I misteri della Uno Bianca

Uno Bianca

Sette anni di selvaggio West nel cuore dell’Emilia Romagna.
Ventitré delitti violenti, spesso perpetrati per rubare pochi spiccioli. Non raramente le vittime erano nomadi, rom, extracomunitari. Altre volte venivano presi di mira benzinai, carabinieri, impiegati di uffici pubblici.
Questo è il curriculum della “Banda della Uno Bianca”, uno dei misteri solo parzialmente risolti della cronaca nera italiana.
La banda colpì dal 1984 al 1993, facendola sempre franca. I loro assalti erano feroci ma professionali, come se fossero portati a termine da gente che di armi e di combattimenti se ne intendeva. Infatti era proprio così: i principali artefici di questi crimini erano i fratelli Savi. Il maggiore (Roberto) era un poliziotto della Questura di Bologna. Il mezzano, Fabio, aveva a sua volta provato a entrare in Polizia. Il terzo fratello, Alberto, è un poliziotto presso il Commissariato di Rimini.
Oltre ai Savi c’erano un quarto agente di Polizia, Pietro Gugliotta, e addirittura un sovrintendente della Narcotici della Squadra Mobile, Marino Occhipinti.
Come se non bastasse, tra i membri minori della banda c’era l’ennesimo poliziotto, Luca Vallicelli, della Stradale di Cesena.
Inquietante, vero?

Roberto Savi

Le vicende criminali della Banda della Uno Bianca sono ben riassunte nella pagina Wikipedia dedicata a questo caso di cronaca nera. La trovate qui, se volete leggere i fatti nel dettaglio.

Tutta la vicenda è allucinante, ben più truce e surreale di tanti romanzi thriller attualmente in circolazione.
Eppure io, nato nel ’75, ricordo il terrore scatenato dalla banda. I telegiornali erano costretti a narrare ogni nuovo colpo messo in atto dai misteriosi assalitori. Colpi in cui spesso e volentieri ci scappava il morto. Ricordo soprattutto la cosiddetta strage del Pilastro (1991), quando nell’omonimo quartiere di Bologna una pattuglia di Carabinieri cadde sotto i colpi dei membri del gruppo criminale. I membri dell’arma rimasti uccisi nello scontro a fuoco furono tre, trucidati con fucili d’assalto e fucili a pompa.

Furono due poliziotti a seguire la pista giusta, mentre le indagini dei magistrati continuavano a non giungere ad alcun risultato concreto.
L’ispettore Baglioni e il sovrintendente Costanza, del Commissariato di Rimini, proseguirono per conto loro, riuscendo infine a scoprire la vera identità dei membri della temibile banda. I Savi e gli altri soci furono infine arrestati nel novembre del 1994. Processati per due anni, ottennero ergastoli ed altre pene per i membri minori della banda.

Fabio Savi.
Fabio Savi.

Ma la Uno Bianca fu solo un’organizzazione di rapinatori violenti?
Secondo alcuni studiosi no.
Qualcuno vede dietro i Savi un disegno per creare e solidificare una nuova, potente organizzazione criminale, con punti di contatto con lo stragismo mafioso (fenomeno molto diffuso negli anni ’80) e con la camorra. Secondo questi studiosi la città di Bologna venne risparmiata dalle bombe del 1993 (che colpirono Milano, Firenze e Roma) proprio perché il capoluogo dell’Emilia Romagna era “protetto” dalla Uno Bianca.

C’è poi chi ipotizza qualcosa di ancor più perturbante, vale a dire ai Savi come braccia armate di un’organizzazione eversiva con punti di contatto con la famigerata Gladio. Estremisti di destra, xenofobi, con una grande passione per le armi, i membri della banda erano perfetti per creare un’efficiente strategia della tensione. Questo scenario non è poi tanto risibile, visto che era quello a cui credevano anche i servizi segreti francesi, che aiutavano le autorità italiane nelle indagini.
Il fatto che i membri della banda fossero tutti infiltrati nella Polizia di Stato, metteva a loro disposizione mezzi e dati utili a coordinare i colpi che, come abbiamo visto, non riguardavano mai rapine di clamorose quantità di denaro.
Secondo gli esperti di queste faccende, i Savi sarebbero dei membri della famigerata Sezione K di Gladio, ovvero dei killer con licenza di uccidere a loro assoluta discrezione.
Ma perché sviluppare tale strategia della tensione?
Il motivo sarebbe in fondo semplice, per un’organizzazione anti-comunista: portare scompiglio nella placida e produttiva Emilia Romagna, regione storicamente “rossa”.

Stemma associato all'organizzazione Gladio.
Stemma associato all’organizzazione Gladio.

I misteri sulla Uno Bianca rimangono ancora tali.
Io mi sono permesso di farne un piccolissimo accenno, in chiave fantastica, nel mio romanzo Imperial.
Sposo quindi l’ipotesi del terrorismo a fini eversivi?
In realtà no, tuttavia mi pare che questa faccenda – enorme, a voler ben vedere – sia stata troppo frettolosamente accantonata.

– – –

Alex Girola – follow me on Twitter

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

10 commenti

  1. Bel post , Alex , come al solito , una bella accolita di bastardi e criminali , con simpatie neppure troppo nascoste per l’ambiente neofascista , detto tra noi però ti posso assicurare che con Gladio non avevano nulla a che fare .

    1. Grazie dei complimenti!
      So per certo che elementi dell’intelligence francese sono ancora propensi alla pista “stay behind”, ma credo che la verità sia un gioco di specchi dove vale tutto, anche la disinformazione…

      1. l’imortante e’ poi non finire con le scie chimiche 😀 😀 😀
        battute a parte, dal punto di vista economico da quanto ne so’ con quello che hanno tirato su penso abbiano fatto fatica a pagarsi armi e munizioni…. viene difficile pensare che lo scopo principale fosse fare l’arricchimento…

          1. poi la cosa per certi versi allucinante e’ che sembra di essere in un girotondo in cui, da qualunque punto parti, finisci sempre nello stesso pentolone dei “misteri italiani”. ad esempio dall’uno bianca si passa agevolmente alla falange armata (rivendicarono quasi tutti i loro attentati), ed ecco che si torna nel pentolone di cui sopra 😉 😉

  2. sicuramente se uno vuole scriverci sopra, sia in modo “giornalistico” che “romanzato” (chiedo scusa per i termini ma non mi veniva niente di meglio) di materiale ne ha per un’enciclopedia al completo 😀 😀

  3. In quel periodo guidavo proprio una Uno bianca. Macchina comodissima, ma non sono mai stato fermato così tante volte. Posti di blocco, controlli, Carabinieri, Polizia, ecc.
    È stato un sollievo, infine, cambiarla con una più improbabile Twingo color puffo. Per fortuna non è nata una ‘banda della Twingo color puffo’…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.