dossier

Fantascienza… in piccolo (Dossier)

Grazie a un interessante articolo su Strategie Evolutive in cui si parlava dei nuovi orizzonti della fantascienza, è saltato fuori il discorso della miniaturizzazione umana. Che sia essa voluta, come in Viaggio Allucinante, o casuale, come scrive Matheson in Tre millimetri al giorno.

Di certo è un sottofilone affascinante, per quanto improbabile, ma ancora poco sfruttato, sia nella narrativa che al cinema. Proprio nei film la tematica della miniaturizzazione è stata spesso considerata dal punto di vista umoristico. Mi vengono in mente Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi (Honey, I Shrunk the Kids), pellicola con Rick Moranis, a cui seguì Tesoro, ci siamo ristretti anche noi.

Sempre dalle parti della commedia, è impossibile dimenticare il divertente Salto nel buio, film del 1987 con regia di Joe Dante. Uno dei primi che guardai al cinema, tra l’altro.

Un esperimento scientifico porta il tenente Tuck Pendleton (Dennis Quaid) all’interno di una navicella che viene miniaturizzata e caricata all’interno di una siringa. Come missione deve essere iniettato in un coniglio e studiarne dall’interno la struttura, allacciandosi ai suoi occhi per vedere l’esterno e alle orecchie per poter sentire i suoni. Durante l’esperimento, però, l’intervento di alcuni personaggi che sono intenzionati a rubare i microchip che consentono la miniaturizzazione per sfruttarne la tecnologia, ha come risultato che il tenente Pendleton viene iniettato all’interno di un uomo inconsapevole, Jack Putter (Martin Short), imbranato, timido ed ipocondriaco.

Nota a margine, ma neanche tanto: la protagonista femminile è una giovanissima e bellissima Meg Ryan. Mi innamorai perdutamente di lei. Gesù, avevo 12 o 13 anni, ed ero in piena rivoluzione ormonale!

Nella narrativa la faccenda è sempre stata presa con un piglio più serio. Come già detto il titolo più importante del genere è Viaggio allucinante (Fantastic voyage), di Isaac Asimov. A differenza di quanto si crede, questo romanzo nasce dalla sceneggiatura dell’omonimo film scritto da Harry Kleiner e girato da Richard Fleisher. Il romanzo, commissionato dalla produzione, uscì qualche mese prima della trasposizione cinematografica, facendo così nascere l’equivoco sulla paternità dell’idea.

Tra l’altro pare che Asimov non fosse affatto contento del risultato, tanto che oltre vent’anni dopo, nel 1987, scrisse una sorta di seguito: Destinazione cervello. Questo secondo romanzo è più puntiglioso dal punto di vista scientifico, ed è ambientato nell’ex URSS, con protagonisti del tutto diversi rispetto all’originale.

A ogni modo Viaggio allucinante, più che il suo sequel, rimane ancora oggi un titolo cult della fantascienza “non spaziale”. La trama del romanzo riguarda lo sviluppo di una tecnologia che permette di ridurre le dimensioni di qualunque oggetto materiale miniaturizzando i singoli atomi, ma con la limitazione che tutto ritorna alle dimensioni originali dopo un massimo di 60 minuti. Tale tecnologia viene sperimentata da Stati Uniti e Unione Sovietica.

Uno scienziato di nome Jan Benes, operante oltre la cortina di ferro, lavora su come estendere illimitatamente la persistenza del processo. Con l’aiuto della CIA, Benes riesce a fuggire in occidente, ma rimane gravemente ferito in un tentativo di assassinio. Ridotto in stato di coma da un embolo cerebrale, viene sottoposto ad un intervento chirurgico da parte del Governo statunitense ansioso di conoscere le nuove scoperte sulla miniaturizzazione persistente.

Per eseguire l’intervento un gruppo di scienziati ed esperti, del quale fanno parte l’agente Grant, il capitano Bill Owens, il dottor Michaels, il chirurgo Peter Duval e la sua assistente, Cora Peterson, entra in un sottomarino che viene miniaturizzato e iniettato nel corpo di Benes. Seguono varie peripezie, un vero e proprio viaggio nel corpo umano, con colpi di scena di vario genere.

Una saga assai meritevole è quella dei micronauti, scritta da Gordon Williams sul finire degli anni ’70. Essa comprende tre titoli: The micronauts, The microcolony e Revolt of the micronauts. Il punto di partenza della saga è distopico. Futuro prossimo: la Terra è sovrappopolata, la fame dilaga nel mondo, tanto che i governi impongono leggi marziali per razionare il cibo. Un avveniristico esperimento scientifico permette di rimpicciolire gli uomini alle dimensioni di insetti. Grazie a tale tecnologia sarebbe possibile sfamare la gente miniaturizzata, approfittando delle ricchezze del “piccolo mondo”. Una spedizione esplorativa proverà a sondare questa opzione, valutando l’eventualità di condividere lo spazio vitare con il mondo degli insetti.

Purtroppo la trilogia dei micronauti è arrivata in Italia rimaneggiata. Non si sa bene perché, ma Urania valutò opportuno tradurre solo i primi due capitoli della saga, senza comprare i diritti per il terzo. Il primo volume è reperibile con una certa facilità nei mercatini dell’usato. Se vi capita acquistatelo senza pensarci due volte.

C’è poi il Dottor Cyclops, film del 1940 prodotto dalla Paramount.  Suo protagonista è il folle dottor Torkel, che si diletta a sperimentare strani utilizzi dell’energia atomica. Quando un paio di colleghi lo raggiungono nel suo rifugio in Perù, Torkel svela la vera natura dei suoi esperimenti: ha realizzato una macchina in grado di rimpicciolire gli esseri umani. Per non condividerla coi nuovi arrivati decide di utilizzarla proprio su di loro, riducendoli alle dimensioni di bambolotti, per poi cercare di eliminarli. Effetti speciali straordinari per l’epoca, trama avventurosa e tipica creatività della “vecchia scuola” fantascientifica. Film godibile ancora oggi.

Tre millimetri al giorno è uno dei più noti romanzi di Richard Matheson.

Durante una gita in barca, Scott Carey viene colpito da una non meglio precisata onda radioattiva; qualche settimana più tardi, a seguito di una visita medica, si rende conto, con sgomento, che si sta rimpicciolendo di tre millimetri al giorno. Il romanzo ripercorre gli ultimi giorni del protagonista, la progressiva disgregazione della sua vita di relazione, la sua lotta per la sopravvivenza in un mondo che diventa gradualmente sempre più terribile e minaccioso, e lo spettro incombente del giorno in cui è destinato a raggiungere la dimensione zero ed a scomparire del tutto.

Dunque questa volta la miniaturizzazione non è più volontaria, bensì incidentale, nociva per il protagonista. Dal romanzo è stato tratto anche un film molto valido, Radiazioni BX: distruzione uomo, prodotto dalla Universal.

Non dimentichiamo infine un cartone animato che fece storia: Siamo fatti così, raro e riuscito esempio di divertimento unito alla divulgazione scientifica per i più piccini. Non si tratta di miniaturizzazione, ma siamo da quelle parti.

Io lo adoravo!

16 risposte »

  1. Il tema è interessante anche se si va a scontrare in maniera frontale con una serie di paradossi logici e scientifici. Tuttavia se si fa salvo il sense of wonder che tutti vogliamo il confrontarsi con il ‘piccolo’ è meraviglioso. Se ripenso ai terribili rotiferi, giusto per fare un esempio, mi emoziono ancora.
    Aridatece Asimov! Lo rimpiango davvero, noioso o no.

    • Sì, beh, la plausibilità scientifica è quasi nulla, tuttavia l’argomento è molto interessante!
      Asimov è parecchio noioso, ma ha saputo inventarsi delle cose straordinarie.

      PS: Ho letto la tua e-mail. Appena sono un po’ meno febbricitante ti rispondo 😦

  2. Tre Millimetri al giorno lo adoro…è un romanzo davvero incredibile. Vabbè, ma Matheson a me fa quasi rabbia per quanto è bravo.
    Non sapevo dell’ esistenza della saga dei micronauti. Adesso vedo di recuperare almeno il primo libro.
    E comunque i tuoi speciali sono sempre una meraviglia 😀

  3. La saga dei Micronauti si trova (con un po’ di fortuna) nei negozi dell’usato, a due o tre euro. E’ molto divertente 😉

    Grazie per il complimento! Ci metto un botto a scrivere questi special, son contento se li apprezzi/apprezzate 🙂

  4. Proverò a recuperare la trilogia dei Micronauti… mi intriga assai!
    Il resto l’ho visto/letto, per combinazione ho visto il “Dottor Cyclops” giusto la settimana scorsa! Fantastico.

  5. Mah, non so dal punto di vista (pseudo) scientifico, ma il tema mi affascina parecchio trasposto al cinema. E non mi riferisco al cinema attuale, ma a quello ancora in bianco e nero, quando per far risultare un uomo miniaturizzato, a meno di non scadere nella becera sovrapposizione di immagini per falsare le dimensioni, dovevano costruirsi set giganteschi. Cinema affascinante come pochi. 😉

    • C’è un poetico scambio di battute nella graphic novel The Twelve, che racconta la storia di di dodici supereroi ibernati nel ’45 e risvegliati nel 2008. Per farla breve uno dei Twelve dice: “Credevamo che nel futuro avremmo viaggiato sui pianeti, e che automi meccanici avrebbero svolto il lavoro pesante per noi. Immaginavamo astronavi e meraviglie della scienza. Ma io mi guardo intorno e non vedo nulla di tutto ciò. Solo grigiore e sporcizia.”

      La capacità di immaginare certe cose, il sense of wonder, la creatività… Tutte cose andate perse.

  6. Molto interessante come al solito. Il film “Viaggio allucinante” effettivamente ha fatto storia. “Tre millimetri al giorno” vorrei leggerlo per aumentare le mie letture di Matheson, al momento ferme a “Io sono leggenda”, “Duel” e altri racconti brevi.
    Ariano Geta

  7. Bellissimo speciale.
    Pieno di spunti. “Tre millimetri al giorno ” è uno dei romanzi di Matheson che preferisco assieme a “io sono leggenda” ovviamente.
    Come altri cercherò di procurarmi almeno il primo volume dei micronauti.
    Certo che dopo questa tua segnalazione trovarlo sarà ancora più difficile…sai in quanti lo stiamo già cercando? 🙂
    Guarisci presto!

    Cily

  8. Nel libro “La fisica dei supereroi” viene dedicato un capitolo ad Ant-Man in cui si spiega perchè purtroppo non si potrà mai miniaturizzare una persona, e perchè Ant-Man, se esistesse, sarebbe cieco e sordo. L’universo in cui viviamo è maledettamente triste. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.