Il Mangianomi e un altro modo di scrivere fantasy

Il Mangianomi

De Il Mangianomi avevamo già accennato nel mio super-special sul fantasy italiano.
Vale tuttavia la pensa spendere un articolo dedicato unicamente a questo romanzo, scritto da Giovanni De Feo, e di cui si è parlato troppo poco (quando invece si è parlato fin troppo ai autori come la Troisi e la Strazzulla).
Il Mangianomi è un fantasy fuori dai canoni, ambientato in un generico sud Italia (siamo dalle parti del “Regno di Campania”), in un altrettanto generico Rinascimento.
L’impianto del romanzo appare a metà tra la fiaba in stile fratelli Grimm e un racconto fantastico della scuola mediterranea, che oramai è quasi del tutto estinta e dimenticata Non che abbia mai vissuto tempi felicissimi, purtroppo.
Tra misteriose minacce di origine soprannaturale che “mangiano” l’identità di cose, persone e animali, lupouomini, foreste maledette e un giovane, fallibile eroe che si avvale dell’aiuto di tre particolarissimi cani da caccia, il romanzo scorre via che è un piacere.
Il fatto che sia diviso in due parti conseguenziali ma quasi del tutto autoconclusive risulta singolare, ma funziona.

Una terribile minaccia insidia il Ducato di Acquaviva: è il Mangianomi, una creatura misteriosa e inafferrabile che si aggira nel buio rubando a qualunque cosa il proprio nome. In breve tempo uomini, donne, bambini, animali, ma anche torri, foreste e paesi interi vengono ridotti a vuoti gusci irriconoscibili. L’unica speranza per gli abitanti del Ducato è rivolgersi a Magubalik, un giovane e solitario cacciatore dall’abilità leggendaria, perché sconfigga il temibile mostro. Ma il compito si rivelerà arduo persino per lui, e la caccia al Mangianomi si trasformerà da una pericolosa avventura a una discesa agli inferi, in un’odissea alla ricerca di se stesso.

In questi ultimi due mesi abbiamo tanto parlato dell’abuso di certi stereotipi fantasy, e di quanto questo genere possa funzionare bene (anche) senza elfi, nani, hobbit e maghi in stile Gandalf.
Il Mangianomi è un’ottima dimostrazione della veridicità di tale affermazione.
De Feo parte da una “simil-realtà” – come dicevo la storia è ambientata in un’Italia fittizia e in un contesto vagamente rinascimentale – e ne ricava un sub-mondo di fantasia che dimostra avere più elementi di originalità rispetto ai millemila cloni di Tolkien e Martin che stanno uscendo in questi 15-20 anni.

Un altro elemento che ritengo positivo è il linguaggio adottato dall’autore, che si è sforzato nell’inventarsi alcuni termini appositamente pensati per la sua storia. Si va dal Mangianomi stesso, al Balisto (il governatore) di Acquaviva, ai Contaombra. Piccoli tocchi di stile che denotano una cura del testo, un world building leggero ma curato.

Il romanzo risulta gradevole sia ai ragazzi (i famigerati young adult) che agli adulti. La struttura è sì fiabesca, ma la storia è a tinte fosche, caratterizzata da un eroe non certo infallibile, non senza difetti, e da “cattivi” che hanno più sfaccettature e varianti rispetto al classico “oscuro signore” dei già citata cloni tolkeniani.

Le illustrazioni di Arthur Rackham ricordano le atmosfere de "Il Mangianomi".
Le illustrazioni di Arthur Rackham ricordano le atmosfere de “Il Mangianomi”.

Ho fatto una breve ricerca, senza trovare altri titoli pubblicati da De Feo, dopo questo esordio con un’importante casa editrice come Salani. Peccato averlo perso quasi subito per strada, perché dopo di lui non ho trovato altri autori italiani con le sue peculiarità.
Ovviamente, visto i tempi correnti, è difficile che qualche editore dei nostri proponga storie del genere. Si può sperare in qualche autoproduzione, ma non occhio a quel che desideriamo, perché potrebbe avverarsi, e non piacerci affatto (alcuni fantasy/fiabeschi pubblicati in self publishing che mi è capitato di leggere sono oltre il brutto).

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

8 commenti

  1. Di sicuro il libro in questione per come lo presenti è interessante. Mi sposto un attimo, però, per dire una cosa: che cos’è il fantasy? Come genere intendo. C’è una definizione ufficiale? Che ha dato qualcuno e che viene accettata? Fantasy credo voglia dire fantasia, letteralmente, e così sarebbe un genere troppo ampio e comprenderebbe tutto tranne le biografie. Quando si parla di ambientazione fantasy pensiamo ai nani e agli elfi perché Tolkien ha monopolizzato il genere o perché in effetti quegli e altri elementi sono parte necessaria al genere? Quando una storia smette di essere fantasy e diventa semplicemente fantastica? Non dico che sia il caso del romanzo di De Feo, però, capisci cosa intendo?

    1. In effetti la concezione di fantasy è molto, molto variegata.
      Non a caso esistono decine di sottogeneri e di sfumature.
      Qui da noi hanno sdoganato il fantasy tolkeniano e – più recentemente – il paranormal romance (che sempre più spesso ci spacciano come urban fantasy, che in realtà è ben altra cosa).

  2. In verità De Feo ha scritto un altro romanzo di genere fantastico nel 2011, “L’isola dei liombruni” e la sceneggiatura di un film fantastico Italiano, “L’Uomo Fiammifero”.

  3. Beh io su tuo consiglio del fantasy italiano mi sono da poco fatto un super-acquistone su Amazon di titoloni come Anno Dracula e proprio il Mangianomi, che fin da subito mi ha intrigato come poche altre cose…adesso quando sarà finita la tempesta dell’esame di stato mi metterò a leggerlo subito. Tra l’altro sono titoli che anche cartacei si trovano a prezzi ottimi.

  4. Avvistato spesso su bancarelle e mai acquistato nel dubbio che fosse young adult. Ora tu mi confermi che in effetti lo è ma fidandomi ciecamente del tuo mitico olfatto per i buoni libri lo comprerò senz’altro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...