libri

The alien invasion survival handbook (di W.H.Mumfrey)

The alien invasion survival handbook
di W.H. Mumfrey
How Books edizioni
214 pagine illustrate, 14.99 dollari
In lingua inglese

Sinossi

Avete mai provato la sensazione di aver dei buchi temporali nella vostra vita? Avete trovato qualche chip sottocutaneo di cui non comprendete l’esistenza? Probabilmente siete stati vittime di un rapimento alieno, anche se non ve ne ricordate.
Gli alieni sono tra noi. Anche se le vere intenzioni di questi misteriosi intrusi provenienti dallo spazio profondo sono ignote non vi è alcun dubbio sul fatto che non ci sia da aspettarsi nulla di buono. E’ quindi nostro preciso dovere imparare tutto ciò che c’è da sapere per difendersi da una futura invasione aliena.
Imparate come utilizzare semplici strumenti – come per esempio un lettore mp3 – per difendervi dai poteri telepatici degli extrarerrestri.
Imparate a riconoscere la struttura di un disco volante, in caso doveste trovarvi nella situazione di scappare da uno di questi velivoli.
Imparate delle semplici tecniche di combattimento corpo a corpo che vi permetteranno di avere la meglio sugli alieni utilizzando delle armi di fortuna.
Questo manuale potrebbe essere l’unica cosa che si frapporrà tra voi e la totale distruzione a opera di qualche terribile, spietato conquistatore venuto dallo spazio.

Commento

Io sono un orfano dei giochi di ruolo.
Da anni non li pratico più. I miei vecchi compagni sono spariti (o forse sono io a essere sparito, dipende dai punti di vista), il tempo per tornare a fare qualcosa del genere è inesistente, le strade della vita mi hanno portato inevitabilmente altrove. Eppure spesso e volentieri i giochi di ruolo mi mancano. Forse non tanto le sessioni in sé, quanto l’abbondanza di materiale che ciascuno di essi contempla. Una palestra per la fantasia e la creatività, che mi ha fatto contribuire a diventare l’uomo che sono, nel bene e nel male.
Per fortuna esiste una branca della letteratura, la “manualistica fantastica”, che mi aiuta a riassaporare certe atmosfere senza dover per forza investire soldi in handbook giocoruolistici che poi non utilizzerei mai.

Un esempio che ha avuto grande successo in Italia è Manuale per sopravvivere agli zombie, di Max Brooks, ottimo libro a cavallo tra umorismo, horror e saggistica di pura creatività.
The alien invasion survival handbook nasce su questa falsariga. Il libro è un divertente pamphlet che offre più o meno quanto esposto nella sinossi, non discostandosi molto dall’impostazione dell’opera di Brooks. Abbiamo così una prima parte che ci introduce il “nemico”, gli alieni di razza Grigia, descritti a livello anatomico/biologico e (per sommi capi), in senso sociale/militare.
Il manuale finge di essere una sorta di dossier dei servizi segreti ed è quindi organizzato per “file”, contenenti le informazioni reperite in circa 60 anni di avvistamenti e ricerche, senza dar spazio a dati che, a rigor di logica, ancora sfuggono agli scienziati.

La seconda parte del libro si concentra sui consigli pratici di difesa anti-alieni. Si va dalla mitica playlist che protegge dal controllo mentale (pubblicata a suo tempo sul vecchio blog) alle tecniche di difesa corpo a corpo, passando per le sfiziose strategie di protezione della propria abitazione, approntando trappole e ottimizzando l’utilizzo di oggetti di uso comune (l’automobile, coltelli, bastoni, piccole armi da fuoco) per abbattere gli alieni.
Chiude il tutto una descrizione possibile/plausibile di un’invasione aliena su scala mondiale, unita a consigli spicci su cosa fare, a chi rivolgersi per cercare aiuto, quali mezzi reperire etc etc.
The alien invasion survival handbook non è una lettura imprescindibile, ma diverte e regala qualche ottimo spunto creativo tanto agli scrittori quanto ai giocatori di ruolo. Se avete intenzione di lavorare a uno scenario di questo tipo il libro in questione potrà rivelarsi un supporto piuttosto valido.

7 risposte »

  1. Stanno uscendo un sacco di questi manuali – alcuni legati a serie televisive o film (ho i manuali di Indiana Jones e di 24), altri “neutrali” (tipo questo, o “The Action-Hero Handbook”, o il vecchio, glorioso “How to be a Super Hero”).
    La cosa mi diverte (alcuni sono effettivamente notevoli), mi incuriosisce e un po’ mi inquieta – questa faccenda che la cultura nerd sta diventando di moda non è proprio che mi entusiasmi.

    • Ma le mode, se tali sono, passano, mentre per i veri appassionati rimarranno tanti buoni libri. Comunque io rifiuto a priori la parola “nerd” per definire i miei interessi. Magari per altri è il termine adatto, ma io, boh, mi son sempre sentito lontano da una certa tipologia di umanità…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.