Externsteine, la Stonehenge tedesca

Externsteine è uno dei luoghi più sacri della Germania ma nonostante questo non è molto conosciuto, specialmente fuori dai suoi confini, se non da persone che si documentano in questo specifico campo. Sì, ma di quale campo si tratta? Lo vedremo a breve.
Situato in prossimità di Detmold, nella bassa Sassonia, viene chiamata la “Stonehenge tedesca” sia perché è il più importante sito megalitico, sia per la sua imponenza.
Arrivare a Externsteine è già di per sé un’esperienza particolare: bisogna infatti addentrarsi nel profondo della maestosa foresta di Teutoburg, anticamente reputato un luogo sacro, nonché teatro della battaglia tra le tribù germaniche di Arminio e tre legioni romane comandate da Publio Quintilio Vario (anno 9 d.c.). Arminio vinse a mani basse, approfittando proprio del vantaggio territoriale. Oggi la foresta è un parco nazionale, tenuto in maniera esemplare (l’efficienza teutonica!), senza alterarne l’arcano fascino. Querce secolari oscurano il cielo, lasciando passare dei tenui raggi di sole quasi a voler custodire gelosamente la sacralità del luogo. Finalmente il sentiero sbocca in una grossa radura dove si apre uno scenario veramente spettacolare: Externsteine.
Cinque maestose rocce che si ergono fino ad un’altezza di quasi 40 metri, formando un affascinante allineamento. La loro formazione è di origine naturale e risale più o meno al periodo del cretaceo (da 130 a 70 milioni di anni fa) dovuta a stratificazioni di detriti avvenute durante quel periodo. Tuttavia la particolarità di questo luogo sta nel fatto di essere stato un centro sacro di antichissime tradizioni e di esserlo rimasto attraverso i secoli, fino ai nostri giorni.
Le tracce di mano umana sono evidentissime anche al primo sguardo: scale di pietra intagliate nella roccia percorrono gli enormi megaliti fino alla loro cima e si intravedono grotte scavate in profondità al loro interno. Superato il primo impatto visivo ci si rende subito conto di essere in un luogo con un’atmosfera molto strana, quasi onirica.
Quello che colpisce immediatamente il visitatore è un bassorilievo medioevale intagliato nella roccia che raffigura S. Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea mentre tolgono dalla croce Gesù Cristo calpestando e piegando l’albero sacro delle tradizioni Nordiche, l’Irminsul, la sacra quercia considerata dai Celti la colonna portante dell’universo: una evidente testimonianza della eliminazione da parte del Cristianesimo dell’antico culto pagano.
Difatti Carlo Magno, fervido cattolico, quando conquistò queste terre durante la guerra contro i Sassoni, si rese immediatamente conto di quanto fosse grande l’energia ed il potere spirituale presente ad Externsteine, arrivando non solo a cercare di distruggere tutte le tracce degli antichi culti qui praticati, ma vietandone qualsiasi uso a carattere sacro avendo paura che la sua enorme influenza mistica potesse far risorgere l’antica religione.

Non a caso Externsteine è stato utilizzato dai Druidi, dai sacerdoti degli antichi culti nordici, e molto prima ancora dal popolo mitico che eresse i megaliti su tutto il pianeta. Alcuni studiosi ipotizzano anche che potesse essere praticato il culto di Mitra. Sembra quindi che la Tradizione abbia segnato questo luogo per millenni; la paura di Carlo Magno era dunque giustificata? I luoghi sacri, vere e proprie porte sul mistero, sono, da sempre, giudicate pericolose dal Cristianesimo, con conseguenze che ben si sanno.
Di sicuro l’influenza di Externsteine è rimasta inalterata nel tempo dato che addirittura durante la seconda guerra mondiale questo luogo è stato utilizzato da Himmler per officiare i riti di iniziazione degli ufficiali delle SS. Il corpo delle Schutzstaffel, da sempre molto interessato all’esoterismo, effettuò qui una imponente serie di scavi archeologici il cui scopo è rimasto un mistero dato che i lavori sono stati bruscamente interrotti e tutte le carte riguardanti il progetto distrutte e disperse. In particolare l’Ahnenerbe, il dipartimento delle SS deputato allo studio delle tradizioni germaniche (e più in generale all’antropologia e alla mistica nazista), svolse diverse ricerche sul posto.

Anche se ormai si parla di Externsteine come di un luogo di culto dei monaci cistercensi (non a caso l’ordine monastico che fondò i cavalieri Templari), moltissime sono le testimonianze di un passato spirituale ben diverso; a partire da una delle grotte scavate all’interno dei giganteschi megaliti, chiamata ora “bassa cappella”, una stanza piuttosto grande che veniva probabilmente adibita ad uso meditativo dove sulla parete sono incise e chiaramente visibili delle rune. Questa stanza è collegata ad altre stanze di dimensioni minori, anch’esse con segni oscuri incisi sulle pareti e dove si respira un’atmosfera magica e suggestiva.

Poco più in là, fuori da queste stanze ai margini di un laghetto che lambisce le rocce l’ennesimo segreto rimasto irrisolto: scavata in una roccia, anch’essa con una runa incisa sopra, si trova una sorta di sarcofago il cui uso è rimasto inspiegato sebbene alcuni storiografi abbiano cercato di trovare una risposta, sostenendo che fosse la riproduzione del Santo Sepolcro di Gerusalemme; ma, dato che pare essere molto più antico, è un’ipotesi che non è sostenuta da molti e che sembra essere un ripiego fatto in mancanza di risposte più convincenti.
Salendo su una impervia scaletta scolpita nella roccia, all’esterno di una delle pietre, si arriva forse nella parte più impressionante: il santuario, posto sulla cima di un megalite; una stanza ora rimasta senza tetto, ma anticamente completamente chiusa nella roccia, dove su una parete c’è un’apertura circolare con sotto una colonna con le funzioni probabilmente di altare. Qui, al solstizio d’estate il primo raggio di sole passa attraverso il buco illuminando l’altare e la parete dietro che reca misteriosi segni. La celebrazione di questo magico momento annuale, non a caso, accomuna Externsteine ai grandi templi megalitici, quali Stonehenge, Newgrange e molti altri sparsi su tutto il pianeta.
Nel 1929 Wilhem Teutd, uno studioso tedesco che considerava Externsteine come un osservatorio astronomico ed il fulcro dei culti antichi nella Germania provò a fare partire da qui delle ipotetiche linee che unissero idealmente sul territorio tutti i luoghi particolari quali megaliti, antiche cappelle, grotte sacre, eremi. Scopri` che in effetti tutti questi posti avevano in comune il fatto di essere i ritrovi delle antiche feste pagane dove la gente si radunava ad osservare il levarsi del sole e della luna tracciando a loro volta altre linee rette capaci di abbracciare tutta la Terra.

Qual’è dunque il segreto di Externsteine? 
Una sorta di gigantesca “antenna” in grado di comunicare con gli altri luoghi sacri sparsi sul pianeta? Un luogo dove correnti telluriche conferiscono una straordinaria energia? (il sottosuolo pare sia fitto di grotte).
Questo spiegherebbe perché gli antichi sacerdoti ed i Druidi, loro successori, utilizzassero la forza naturale di queste rocce per officiare i loro riti di comunione con la Madre Terra.
Le ipotesi sono molte: ma è certo che Externsteine è un luogo in cui si ha la sensazione di essere a contatto con qualcosa di vivo e pulsante. La percezione che si prova lasciandosi andare è quella di essere pervasi da una forza molto armonica ed estremamente tangibile la cui esistenza ancora oggi rimane avvolta in un mistero e in un alone di leggenda di cui il luogo sembra impregnato.
Una forza che sembra avere affascinato gli uomini di ogni tempo che sono passati di qua e che continua ad essere irradiata nonostante oggi questo luogo sia considerato un semplice monumento di antichi culti ormai scomparsi. Scomparsi? Nelle nicchie scavate nella pietra sulle pareti del santuario ho trovato tracce recenti di fuochi e di candele…
– – –
(Fonti: NEC News, Wikipedia. Purtroppo non trovo più il link originale da cui ho tratto e citato ampie parti dell’articolo. Se l’interessato dovesse capitare qui me lo segnali e provvederò a inserirlo.)

15 commenti

  1. Mi ricordo che anni fa un giornalista romano dedicò una serie di videocassette al cosiddetto “Nazismo Esoterico” cioè a tutti gli aspetti del rapporto tra Nazismo e Credende.
    Parlò anche di Externsteine, abbastanza diffusamente, secondo lui ad esempio il sarcofago con la runa era un angolo dove i druidi probabilmente andavano quando avevano bisogno di recuperare le energie a contatto con il potere del luogo.
    Naturalmente questa è solo una teoria come un altra e non ha nessun tipo di spiegazione logica.

    1. Sono tutte teorie vecchie come il mondo, mai dimostrate eppure ancora affascinanti.
      Non so se si tratta solo di suggestione o cosa, ma di certo in certi posti si percepisce qualcosa di diverso. Sarà l’elettromagnetismo o sa dio cosa…

  2. Sono stato a Newgrange la scorsa estate e devo dire che anche un ateo razionalista come me ha percepito una strana atmosfera in quel posto. Abbiamo assistito ad una riproduzione del solstizio (tramite un faretto che ruotava) all’interno del tumulo, completamente al buio, avevo la pelle d’oca. Notevole…

      1. E’ vero, ci sono posti in cui si respira un’aria speciale. Anch’io sono una convinta razionalista, e ondeggio tra ateismo ed agnosticismo. Nonostante le mie convinzioni ammetto che, qualche anno fa, ero rimasta fortemente impressionata dalla visita del Ring of Brodgar (un cerchio di monoliti nelle Orcadi, in Scozia). Ho percepito chiaramente, forse per la prima volta in modo così potente, il senso del sacro che spinge gli esseri umani a cercare “qualcosa” oltre il mondo materiale. Resto una convinta razionalista, ma per un attimo ho sentito un’affinità con gli uomini che hanno voluto esprimere la loro ricerca innalzando quelle pietre…

  3. O forse quel luogo ha solo la mistica che deriva dal fatto che tanti pensano che abbia una forza?
    Oddio, anche così è interessante.

    Peccato che i Druidi non lasciassero testimonianze scritte…

    1. Uhmm…molto interessante…ora vedo dov’é questa zona… chissà se riesco a trascinarci mio marito fin lì uno di questi week end, da sola non ci vado davvero in un posto così carico di energie di ogni tipo… grazie, non sapevo di questo posto :))

  4. io ci voglio andare m mi sapete dire esattamente dove si trova?ci si arriva in auto nelle vicinanze e che strada bisogna fare?

Rispondi a Bruno Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.