Scrivere lungo-lungo

Prehistoric paper money.

Faccio qualche ragionamento da autore, a voce alta (magari a qualcuno interessa).
Dunque negli ultimi mesi, forse già lo sapete, mi sono dedicato a due romanzi di imminente uscita (anzi, Gladiatori contro Kaiju è uscito pochissimi giorni fa).
Si tratta di un romanzo breve (35.000 parole circa) e di uno “medio” (55.000 parole circa). In entrambe i casi lo sforzo produttivo si è rivelato notevole, vuoi per fattori di tempo, vuoi per l’impegno mentale dovuto al dover rimanere su una singola storia per molte settimane. Quando scrivo novelette o racconti avviene l’esatto contrario: do il massimo su una storia, ma per 10-20 giorni al massimo, salvo poi passare ad altro. Il che non vuol dire che impegno meno, bensì che mi impegno in un lasso temporale diverso.
Ma non pochi dei miei lettori mi volevano alla prova su qualcosa di più lungo e io li ho voluti accontentare.
E adesso?

Innanzitutto vorrei anche far presente che l’investimento economico (soprattutto per l’editing) di un romanzo è giustamente assai maggiore rispetto a quello fatto per un racconto o per una novelette.
Si impone quindi la necessità di rientrare quantomeno nelle spese, perché nessun autore è talmente folle da voler scrivere per mesi e perderci pure dei soldi.
A questa faccenda si riconduce la questione del prezzo di copertina.
Per farla breve ritengo disonesto vendere romanzi a 0,99 euro – a eccezion fatta per i periodi promozionali.
Novantanove centesimi è un prezzo ottimale per i racconti, ma svilisce il gran lavoro che sta dietro la pubblicazione di un romanzo.

Viceversa, in Italia c’è una palese diffidenza a comprare ebook che costano più di 3 euro. Fanno eccezione quelli pubblicati dai grandi gruppi editoriali, anche se non sempre la casa editrice di grido è una garanzia di qualità del prodotto. Anzi…
Se vendere un ebook a 9 euro è truffaldino, svendere un romanzo a prezzi eccessivamente bassi è controproducente. Non solo: gli esperti dicono che è anche un implicita svalutazione che l’autore fa del proprio prodotto. Come a dire che, sapendo di non poter far leva sul proprio nome o su uno zoccolo duro di lettori, preferisce ribassarsi all’estremo, sperando di far leva sul cosiddetto “effetto offerta speciale”.

3 euro

Ok, allora ragioniamo su questo fatidico prezzo: 3 euro (che poi in realtà è un 2,99).
È poco? È troppo? È giusto?
Ovviamente siamo nel campo delle valutazioni soggettive.
Contando che in questi anni ho conosciuto gente che ritiene “troppo” anche un solo euro di prezzo per un ebook o un MP3, non mi stupisco più di nulla.
A questo punto ritengo che un autore debba cercare di instaurare un rapporto quanto più soddisfacente coi suoi lettori più affezionati, e non cercare unicamente chi bazzica le classifiche di Amazon in cerca delle sole offerte speciali.
Siamo al solito discorso del crearsi una propria nicchia, una propria tribù, nutrendo un minimo di fiducia in ciò che si fa.

Concludo con la fatidica domanda: quanto lo vendereste voi (se foste autori – e magari lo siete!) un romanzo in formato ebook?

dragon treasure


Alex Girola – follow me on Twitter

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

20 commenti

  1. Considerazione difficoltosa. Personalmente valuterei il “risparmio” dell’ebook rispetto al cartaceo, perciò si deve stornare il comparto delle spese tipografiche e al netto di ciò, farci rientrare spese di editing, eventuali diritti d’autore e promozioni varie.
    A spanne, un romanzo, almeno 3-4 euro finisce con valerli

  2. Dai 3 ai 6 euro a seconda di quanto mi interessa la storia li spenderei. Sopra i 5,99 probabilmente inizio a valutare l’acquisto del cartaceo (se esiste) perché così lo legge anche mia madre.

    Più o meno la stessa valutazione se è un mio prodotto, con la consapevolezza che non ci guadagneró granchè (e io le copertine non le pago e l’editing lo baratto).

    Nella mia nicchia dei giochi: sotto a 7-10 euro solo prodotti promo o molto brevi. Come produttore ho sempre fatto il discorso inverso, partendo dal prezzo. Cioè: la gente è disposta a pagare x per un ebook, cosa riesco a proporre avendo x come budget?

    1. Anch’io sopra i sei euro valuto l’acquisto del cartaceo, più che altro per variare un po’ (alla faccia di chi fa il talebano, a me a volte piace leggere in digitale e altre volte in formato tradizionale).

  3. 3 euro? Beh, credo sia giusto, ma si può andare anche oltre (senza esagerare). Non pubblicando nulla non so però effettivamente quanto lavoro ci sia dietro e quante spese soprattutto. Da lettore/consumatore però posso dirti che il massimo che ho speso per un ebook è attorno ai 7 euro, ma solo perché quel libro mi interessava davvero tanto e non lo potevo trovare con altri metodi.
    Sono d’accordo poi sul fatto che uno scrittore debba creare un buon rapporto coi propri lettori. In quel caso, anche alzando i prezzi ogni tanto, si è disposti a spendere qualcosina in più, anche solo sulla fiducia.

  4. Condivido quasi sempre il tuo approccio, specialmente riguardo “il mestiere dell’autore”. Secondo me il prezzo 2,99 per 300/500 pagine è corretto. Purtroppo in Italia manca la mentalità eBook e si preferisce spendere 20 euro per una boiata al posto di 2,99 per una buona storia ben scritta.
    Personalmente se ho un progetto da 500 pagine lo spezzo in tre volumi da 0,99. Non sarà eticamente corretto, ma il lettore disposto a investire 0,99 lo si trova.

  5. Dipende molto da chi è l’autore che “mette” il prezzo. Se sei un nome puoi permetterti di alzare il prezzo, altrimenti no. Non so se sia giusto, però funziona in un’ottica di domanda-offerta. Nel tuo caso 2,99 mi sembra un prezzo centrato e coerente. Non saprei se definirti un “nome”, probabilmente no, di sicuro però hai una base di lettori e una visibilità nettamente superiore al neofita sballato. 1,50 per racconti di 70 pag, il doppio per il doppio di pag (tra l’altro così ottieni il 70% da Amazon) credo sia ottimo e logico. Mi sembra di essere dal salumiere, ma gli auto prodotti devono fare tutto loro, compreso queste sporche faccende.
    Per quel che mi riguarda faccio 0,99 racconti e 1,50-1,99 roba lunga, perché io sono un neofita sballato.

  6. da lettore, 4-5 euro per un romanzo in ebook li spendo senza troppi rimorsi. mi spingo anche oltre, ma faccio qualche valutazione in più, soprattutto considerazioni sull’affidabilità dell’aautore e le aspettative sul libro. il mio limite scatta intorno agli 8 euro, raramente compro a cifre del genere (ma è capitato).

    il romanzo a 0.99 in effetti mi genera un po’ di diffidenza, a meno che appunto non si tratti di una promozione temporanea. mi dà l’idea che se costa meno di 1 euro, si tratta magari di un racconto allungato o di una storia non conclusiva.

    1. Per autori di cui sono “fan” arrivo a spendere anch’io 7-8 euro… Fosse anche solo per avere subito i loro ultimi libri, senza dover attendere i tempi di consegna 😉

  7. Secondo me il tuo prezzo è giusto, nel senso che è proporzionato alla lunghezza. 0,99 € va bene per i racconti e 1,99-2,99 € per gli scritti più lunghi. Ormai mi sembra chiaro che la letteratura sia una cosa che si compra a peso… o almeno così è il mercato! Quello che mi disturba davvero sono alcuni autori truffaldini (comprese anche alcune case editrici) che provano a vendere poche pagine per cifre esorbitanti, approfittandosi che “l’ebbboch è una robbba nuova” e dell’inesperienza degli e-neofiti.

  8. Tocchi un argomento scottante. Dovessi vendere un ebook non lo venderei a meno di 3,99. Dietro il prezzo ci vorrebbe però un prodotto che giustifica quella spesa. Ovvero: una copertina curata, non quelle schifezze assurde, e un editing onesto. Non lo venderei mai a 2,99, un prezzo troppo basso, figuriamoci sotto. D’altra parte, secondo me dipende dallo sforzo, se è un romanzo serio, non so…userei altre strategie. Saluti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...