Il rapporto tra fascismo e zombie apocalypse

Thatcher-zombie

Parlare di politica è una cosa che amo fare quanto cavare un dente.
Però ogni tanto è giusto fare qualche riflessione ad alta voce – vale a dire qui sul blog. Lo faccio anche perché la politica ogni tanto tange anche i miei campi d’interesse, ossia quella letteratura fantastica a cui dedico tanti sforzi.
Per esempio, discutendo coi colleghi, ci siamo spesso domandati quante e quali relazioni ci sono tra i fanatici delle zombie apocalypse e chi aspira a una “rivoluzione fascista” che ribalti l’attuale società, ponendo le basi di un mondo nuovo.
Innanzitutto è corretto affermare che esiste qualcosa del genere?
Secondo me sì, e non solo il solo a dirlo. Basta fare un giro su Amazon per trovare quantità industriali di racconti e romanzi che narrano la solita storia: il mondo finisce per colpa della zombie apocalypse, grezzamente utilizzata dall’autore come metafora del marciume della società moderna, rimbambita dal capitalismo, dal buonismo, dalla tecnologia, dalla scienza e via elencando.

In queste zombie apocalypse fortemente ideologizzate i sopravvissuti in grado di salvare la pelle (sempre e comunque) sono generalmente ex militari disillusi (maschi alpha), che combattono per sé stessi e per un gruppo di soggetti-beta di cui diventano i leader naturali.
Nel loro vagabondare tra i resti della civiltà umana, questi eroi duri e puri affrontano zombie, ma anche piccoli/grandi tiranni locali, eliminando senza pietà chiunque – a loro insindacabile giudizio – non è degno di vivere nel nuovo mondo post-apocalittico.
Parliamo di “eroi” che si ergono a tribunali, giudici e boia.
In taluni casi è il realismo della situazione a richiedere un comportamento tanto deciso e spietato, mentre in altri l’autore vuole – più o meno dichiaratamente – far capire quali dovrebbero essere i leader di un mondo “giusto” e sano.

Peccato che il genere zombie moderno nasca da un’ottica inversa.
George A. Romero è stato anticonformista, antimilitarista, fortemente critico nei confronti dei poteri forti e delle autorità, ma anche convinto fustigatore di chi, dopo il crollo della civiltà cerca di sfruttare armi e violenza per sfruttare i deboli.
In questo senso Day of the Dead è forse il suo film più politico, ancor più di Dawn of the Dead, dove a essere preso di mira è il consumismo, senza però offrire un’alternativa di senso morale/politico opposto e contrario.
Negli anni ’70 e ’80 i registi di zombie movie interpretavano i militari – uniche forze di opposizione ai morti ritornati dalle tombe – come ottusi, violenti e incapaci di risolvere alcunché. C’è stato perfino un eccesso nel rappresentare questo cliché, oramai abusato e stucchevole.

zombie policeman

Ora però assistiamo a un processo contrario.
Non è un fenomeno diffuso tanto nei film quanto nella letteratura zombie, come ho già detto.

Volendo azzardare un’interpretazione sociologica, potrei affermare che i fan delle zombie apocalypse fortemente militariste sono gli stessi che sui social network augurano impiccagioni ai politici, bombe nelle sedi di istituzioni e governi, oppure un ritorno alla vita rurale “da veri uomini”. Oppure sono quelli che evocano l’uomo forte al comando, quello che risolve i presunti problemi di “minaccia identitaria di un popolo” a calci nel culo e a cannonate.
Ovviamente non è sempre così.
C’è anche chi, da buon bullonaro, ama le storie di zombie apocalypse e soldati perché è appassionato di armi da fuoco e di scontri campali, senza retropensieri e ideologie.
C’è poi chi scrive storie di zombie apocalypse belliche i cui protagonisti sono soldati o membri delle forze dell’ordine che combattono per gli stessi motivi dei loro omologhi nella vita reale: per proteggere gli innocenti.

I migliori zombie guy (così vengono definiti gli autori specializzati in zombie) sanno soprattutto scrivere buoni racconti, che siano essi metaforici oppure soltanto divertenti.
Mi vengono in mente Brian Keene, Max Broox, David Moody o Claudio Vergnani. Perfino uno scrittore dal tratto fortemente militaristico, J.L. Bourne, non cade mai nella tentazione di connotare di aneliti fascisti i suoi romanzi. Perché un conto è colorare di significati politici una storia di zombie, un altro è trasformarla in un triste manifesto in cui si anela a un modo dominato da un gruppetto di maschi alpha che si comportano “come veri uomini”.

Proprio ieri, tanto per fare un esempio fresco fresco, è uscito un nuovo racconto zombie, Jugglerz of the dead, che l’autore Massimo Mazzoni presenta così: “… Quindi pochi pistolotti morali sulla degenerazione della società attuale e sulla glorificazione degli ultimi tutori dell’ordine, ma tanta azione, fluidi marcescenti e molta giocoleria!
Se si vuole si può sempre uscire dagli schemi che stanno incatenando il genere, e non tocca farlo solo ai “big”, ai grandi autori citati poco sopra, ma anche a noi autori indie che amiamo ciò che scriviamo e che odiamo essere associati a certi elementi.

jugglerz

La cosa curiosa – e poi concludo – è che il “fascismo zombie” non è di solito orientato contro le minoranze tanto odiate della destre estreme (omosessuali, musulmani, ebrei), bensì contro la nostra società, vista come decadente, debole, distratta da cose giudicate inutili, come la televisione, Internet, i social network, lo sport, l’eros, il cinema. Non a caso la zombie apocalypse spazza via tutto questo, lasciando l’essenziale e permettendo la nascita dei nuovi leader, gli “uomini veri”.
Si tratta di un vetero-fascismo che richiama ai Bücherverbrennungen (i roghi di libri), in cui vennero bruciati migliaia di volumi “non tedeschi”, ma anche molti libri giudicati colpevoli della decadenza e della mollezza morale dell’uomo moderno.

L’uomo tedesco del futuro non sarà più un uomo fatto di libri, ma un uomo fatto di carattere. È a questo scopo che noi vi vogliamo educare. Come una persona giovane, la quale possiede già il coraggio di affrontare il bagliore spietato, per superare la paura della morte, e per guadagnare il rispetto della morte – questo sarà il compito della nostra nuova generazione. (Joseph Goebbels).

Vi viene in mente forse qualcun’altro che ce l’ha tanto con la modernità, con uno stile di vita “molle” e “decadente”, talmente nocivo e blasfemo – dicono loro – da dover essere spazzato via con violenza purificatrice?
Ma voi vi sentite davvero in colpa perché usate Facebook, perché mangiate hamburger, perché ascoltate musica pop, perché siete a favore dei matrimoni gay, perché vi piace ogni tanto comprare un vestito bello, perché ogni tanto guardate le donnine nude su Internet, perché la figlia dei vostri vicini ascolta Miley Cyrus?
Io no.
La nostra non è una società perfetta. Siamo pieni di difetti, siamo distratti da mille sciocchezze e pubblichiamo stupidate sui social network. Eppure ci evolviamo, cerchiamo – con risultati alterni – di costruire un mondo a misura delle stramberie di tutti quanti.
Non voglio che le mie zombie novel di fantasia – di intrattenimento – vengano prese per manifesti pro-estinzione, per incitazioni ad accendere i roghi sacri da cui si ergeranno i virili custodi della nuova umanità.
Queste pezzenterie wagneriane le lascio al macho di turno, al survivalista da tastiera, al Rambo da osteria.

E con questo chiudo.
Scusate se sono stato pesante, prolisso, magari un po’ eccessivo, ma io sono Alessandro Girola, uno zombie guy convinto, e volevo distinguermi da quella gente lì.

zombie apocalypse


(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

18 comments

  1. Curiosamente il capo dei sopravvissuti in The Walking Dead (fin dove ho seguito il programma) mi sembra fare proprio quel tipo di percorso interiore, da uomo pieno di dubbi a maschio alpha, tipo di persona che all’inizio viene raffigurata negativamente e poi diventa la norma (ma anche al femminile).

    1. Non ho visto la serie tv ma nel fumetto Rick passa gradualmente, di tragedia in tragedia, da “buon” uomo d’ordine a un sociopatico ossessionato dalla sicurezza della comunità, disposto a fare qualunque cosa pur di difendere “i suoi”, cosa che gli costerà parecchio in termini di rapporti con gli altri e anche con sè stesso. Mi pare ci sia tutto un ciclo che verte sulle scelte difficili, quasi inumane, che si è costretti a prendere quando le regole del vecchio mondo non servono più a niente…

  2. Francamente mi sembra un’ipotesi piuttosto azzardata. Innanzitutto perché le storie zombie rappresentano il fallimento di tutta la società e di ogni governo. Molto spesso non esiste una “buona squadra di fascisti” che salva la baracca. Che apologetica sarebbe quella in cui il fascismo trionferebbe solo in caso di completa distruzione sociale ?

    Inoltre la base culturale di molte storie è quella americana, il cui il dibattito sociale, quando c’è, riguarda più libertari e survivalist contro liberal. Nei rari casi in cui la società sopravvive, come in World War Z, si critica proprio la tendenza anarchica americana.

  3. A me nelle apocalissi zombie non danno fastidio le derive “militari” e, faccio fatica a scriverlo, “fasciste”. Non perché le sposi, figuriamoci, o perché desideri un fuoco purificatore per questa società (che a me va bene così pur con le storture e ambiguità del caso) ma perché le trovo purtroppo verosimili in un contesto disperato e folle; del resto l’uomo appena la società si sgretola ritorna ad essere una bestia che ha nelll’istinto di sopravvivenza la prerogativa principale. Poi chiaro, dipende molto dalla abilità dello scrittore nel non abusare di certi cliché, di non farsi prendere la mano e raccontare una buona storia senza intenti pedagogici, morali e politici.
    Al contrario rimango perplesso quando l’autore si sforza nell’inserire personaggi e situazioni paradossali, con personaggi fuori fuoco, che parlano di massimi sistemi e che organizzano una mini società improbabile. Io da lettore faccio fatica ad immedesimarmi, e non certo perché non mi riconosca astrattamente in certi valori, ma perché lo trovo inverosimile. Infatti se nella serie di walking dead avessero inserito un unicorno al posto di rick grimes sarei stato meno sorpreso.

  4. Boh, stavolta non sono tanto d’accordo con la tua analisi. Come dici tu spesso è un espediente per giustificare l’utilizzo di un certo tipo di personaggio: ex militari o militari perchè se una persona comune, tipo me, si ritrovasse un fucile a pompa tra le mani probabilmente finirebbe per spararsi su un piede. Survivalisti perchè in teoria dovrebbero essere sempre più preparati a certe situazioni di chi non ha la più pallida idea di come accendere un fuoco senza un accendino. Quanto alle derive che definisce fasciste, io ci vedo più una conseguenza del crollo della società civile. Vengono meno le regole sociali e a quel punto è il più forte a comandare. Come nel Signore delle Mosche.
    Poi vabbè, sono d’accordo con te che il clichè del militare cazzuto oltremisura abbia rotto le scatole alla grandissima.

  5. È abbastanza “normale” che le storie di sopravvivenza prendano una piega di tipo fascistoide (nell’accezione più popolare del termine) perché il concetto darwiniano di “sopravvivenza del meglio adattato” (“survival of the fittest”) è stato interpretato troppo spesso come “sopravvivenza del più forte”.
    Si arriva così èer paradosso a storie in cui ci viene mostrata la “sopravvivenza del peggior disadattato” 🙂
    Il pubblico d’altra parte gradisce – perché è bello immedesimarsi nell’uomo forte, e immaginare una catastrofe che elimini tutti coloro che ci sono antipatici (perché noi sopravviveremmo, giusto? Noi siamo dei “bad motherfuckers”… nella nostra immaginazione), e ci dia anche la possibilità di accopparli una seconda volta.
    Molto adolescenziale, naturalmente – ma il livello è troppo di frequente proprio quello: “Quando sarò io al comando, vedrete!”
    Certo, come no.

  6. Come dici anche tu, una delle storie migliori di zombie (parlando ovviamente di cinema) è Day of the Dead, che fa derivare la sua potenza proprio da tutta una serie di scelte precise su chi sopravvive e chi no, su chi è più “adatto” e chi non lo è e quindi finisce per soccombere.
    Visto oggi, quel film sembra quasi una parodia di certi racconti con i militari cazzuti, o i civili militarizzati che auspicano un ritorno all’uomo forte al comando.
    Quindi no, non credo affatto che in un ipotetico crollo della società dovuto a degli ipotetici zombie, alla fine sopravviverebbero violenti e survivalisti.
    Magari nei primi momenti di panico sì, ma poi ci vorrebbero, più di tutto il resto, intelligenza e umanità.
    Perché, sempre per citare Romero: quando i morti camminano, bisogna smettere di uccidere, o si perde la guerra.

  7. Solo una precisazione: io adoro le storie di zombie “militariste”. Se però intuisco che dietro una storia c’è un credo politico sulla falsariga di quello che descrivo nel post (e vi assicuro che ho buon fiuto) allora no, non mi va più tanto bene.
    Poi sono idee strettamente soggettive, si sa.

  8. Ora che mi ci fai pensare, anche The Walking Dead ha un maschio alfa ex militare (sceriffo) alla guida di un gruppo che si scontra con altri, distruggendoli o imponendo la propria visione fascista delle cose. Perciò le tue conclusioni potrebbero anche spiegare l’immeritato successo della serie. Che io infatti fatico ancora a spiegarmi, visto che è pure scritta col culo.

  9. Questo è uno dei motivi per cui trovo “Shaun of the dead” (l’Alba dei morti dementi) uno zombie movie assolutamente originale, verosimile e ben sceneggiato. Nonostante la sua vena comica non ha nulla da invidiare a mille altre storie zombie della categoria da te descritta. Lo ritengo a tutti gli effetti un piccolo capolavoro del genere.

  10. Io ovviamente concordo con te, altrimenti non l’avrei scritto nella prefazione 😉 E poi, come dice Indy: “Nazisti… Io la odio questa gente”, anche quando si nascondono tra i bit di un ebook! Ah, e grazie mille per la segnalazione!

  11. Per me uno la può rigirare come vuole: la civiltà occidentale è profondamente decadente non perché c’è la pornografia, la tecnologia, la scienza, la democrazia, ma proprio perché profondamente nichilista: non ha alcun scopo, è la civiltà della quantità senza alcuna qualità. Difatti la Grecia e Roma avevano tutte e quattro le cose precedenti, ma non erano decadenti; lo divennero solo alla fine quando anche loro non avevano più senso di sé. Lo stesso noi occidentali adesso.
    Nazisti e Bolscevichi saranno stati pure malvagi, ma avevano uno scopo, quelli che stanno al potere ora non ne hanno alcuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...