cospirazionismo · misteri

Illuminati – Il gioco della cospirazione

Steve Jackson è uno dei più prolifici autori di librogame statunitensi, giochi di ruolo e giochi di carte. Nel suo lunghissimo curriculum vale la pena ricordare l’ideazione del GdR GURPS, del board game Car Wars, nonchè del card game Illuminati – The new world order, di cui discuteremo fra poco. Questo Jackson non è da confondersi col suo omonimo britannico, che ha invece curato le famose serie di librogame Sortilegio (Sorcery) e Dimensione avventura (Fighting fantasy).
Nel curriculum del “nostro” Jackson c’è anche un episodio molto curioso: una causa vinta dalla sua compagnia contro i Servizi Segreti degli Stati Uniti, rei di aver perquisito illegamente i suoi uffici durante un raid del 1990, nell’ambito dell’operazione Sundevil, che si proponeva di sbattere in carcere un buon numero di hacker sparsi su tutto il suolo americano. Può sembrare fiction bella e buona, ma è tutto vero. Ci sono atti e documenti che attestano tutto ciò. La breve cronistoria della causa la potete trovare qui.
Ovviamente il fatto che la Steve Jackson Games avesse appena pubblicato un gioco di ruolo cyberpunk bastò per attirare l’attenzione dei mastini federali. Del resto era il 1990, e tutto ciò che riguardava l’hacking e il cyberspazio aveva il gusto avventuroso (ma sbagliato) dell’illegalità.

In realtà è un altro prodotto della SJG ad attirare la mia curiosità, sebbene questa serie di coincidenze che lo riguardano sia passata quasi inosservata.
Stiamo parlando del gioco di carte Illuminati – The new world order, di cui esiste anche una versione GdR. In ogni partita di Illuminati i giocatori si sfidano a colpi di complotti globali, con lo scopo di prendere il controllo dei più potenti gruppi di potere occulto, e quindi del mondo intero. I partecipanti potevano interpretare rispettivamente Gli Illuminati di Baviera, Gli Adepti di Hermes, Il Network, gli Uomini in Nero e molti altri ancora.
Le carte si distinguono in categorie: luoghi, personalità, risorse, complotti, etc etc. Tra le personalità – tocco di genio da parte di Jackson – ci sono delle correnti di pensiero ricorrenti: violento, fanatico, criminale, conservatore, liberale, pacifista etc etc. Ciascun gruppo è caratterizzato da una di queste filosofie, da cui dipendono i singoli obiettivi delle varie partite.

Molte di queste carte richiamano ad eventi generali, quali disastri, attentati, macchinazioni politiche, stragi compiute “in nome della pace” (vi ricorda qualcosa?), omicidi eccellenti… tutti fatti che caratterizzano quelle che gli esperti chiamano “teorie del complotto”.
Ma due di esse, in particolare, lasciano davvero senza parole. Ricordiamo che stiamo parlando del lontano 1995. Eccole (cliccate per ingrandirle):

Che conclusione è lecito fare? Si tratta di coincidenze… probabilmente. Del resto si trattava di obiettivi sensibili, per quanto ritenuti inavvicinabili, almeno fino all’undici settembre del 2001.
Certo che i pregressi contatti tra la compagnia di Steve Jackson e i servizi segreti americani fanno venire in mente degli scenari un po’ diversi. Ma che volete farci, i complottisti sono tutti un po’ suonati…
Tanto più che in Illuminati c’è – e mi sembra davvero il minimo – anche la carta riguardante la teoria della cospirazione. Un caso, un inside joke, una grande presa in giro… Chi lo sa.
Se volete il mio parere, eccovelo: Steve Jackson e il team di Illuminati sanno perfettamente come vanno le cose al mondo. Sanno come (e chi) si gestisce il potere, la politica e l’economia, ossia con sistemi che i complottisti descrivono tramite bizzarre esagerazioni, ma che in fondo sono per certi versi realisti. Ed ecco qua il prodotto, sotto forma di card game e di GdR. Perché a volte tramite le presunte sciocchezze – giochi, romanzi, fumetti, serial tv – si riescono a dire delle mezze verità facendo passare per invenzioni ludiche.

Resta la memoria di un gioco davvero divertente e, perché no, anche un tantino inquietante. Non so se sia ancora reperibile; se così fosse cercate in giro e recuperatelo. Ci sono anche diverse espansioni molto valide, soprattutto per la versione gioco di ruolo.
Gli interessati possono trovare un bel po’ di informazioni e materiale al sito ufficiale del progetto: Illuminati – The Game of Conspiracy.
Volete sapere una cosa? Molte delle trame di Illuminati sono ancora attualissime, ora più che mai…
Paura, eh?

   

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

5 risposte a "Illuminati – Il gioco della cospirazione"

  1. Ho ancora, qui sul mio scaffale, la prima edizione di Illuminati!, quella tascabile, che fu il mio primo contatto con Steve Jackson.
    Rispetto alle carte che riproduci tu, quelle della prima edizione sono molto più spartane, ed il gioco è decisamente più semplice (Jackson avrebbe creato due successive espansioni, ed il tutto sarebbe poi confluito nella seconda edizione).
    Ma c’è una cattiveria di fondo, in Illuminati!, che anche con quelle carte grandi come mezzi biglietti da visita è impossibile non sghignazzare selvaggiamente.
    Nel momento in cui i trafficanti internazionali di cocaina, al soldo dei Figli di Cthulhu, controllano l’associazione Genitori/Insegnanti attraverso i servizi segreti deviati, capisci che la realtà, ahimé, è inadeguata.

    1. Lungimirante, inquietante, affascinante. Questo gioco può essere descritto in molti modi, di certo è qualcosa che va oltre la – pur godibilissima – esperienza ludica.
      A guardare alcune di quelle carte mi sento stranamente proiettato nella strettissima attualità O_o

  2. Inquietante. Avevo già visto queste carte su un sito cospirativo a cui ero arrivato dopo aver letto il primo romanzo della trilogia Illuminatus da cui è tratto il gioco: L’occhio nella piramide. Impressionante c’è tutto, persino i grafi che legano tutte le organizzazioni occulte fra loro. C’è pure Lovecraft di cui si adombra una morte non del tutto naturale; è sì perchè in questo straordinario libro gli Antichi sono presenti con i loro abominevoli culti e adoratori. E’ un libro non lineare, ma d’altra parte parla delle forze del Caos che vogliono dominare la Terra. In alcune parti è comico, volgare e dissacrante, ma forse è proprio perché certe verità è meglio nasconderle sotto una patina di non attendibilità.

  3. Salve posseggo questo gioco e di quelle figure non le vedo, trovata solo quella del pentagono, ma è leggermente diversa, forse perché a mia è una versione in Italiano? Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.