Segnali di fumo: Sansepolcristi, atomica e poteri

monica bellucci smoking

Nuovo appuntamento con le segnalazioni a random (ma forse nemmeno poi tanto) riguardo tanta “roba buona” da recuperare, tra edicola, libreria e Kindle store.
Questa rubrica ha raccolto l’eredità di mie altre iniziative simili del passato. Non faccio più distinzioni tra cartaceo, ebook, fumetti e DVD.
Come ricordavo nel precedente post di Segnali di Fumo, purtroppo non ho abbastanza tempo per recensire tutto ciò che compro, perciò spero di fare cosa buona e gradita almeno accennandone in questa sede.
Come mi raccomando sempre: prende appunti, ricaricate la carta di credito o il conto PayPal, perché ora vi farò spendere un po’ di quattrini.

Powers volume 1: Chi ha ucciso Retro Girl?

Powers

di Brian Michael Bendis, Michael Avon Oeming
Panini editore

Di Powers ho parlato sempre troppo poco, qui su Plutonia. Eppure abbiamo a che fare con una delle saghe supereroistiche a fumetti tra le migliori, tra quelle realizzate dal 2000 in poi.
Powers ammicca esplicitamente ai moderni serial polizieschi, come CSI, The Shield e altri, di cui ricalca il registro narrativo, adottando personaggi sfaccettati, dialoghi taglienti, situazioni “metropolitane”. In tutto questo ci sono poi i Poteri, ovvero superumani dotati di capacità fuori dall’ordinario. Molti di loro sono “eroi”, ma sono più adatti a comparire nei talk show che non a compiere atti di vero eroismo. Altri sono criminali, altri ancora sono psicotici.
Chi ha ucciso Retro Girl? – ora disponibile anche in formato Kindle – è il primo volume del ciclo narrativo, nonché uno dei migliori.

L’Antiquario di Brera

Brera

di Ippolito E. Ferrario
Fratelli Frilli editore

In una Milano moderna, tra aperitivi, hipster, “cummenda” volgari, neo-sansepolcristi e occultisti alla ricerca di reliquie di grande potere, l’antiquario Neri Pisani Dossi si trova coinvolto in un’indagine che riguarda proprio il mondo dell’esoterismo.
Il romanzo di Ferrario è divertente, irriverente, molto diverso dai tanti libri che hanno per protagonisti i soliti commissari esistenzialisti e pacifici. Neri Pisani Dossi, il protagonista dell’Antiquario di Brera, è un signore di mezza età, sociopatico, con evidenti simpatie fasciste, nonché incline al sadomasochismo. Si muove in una Milano tragicomica, popolata da personaggi tanto bizzarri quanto plausibili (ve lo dico io, che a Milano ci sono nato).
Un romanzo spassoso, che strappa più di una risata, senza rinunciare a elementi tipici del thriller soprannaturale. Rarità!

L’Ultima Spiaggia

L'ultima spiaggia

di Nevil Shute
Urania Mondadori

La versione libresca (disponibile anche in ebook) di un film post-apocalittico tra i più belli e malinconici, riproposto finalmente anche in Italia, per Urania Mondadori.
Non ho avuto ancora occasione di leggerlo, ma ve lo segnalo alla cieca, soprattutto che si tratta di un classico (invero un po’ dimenticato) della fantascienza/fantapolitica.

La guerra atomica è durata solo trentasette giorni, ma sono bastati ad annientare tutto l’emisfero settentrionale e acondannare il resto del pianeta a un’inesorabile estinzione. Il sottomarino Scorpion corre silenzioso nelle profondità del mare, con al comando il capitano Dwight Towers, uomo tutto d’un pezzo che ha visto le sue certezze vacillare e sbriciolarsi assieme alla civiltà. Destinazione l’Australia, ultimobaluardo del genere umano. Insieme agli ultimi sopravvissuti il capitanoTowers affronterà l’inevitabile in un romanzo corale dai toni foschi e disillusi: mentre la mortale nube radioattiva si fa sempre più vicina, l’autore orchestra un impeccabile ultimo requiem per l’umanità.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

5 commenti

  1. L’ultima spiaggia , letto anni fa e riletto , approfittando proprio dell’offerta Amazon , da pochissimo .
    Certo risente del periodo in cui fu scritto , rimane uno splendido romanzo , con una grande storia d’amore crepuscolare , e temi che non possono lasciare indifferenti .
    La guerra nucleare è sullo sfondo , sempre presente ma mai invadente , e tutto scorre in attesa dell’inevitabile fine .
    A mio modesto parere un romanzo che vale sicuramente la pena leggere .

  2. Grazie delle segnalazioni, sempre gradite (anche se non ho ben capito se L’Antiquario di Brera si ponga come un thriller, un horror o un comico, e ho sorriso quando ho letto di una guerra atomica durata la bellezza di trentasette giorni quando forse non arriverebbe a trentasette ore). 😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...