Horror italiano: qualche titolo

Masche

Replico quanto già fatto a proposito del fantasy, proponendo una lista di letture composta esclusivamente da autori italiani.
Questa volta ci occupiamo di horror e affini, che poi sono tematiche e filoni che spesso e volentieri monopolizzano Plutonia Experiment.
A differenza di quanto ho fatto per il fantasy, mi è difficile proporvi qualcosa di inedito.
Ho parlato spessissimo di libri horror italiani, sia qui che sul vecchio blog, e anche sul mio blog di servizio. Senza dimenticare le varie rubriche a cui ho collaborato in questi anni.
Oggi mi limito dunque a farvi un riassunto, una lista ragionata della spesa, completa di link a recensioni e articoli pertinenti.
Consideratelo uno speciale per Halloween 2014, ma anche un’occasione per riscoprire autori nostrani, specialmente quelli ghettizzati dalla grande editoria, che segue le mode e dà spazio solo all’orripilante filone del paranormal romance.

Iniziamo da Claudio Vergnani, che è entrato prepotentemente sulla scena qualche anno fa, con un romanzo d’esordio che, a parer mio, è uno dei migliori horror (non solo italiani) dell’ultima decade.
Sto parlando de Il 18° Vampiro.
Da leggere e rileggere.
Pulp, disperato, splatter. Ma anche ironico, cinico, acculturato.
Da quella scintilla è nata l’intera trilogia (qui e qui), ma il primo libro è veramente perfetto.
In seguito Claudio ha scritto, sempre nel suo inconfondibile stile, I Vivi, i Morti e gli Altri, dove affronta la tematica della zombie apocalypse.
Fatevi un favore: leggete qualcosa di Vergnani. Anche se non siete appassionati di horror.

diciottesimo

Parliamo poi – per l’ennesima volta – di Samuel Marolla.
Da me più volte definito il miglior talento italiano per quel che concerne la letteratura del brivido. Valutazione che, a distanza di tempo, mi sento di confermare.
Marolla è bravo a spaziare dall’orrore urbano/casalingo, con focus particolare sulla sua Milano, ad atmosfere più generiche e di chiara ispirazione cinematografica.
Non potendo consigliarvi semplicemente di recuperare tutto ciò che ha pubblicato, vi fornisco un trittico di titoli impedibili: Malarazza (ahimè quasi introvabile), Imago Mortis e infine La Mezzanotte del Secolo.

malarazza

Impossibile poi non citare il decano di tutti gli autori horror italiani, ovvero Danilo Arona. Uno degli scrittori a cui ho dedicato più recensioni e articoli.
Ottimo nel suo collegare attualità e occulto, cronaca e brivido, cospirazione e quotidianità, che assume nuovi contorni inquietanti, in un contesto spesso senza speranza e livido.
Anche qui, eccovi tre titoli tra i tanti: Malapunta, Black Magic Woman (il mio preferito) e Croatoan Sound .
Poi forse avrete difficoltà ad addormentarvi ma – hey! – è Halloween!

Malapunta

Altra segnalazione meritata e inevitabile è quella che riguarda l’ottimo Eraldo Baldini, che scrive e pubblica storie del brivido da quando qui in Italia si parlava soltanto di Stephen King.
Il Maine di Baldini è la Romagna, il suo punto di forza è il gotico rurale. Le campagne che descrivere sono gli ideali punti d’incontro tra le tradizioni contadine, il folklore locale e certe vecchissime storie che si tramandano da quando le terre romagnole erano abitate da popoli e creature oramai dimenticate.
Se dovessi segnalarvi un paio di suoi titoli, andrei piuttosto sul sicuro con Gotico Rurale e  Quell’estate di sangue e di luna. Peccato soltanto che pochissimi libri di Baldini sono disponibili in formato digitale, e che altri sono di difficile reperibilità anche in cartcaeo.

gotico rurale

Segue ora una lista di segnalazioni che riguardano colleghi di cui mi fregio di essere anche amico. Tuttavia non ve li consiglio in quanto tali (ossia amici), bensì in quanto ottimo scrittori.

Partiamo dall’elegante e prezioso Fabrizio Borgio, il cui Masche è una lettura fondamentale per la Notte delle Streghe. A seguire, riprendendo il medesimo protagonista (l’ispettore Drago), non perdetevi nemmeno La Morte Mormora. Se amate le atmosfere di True Detective, magari mischiate a un pizzico di X-Files, Borgio è il vostro autore.

La morte mormora

Anche di Davide Mana ho parlato decine di volte.
Ho letto quasi tutto ciò che ha pubblicato, trovandolo sempre di livello ottimo. Visto che qui stiamo trattando nello specifico il genere horror, non posso che consigliarvi di recuperare la sua collana Gli Orrori della Valle Belbo. A partire da La Notte dei Cacciatori, giù giù fino a Dalle Colline con la Piena e Chi ha nelle mani ha vinto.

La notte dei cacciatori

Germano M. – l’amico Germano Hell Greco – non ha ancora scritto degli horror “puri”, tuttavia, se vi piacciono le storie di apocalissi, di pandemie e di fine del mondo, non potrete che apprezzare il suo best-seller, Offshore. Cupo, disperato, “malato”. Bellissimo.

Impossibile poi non segnalarvi Bialere – Storie da Idrasca, altra lettura che si presta splendidamente per Halloween. Una raccolta di racconti di Luigi Musolino, tutti di ottima qualità, con atmosfere da gotico rurale. Piccoli e agghiaccianti affreschi horror, in un angolo di Piemonte in cui vivono ancora masche e presenze ancor più inquietanti.

Concludo citando un libro di qualche anno fa, scritto dal bravo Daniele Ramella: Il mistero del Bosco Maledetto. Altra storia piemontese (ci dev’essere qualcosa di davvero strano, in quelle terre), tra leggende, maledizioni e strane creature. Se lo volete acquistare direttamente dall’autore, cercate Daniele su Facebook.

Bosco Maledetto

Buona lettura.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

28 commenti

  1. Beh, in Piemonte c’è Torino: città dell’occulto per eccellenza. Strano mix di santi, massoni e satanisti.

    Per il resto, conosco Marolla e Mana… ma devo rifarmi con tutti gli altri! Peccato che a molti manchi la versione digitale.

  2. Su Luigi Musolino ci sarebbe da aggiungere che attraverso e grazie l’associazione del Trofeo Rill uscirà a breve una sua nuova raccolta di racconti (anzi, la prima di due), “Oscure Regioni”.

  3. Di vampiri ormai,
    se ne sono visti di tutti i tipi in tutte le salse e sinceramente sono molto restio a leggere qualcosa su questo tema… tuttavia da come lo descrivi sembra proprio un capolavoro, magari per Halloween un pensierino posso anche farcelo…

  4. Come sempre grazie per i tuo consigli di lettura. Cercare roba buona in mezzo al marasma è un lavoro, con questi articoli lo faciliti di molto.

  5. Ringrazio per la bella citazione. E aggiungo – banalmente, lo so – che è bello essere ricordati anche a distanza di anni. Grazie di nuovo.

  6. Alcuni titoli non sono di facile reperibilità, vuoi perché non hanno anche la versione digitale e sono fuori catalogo. Poi ci sono casi davvero insoliti, come malapunta di Danilo Arona, con l’ottima casa editrice xii che chiude i battenti e con la mezzotints che chiude 24 ore dopo dopo aver messo in promozione la versione digitale

  7. Non di solo King deve vivere un fan dell’orrore.
    E lo sta dicendo un grande fan del Re 😉
    Grazie per le segnalazioni, conoscevo Marolla più che altro come sceneggiatore di fumetti, Davide Mana e Germano M. (questi ultimi grazie a De Ebook Mysteris), gli altri sono stati nuove scoperte. Vedrò di toccare con mano 😉

  8. MI sento come quei tifosi che d’improvviso si ritrovano a giocare nella squadra del cuore. Ecco e il tutto in concomitanza con la ristampa di Masche, che è stata davvero un colpo grosso per me. Grazie ancora.

  9. Sono tutti autori ben conosciuti dai fan dell’horror italico, mancano al tuo appello Alda Teodorani e la Ghinelli (il nome non mi sovviene) e poi mi pare che i migliori ci siano tutti.

  10. Ammetto di avere letto “solo” i quattro titoli di Vergnani, e non posso che concordare con la tua opinione: li ho trovati splendidi, in modo particolare “Il 18° vampiro” e “I vivi, i morti e gli altri”. Li ho amati e mi hanno appassionato profondamento, mi hanno commosso ed emozionato! Da quando li ho letti non ho potuto fare a meno di “spargere il verbo” consigliandoli ad amici e conoscenti. Tra l’altro, approfitto dell’occasione per fare i complimenti e per ringraziare Vergnani : grazie di cuore !
    Per ora gli altri titoli elencati mancano ancora all’appello, ma cercherò di procurameli.
    Grazie mille per le tue ottime segnalazioni !

    1. Grazie di cuore a te. 🙂 E di nuovo grazie a Alessandro per la splendida occasione di incontrare o ri-incontrare tanti amici.

  11. Ciao e grazie, ottimo articolo. Se mi permetti segnalerei tra i “padri fondatori” oltre all’ottimo Danilo Arona anche i “classici” Gianfranco Manfredi, Gianfranco Nerozzi e Paolo Di Orazio, forse meno noti ai giovani cultori ma seminali negli anni Ottanta. Tra i più recenti invece una menzione particolare la farei a Nicola Lombardi e Riccardo Coltri. Inaspettatamente l’ostracismo dei grandi editori nei confronti dell’horror ha prodotto una nidiata di interessantissimi autori italiani, all’interno dei quali rifulgono per originalità anche i tuoi lavori (per ora ho letto soltanto, con grande soddisfazione, il ciclo di Moebius).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...