Lifestyle Blog

La comodità di PayPal

Forse non tutti lo sapete ma nel gestire le mie attività di blogger e di autore spendo abitualmente un piccolo budget mensile. Come? Pagando il dominio del blog, comprando le foto su Fotolia, per “costruire” le copertine di alcuni miei ebook, investendo in regali o contributi a chi mi aiuta nelle faccende grafiche, nell’editing, nei… Continue reading La comodità di PayPal

acceleratore quantico · riflessioni

La puntualità dei pagamenti è sacra

Questo post nasce dopo aver letto l’articolo della casa editrice LA CASE Books, che annuncia pubblicamente di non rivolgersi più a intermediari italiani per distribuire ebook. Accollandosi un minimo lavoro supplettivo, LA CASE si relazionerà direttamente coi grandi store multimediali che vendono libri digitali: Amazon, Kobo, Google Play etc. Il motivo di tale scelta? Semplice:… Continue reading La puntualità dei pagamenti è sacra

Senza categoria

Baratto, wishlist e una cena pagata

Qualche giorno fa il collega blogger nonché amico, Davide Mana, ha pubblicato un interessante articolo sulle dinamiche che regolano le attività di un autore autoprodotto (altri li chiamano “autori indipendenti” o “autopubblicati”, ma il discorso non cambia). L’articolo è questo: La leggenda dell’autore solitario. Leggetelo, perché ne va le pena, poi tornate qui. Fatto? Ok,… Continue reading Baratto, wishlist e una cena pagata

acceleratore quantico · riflessioni

Bloggami ‘sto razzo

Oggi era prevista la recensione di un libro, tra l’altro bruttissimo (una delle mie rare recensioni negative), tuttavia ci sono alcune cose che hanno ribaltato il mio umore come un guanto. Per questo oggi Plutonia Experiment dichiara il bloglutto nazionale e non pubblica altro se non queste poche righe. Il detonatore del mio malumore esplode… Continue reading Bloggami ‘sto razzo

acceleratore quantico · Lifestyle Blog · riflessioni

E tu lo chiami lavoro?

Questo post fa parte di un trittico di articoli, inaugurato con la recensione di ieri, riguardante la concezione del lavoro e, perché no, della vita stessa. Niente discussioni di alta finanza o di welfare. Sono argomenti di cui capisco poco, su cui c’è molta retorica e di cui non amo parlare. No, qui parliamo dell’aspetto… Continue reading E tu lo chiami lavoro?