareva una parodia involontaria.

  4. Eh, ma vedi, l’horror – come mi spiegò con comica supponenza una tizia tempo fa – è per chi non sa scrivere (o girare, immagino) cose profonde. E oggi i registi italiani sono tutti dei geni.

  5. Che combinazione! Solo qualche giorno fa sul mio Obspolitation si è parlato di “A cena col vampiro”, altra perla di questa serie “Brivido giallo”. Se permetti la tua “notte al cimitero” alla fine è stato il meno peggio della serie….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...