libri · top five e classifiche

Quali sono…? (i vostri autori di genere di riferimento)

Omero

Secondo appuntamento con la rubrica “Quali sono…?“, che propone brevi sondaggi mirati, con ampio spazio alla discussione e al confronto.
Dopo aver analizzato i vostri personaggi bonelliani preferiti, passiamo a parlare di libri. Per essere più precisi mi riferisco ad autori e libri di genere, che poi sono quelli che più spesso analizziamo da queste parti (nonché quelli che cerca di scrivere anche il sottoscritto, se mi concedete questo piccolo vezzo personale).
La domanda di oggi è semplice (la risposta un po’ meno): quali sono i vostri tre autori di genere di riferimento? Ossia quelli che, ora come ora, comprate a scatola chiusa, sulla fiducia? Si tratta, per capirci ancor meglio, degli scrittori che si sono guadagnati i vostri soldi con bravura, coerenza e con una media di rendimento molto alta.

Sempre rammentando il motto “de gustibus” etc etc, ovviamente.
Inizio col dirvi i miei. Ovviamente sarebbero molti più di tre, ma il sondaggio si limita a citare un podio ideale, sicché ho dovuto scegliere. Fatelo anche voi.

Brian Keene

Brian Keene

Solidissimo autore horror, in tutte le declinazioni di questo genere, Brian non ha quasi mai tradito le aspettative. Quando voglio leggere qualcosa di buono, compro uno dei tanti romanzi di Keene (in ebook, o in formato paperback) e vado sul sicuro. Purtroppo in Italia è stato tradotto una volta sola, complice l’assoluta ignoranza dei nostri editori per quel che concerne l’horror vero (che NON è il young adult).
Consigliato, anche se il vostro inglese non è perfetto. Keene, tra i suoi tanti meriti, ha anche quello di scrivere in modo lineare, comprensibile, gradevole. Trovate diverse recensioni dei suoi libri nell’apposita pagina del mio blog.

James Lovegrove

James Lovegrove

Sigh… mi tocca citare un altro autore sconosciuto al pubblico italiano. James Lovegrove, cazzutissimo autore inglese di romanzi di fantascienza, fantascienza bellica, urban fantasy e ucronia, è uno schiacciasassi, in grado di inanellare una serie lunghissima di romanzi divertenti, fantasiosi e – vivaddio – originali.
Io ne ho recensiti alcuni (Age of Odin, Age of Zeus, Age of Aztec). Il successo che sta riscuotendo, tanto in patria, quanto negli USA, dovrebbe suggerire qualcosa ai nostri editori. E invece, nisba.
A proposito, in aprile esce questo. Invitante, vero?

Samuel Marolla

Imago Mortis

Metto un italiano al terzo posto. Samuel Marolla è una delle migliori penne (tastiere) del panorama nazionale. Un autore horror e fantahorror con capacità, fantasia, stile, bravura. Non ha ancora riscosso il successo che merita, ma nel panorama degli appassionati gode di una fama solida, e di tanta, tanta stima. Ho letto quasi tutto quello che ha pubblicato, e il 90% di ciò che ha scritto mi è piaciuto. Di certo sentiremo parlare ancora di lui, in futuro. Ammesso che la nostra bella editoria non ammazzi il suo entusiasmo.
Se non l’avete ancora fatto, recuperate il suo ultimo lavoro.

E i vostri tre autori di riferimento, quali sono?

– – –

Altri appuntamenti con “Quali sono…?”

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

33 risposte a "Quali sono…? (i vostri autori di genere di riferimento)"

  1. Domanda più difficile di quello che sembra. Tra gli autori che in passato ho comprato a scatola chiusa cito senz’altro Stephen King e Ken Follett. Oggi direi Alan D. Altieri e, come te, Samuel Marolla 😉

  2. Oddio, tosta. Ne sparo due: lato fantascienza il recentemente scomparso Ian Banks (Il ciclo della cultura), nel fantasy direi Alain Damasio (l’Orda del vento).

  3. Mah, l’unico di cui compro tutto è Lansdale, ma per amore di verità devo dire che negli ultimi anni mi è scaduto parecchio, gira sempre in tondo sulle stesse formule. Ora sto giusto leggendo “La foresta”, che è anche divertente, ma perfettamente intercambiabile con tutti gli altri suoi romanzi del genere “anni-20-con-ragazzino-on the road-con-compagni-strani”.

    Per quanto riguarda il giallo/noir direi sicuramente Gianni Biondillo, che racconta Milano come quasi nessun altro.

  4. Anche io Keene, a occhi chiusi e senza neanche starci a pensare. Al secondo posto Simmons, perché comunque, anche quando prende qualche toppa, assicura un minimo di qualità, e poi Gaiman, di cui compro ogni cosa.

  5. Vediamo di ordinare le idee…la parte difficile sarà principalmente dare un ordine di preferenza a questo podio.
    Michael Swanwick.
    Dario Tonani.
    Jasper Fforde.
    Outsider: Kim Stanley Robinson. Massimo Mongai. Robert J. Sawyer

  6. Difficilissimo rispondere. Principalmente perché con il tempo i miei gusti sono cambiati, poi perché quando si parla di libri più che l’autore prediligo l’opera.
    Se devo dare qualche nome, comunque, direi che in passato ho acquistato a scatola chiusa Ken Follet, Clive Cussler ed il duo Weis&Hickman.
    Più in generale comunque apprezzo le saghe piuttosto che gli autori (ad esempio la Legione di Videssos di Turtledove), quindi è più facile che io possa comprare un libro il cui protagonista già conosco piuttosto che uno “nuovo” dello stesso autore.

  7. Una volta avrei detto Lansdale, Palahniuk e King.
    Poi, non so come, sono diventato un italianofilo e aspetto con trepidazione Evangelisti, Altieri e Di Marino. Quest’ultimo umile e prolifico, gli voglio bene al Prof XD

  8. Domanda facile, risposta ancora più facile.
    Negli anni mi sono convinto di essere abbastanza vincolato nelle letture, quindi scegliere i tre che compro senza nemmeno pensarci è qualcosa che viene quasi da solo.
    Allora…
    Stephen King, ormai il Re del Brivido mi ha conquistato, fra alti e bassi.
    Brian Keene, perché come descrive lui l’orrore pochi altri lo sanno fare.
    Chuck Palahniuk, che ormai è diventato un caposaldo delle mie letture. Se voglio qualcosa di cattivo, con lui non sbaglio.

    Bella questa idea dei sondaggioni, fa tanto anni ’90. Complimenti. 😉

  9. Grazie mille per questa prima tornata di voti 🙂
    Ci sono nomi ricorrenti e altri che credevo impossibili (no, non vi dirò quali sono 😀 )
    Penso che alcuni degli autori che lurkano il mio blog, quelli italiani, saranno alquanto felici, oggi 😉

  10. Dan Simmon tra i mostri sacri è tra i pochi che non mi hanno mai veramente deluso pur tra inevitabili alti e bassi. I “bassi” di Simmons rimangono sempre dei libri godibili. Poi direi Avoledo, che compro e leggo a scatola chiusa e si, anche io Marolla

  11. L’unica che ho mai letto a ‘scatola chiusa’ è stata credo la Marion Zimmer Bradley. Tutti gli altri, tra fumetti -non seriali- e libri, generalmente devo essere molto convinta prima :S

  12. Azz. Domanda difficile…comunque:
    1) Stephen King anche se qualche libro avrei fatto meglio a lasciarlo sullo scaffale;
    2) Jonh Connoly. Charlie “Bird” Parker è attualmente il mio mito;
    3) Elmore Leonard. Meglio se in originale.

  13. Sul podio ce ne vanno tre, come hai detto tu, e allora scegliamoli. Oltre a citare quelli di cui compro tutto a scatola chiusa, citerò quelli che mi danno la “forza” per continuare a scrivere.
    1) Joe Lansdale, che ho conosciuto tardi ma è diventato in breve il mister “ecco come vorrei scrivere”
    2) John Connolly, citato anche da TheWalrus82, che riesce a combinare le atmosfere noir con il paranormale
    3) Claudio Vergnani, l’unico italiano di cui comprerò sempre tutto a scatola chiusa, perché è ancora spontaneo e sa come si scrive una storia senza che sia troppo artificiosa.

  14. Ma i romanzi di Lovegrove sono venuti prima o dopo “American Gods” di Gaiman? Perche’ quel genere “Gods Among Us” viene da li’ , secondo me.

  15. Ovviamente metto solo i viventi, perché dei trapassati che mi piacciono (es. Lovecraft, Howard, Heinlein, Matheson) ho letto già tutto o quasi. King, Lansdale, e Jeffrey Ford sono garanzie. Ma se me lo chiedi tra un paio di mesi, i miei gusti saranno cambiati.

  16. Omero, Sofocle e… Magari qualcosa di più attuale? Non sono autori di cui leggerei tutti, ma costoro si sono guadagnati la mia fiducia: Frank Herbert (buon’anima), Stephen Baxter e Andrzej Sapkowski. Abbastanza tradotti in italiano, quindi non mi posso lamentare. Fra l’altro in realtà almeno un libro di Lovegrove è stata tradotto in italiano, cosa che ho scoperto di recente. Fa parte di una serie di romanzi per ragazzi di autori inglesi (fra cui anche il succitato Baxter) squisitamente cyberpunk, “Il Web” o qualcosa di simile. Due o tre di queste storie le ho lette, quindi forse anche quella di Lovegrove. Non erano affatto male, ma ovviamente l’unico modo di recuperarle oggi è acquistare l’omnibus in inglese… o depredare la biblioteca locale!

  17. Io metterei Newman; Vergnani e Marolla.
    Non ci riesco a credere: ci sono barboni che votano perfino quel barbone di Girola che vorrebbe farsi pagare per cose che scrive per passione. 😛
    Ma dove finiremo mai! 😉

  18. Arrivo tardi ma pare che in questo periodo stiano tutti male..boh , però di gialli ancora non ne ho visti..ehehe.
    Dunque , avendo un’età e letto moltissimo scarto i classicissimi…. E.A.Poe . HPL e Asimov, Clarke , Henlein, e i meno classici ma affermatissimi Ballard, Lansdale, Mc Carthy , King , of course…, rimaniamo sui recenti , se non proprio recentissimi, quoto anch’io Simmons , ma ogni tanto tonfa di brutto.., Turledove , da noi non ha mai sfondato quanto e quando meritava , Lovegrove , anche se ho letto solo due cose , e in Italia , perdonami .. tu e Vergnani , ma ci sono anche altri che arrembano , e meritatamente….

  19. Bel sondaggio! 😉
    E domanda mica semplice… Dunque…
    Una “scatola chiusa” del passato: Weis & Hickman
    Una scatola chiusa di ora: Tolkien (anche se è morto continua a uscire una valanga di roba! :D)
    Una scatola chiusa italiana: Davide Mana! altro noto barbone appassionato di scrittura… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.