R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà

RIPD

R.I.P.D. – Poliziotti dall’Aldilà
di Robert Schwentke
USA 2013

Sinossi

Roy Powell è uno sceriffo di grande esperienza del R.I.P.D., acronimo che sta per Rest In Peace Department, ovvero il dipartimento di polizia dell’oltretomba. A Roy, specializzato nel dare la caccia alle pericolose anime che provano a rimanere sulla Terra senza trasferirsi nell’aldilà, viene assegnata la missione di rintracciare una banda di pericolosi spiriti criminali che si nasconde tra gli ignari abitanti della terra, la quale intende mettere in atto un diabolico piano per sfuggire al “giudizio finale”. Per preservare la vita terrena così come la conosciamo e l’equilibrio cosmico, Roy Powell inizia una corsa contro il tempo per rintracciarli e assicurarli alla giustizia. Ad affiancarlo, c’è il recentemente deceduto Nick Walker, brillante detective sulla Terra e ora nuovo membro del R.I.P.D., il quale nel frattempo, in cerca di vendetta, intende identificare i responsabili della sua morte. (fonte: Wikipedia)

Commedia

Tempo fa abbiamo discusso di quanto il cinema del fantastico (horror, science fiction e affini) sia oramai vampirescamente attaccato al mondo dei fumetti, per cercare ispirazioni che registi e produttori non sembrano più voler creare autonomamente.
L’aspetto interessante di questa faccenda è che, a furia di attingere dalle graphic novel, le case di produzione arrivano a pescare anche da titoli poco noti al pubblico generalista.
Questo è anche il caso di R.I.P.D., tratto dall’omonimo fumetto di Peter M. Lenkov, pubblicato da Dark Horse Comics.
Ma com’è venuta la trasposizione cinematografica?

Maluccio.
Il film è roboante e fracassone. Dal lato della commedia horror funziona bene, soprattutto grazie a Jeff Bridges e a Kevin Bacon, che recitano bene i loro ruoli, senza strafare, ma dando prova di essere dei veterani scafati, e molto in gamba.
Soprattutto il ruolo del cowboy fantasma, e ora cacciatore di non-morti per conto del dipartimento RIPD, intrerpretato da Bridges, risulta divertente e ben caratterizzato.
Un po’ meno azzeccato, ma da non bocciare, risulta essere il personaggio di Ryan Reynolds, che tuttavia non credo spiccherà mai per essere un attore particolarmente brillante.

RIPD 2

Quel che non funziona è la trama, la storia.
Il plot è confuso e pieno di falle logiche. I villains (i non-morti che si rifiutano di rimanere defunti) sono più buffi che non inquietanti. Non rappresentano mai una vera minaccia, o comunque non trasmettono questa sensazione allo spettatore. Il tutto si risolve quindi in un action movie pieno di sparatorie con armi retrofuturiste e in gag tra i due poliziotti della classica coppia veterano/pivellino.
Nulla di che, insomma.
Peccato, perché i presupposti per realizzare qualcosa di buono c’erano eccome. Anche il reparto effetti speciali è molto buono, senza strafare. Ciò che non soddisfa è – come già detto – la storia narrata. Che per un film non è esattamente un difetto trascurabile.

Mi chiedo, non per la prima volta, dove è finita la creatività degli sceneggiatori, che riuscivano a coniugare la commedia nera con una buona trama e con dei personaggi indimenticabili.
Un film come R.I.P.D. poteva diventare una sorta di Ghostbusters moderno, invece si limita a svolgere il suo compitino e essere dimenticato. O forse siamo noi spettatori a essere diventati troppo esigenti e un poco cinici? Non lo so. Di sicuro Ghostbusters me lo rivedrei altre cento volte, mentre a R.I.P.D. non concederò una seconda passata, pur giudicandolo sufficiente.

A questo punto giudico più interessante il semi-dimenticato b-movie del 1988, Sbirri oltre la vita (Death Heath), a cui magari dedicherò un post a parte.
Qualcuno se lo ricorda?

RIPD a fumetti.
RIPD a fumetti.

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

8 commenti

  1. Come dissi al tempo, e come hai ripetuto tu, il film si regge soprattutto grazie a Bridges e a Bacon. Per il resto è un prodotto per tappare qualche buco di programmazione.

  2. Non ho letto il fumetto quindi non posso far paragoni ma il film l’ho trovato davvero triste. Mi ha fatto l’ “effetto Ghostrider”, vedere sullo schermo tanti elementi sovrannaturali che potevano dar origine a un bel film (senza troppe difficoltà, a me pare, con tutte le storie dalle quali pescare) sfruttati malissimo, quasi bastasse buttarli a manciate in faccia allo spettatore per farlo contento.

  3. Anche la regia è di un piattume unico. Al servizio della CGI e basta.
    Fortuna che comunque si lascia guardare per Bridges e Bacon. Altrimenti era anche noioso.
    Peccato davvero.

  4. Spero di non offendere nessuno se dico che per esempio a me “Costantine” è piaciuto un casino e lo ricordo ancora oggi °_° anche se magari non c’entra una mazza con il fumetto ma come film è ancora in quel periodo in cui uscivano quasi belli. Questo film lo volevo vedere tantissimo per Bridges+ Bacon che li amo tantissimo, ma leggendo ovunque che appunto, regia piatta e tutto il resto… Ma credo che sia ormai una “Corsa al titolo” per comperare nomi di fumetti così da ipotecarli e non farli fare (magari bene) da una casa concorrente, a cui si unisce lo sciopero degli sceneggiatori di qualche anno fa e quindi non sanno più cosa fare, tra reboot e remake… non mi sembra poi così difficile, se Ghostbusters lo hanno fatto con un budget risicatissimo perché era una semi autoproduzione, vuol dire davvero che ti basta un ragazzo sveglio che scrive e altri 4 che sanno recitare. Io spero sempre che adesso non facciano film tratti dai miei fumetti preferiti, così mi risparmio una sincope.

    1. Se ti capita guardalo comunque… Bridges e Bacon sono in forma (soprattutto il primo) e reggono l’intero film da soli. Il resto è un “WTF?!?” abbastanza grosso, ma una passata veloce non è poi così tremenda…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.