Dylan Dog: Cronache dal Pianeta dei Morti

Cronache-Pianeta-morti

In un futuro non troppo lontano, a Londra, un’epidemia sta facendo tornare i morti dalle tombe, ovviamente affamati di carne umana. In questo scenario si muove un Dylan Dog di mezza età che, smessi da tempo i panni dell’indagatore dell’Incubo e diventato ispettore di polizia, si trova a dover fare i conti con i propri drammi personali prima ancora che con l’emergenza che sta mettendo a ferro e fuoco il paese. Per riuscire nell’impresa, l’Old Boy, deve venire a patti con un errore del passato che lo tormenta: accettare quello che è diventato e soprattutto quello che gli riserva il presente, sullo sfondo di una campagna elettorale decisamente controversa. (Dal sito C4Comic.it)

Spendo due parole (troppe sarebbero superflue, contando che siamo in estate), per commentare questo volume cartonato fuori dalla cronistoria ufficiale di Dylan Dog, testata che non seguo più da molti anni. Il presente libro, comprendente tre storie del medesimo setting, mi è stato regalato e mi sono avvicinato a esso con una giusta dose di curiosità e di diffidenza.

Stiamo parlando di un curioso esperimento narrativo, un trittico di storie distopiche che prevedono una Londra invasa dagli zombie, tenuti però sotto controllo da un governo fascistoide. La cosa più sorprendente è trovare Dylan Dog a capo di uno speciale reparto di Scotland Yard, incaricato di tenere sotto controllo i morti viventi, affinché possano essere ammaestrati tramite speciali museruole dotate di inibitori della fame. Un’idea, come noteranno gli zombologi più esperti, che pare essere presa di peso dall’ottimo film di Andrew Currie, Fido (2006).

Il DD di questo arco narrativo è tornato a essere un alcolista e un poliziotto, ma ovviamente diffida delle autorità e del governo, che tra l’altro pare essere prossimo a eliminare anche quegli zombie innocui che sono stati ammansiti grazie alle museruole.
Come se non bastasse DD è anche colui che ha dato il via alla zombie apocalypse, visto che il famigerato paziente zero, a cui non ha avuto il coraggio di sparare, è un suo carissimo amico (sì: indovinare l’identità è semplice).

Il risultato di questo esperimento narrativo è altalenante. Da una parte applaudo il coraggio di aver voluto dare un taglio diverso al solito, vecchio, noioso DD. Ci sono eco degli “what if” di casa Marvel, in Cronache dal Pianeta dei Morti. Il realismo e il pessimismo citati nell’introduzione al volume funzionano a tratti, ma di sicuro mostrano un certo sviluppo del personaggio. Non è cattiveria se dico che è stato bello vederlo sconfitto, alcolista e in (parziale) accordo col potere, con la burocrazia che tanto odia.

Cronache dal pianeta dei morti - tavola

Per contro Cronache dal Pianeta dei Morti è sviluppato poco e a tratti male. C’è molta carne al fuoco, ma solo poca di essa viene cotta. Gli autori, Bilotta, Di Giandomenico, Vetra e Martinello, pare che abbiano fretta nell’accumulare fatti e suggestioni, senza costruire adeguatamente il contorno, lo scenario.
Che sappiamo di questa Londra distopica, che ha costruito muri per tenere fuori gli zombie?
Che sappiamo delle multinazionali governative che commercializzano morti viventi ammaestrati alla stregua di schiavi?
Poco, quasi nulla. Ed è un peccato, un’occasione persa. Qualcuno dirà che è colpa dell’economia di spazio, necessaria nel mondo del fumetto, eppure io sono convinto che le colpe siano ben altre.
Pare – ma non ne sono certo – che questa mini-saga avrà ulteriori sviluppi. Mi auguro che sia così, perché potrebbe essere una via d’uscita interessante per un personaggio oramai bonelliano al 100%: vecchio, prevedibile e un po’ troppo noioso.

– – –

Alex Girola – follow me on Twitter

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

6 commenti

  1. Beh il problema dello spazio è più che reale… si tratta di storie che erano inserite in albi speciali insieme ad altre… non c’era certo da scialare per numero di pagine 🙂

    Per il resto condivido quel senso di lieve insoddisfazione generale… se non ricordo male questa linea narrativa dovrebbe ora venire sviluppata negli Albi speciali a cadenza annuale… magari riescono a fruttare meglio la cosa (126 pagine sono sufficenti per andare ben oltre la mediocrità credo)

  2. La cosa è certa a partire da questo anno gli albi giganti ospiteranno le storie del Dyd di questo universo alternativo perciò molti elementi non sviluppati nei primi episodi verranno probabilmente ampliati in quella collana.

  3. Commentare il blog di Alex all’1 di notte! *check!*

    Si, come hanno detto gli altri (e pure tu), Bilotta&co. amplieranno la storyline di DD nel futuro con i prossimi speciali. Avevo sentito parlar moderatamente bene di questa riedizione di DD, la tua e la prima mezza stroncatura. 😛

    1. Io sono fortemente critico nei confronti di Bonelli (mi permetto di esserlo, visto che continuo a comprare i loro fumetti), quindi non ho concesso scusanti dovute all’affetto, alla nostalgia etc.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...