Sospiri dal Profondo

Le tre madriCorreva l’anno 1845 quando il giornalista e scrittore britannico Thomas de Quincey scrisse Suspiria De Profundis (Sospiri dal Profondo), complice un suo soggiorno a Milano, nella villa dei conti Imbonati, nota per essere infestata da fantasmi e da entità ancor meno definibili.
Il libro cita tra l’altro tre creature ancestrali le Tre Madri, da lui sognate a Oxford.
Queste madri sono: Mater Lacrimarum (la più vecchia), “Nostra Signora delle Lacrime”; la mezzana delle sorelle è Mater Suspiriorum, “Nostra Signora dei Sospiri”; la terza, la più giovane, è Mater Tenebrarum: “Nostra Signora delle Tenebre”.
De Quincey si prodiga nel descrivere le tre misteriose donne, legate in qualche modo alla Dea latina Levana.
Come forse qualcuno di voi avrà già intuito – del resto la cosa è nota – esse sono state prese in prestito dal regista Dario Argento per la realizzazione della trilogia composta da Suspiria, Inferno e La Terza Madre.
Eccezionale il primo film, molto valido il secondo e decisamente fuori tempo massimo il terzo. Non a caso molti esperti parlano di trilogia “incompleta”.

Mater Lacrimarum

Suspiria

La maggiore delle tre è chiamata Mater Lacrimarum, Nostra Signora delle Lacrime. È lei che notte e giorno delira e geme, invocando volti scomparsi. Ella fu a Rama, quando si udì un suono di lamenti: Rachele che piangeva i suoi figli, rifiutando ogni conforto. Ella fu a Betlemme nella notte in cui la spada di Erode spazzò dalle sue case gli Innocenti e si irrigidirono per sempre i piccoli piedi che trotterellando per le stanze svegliavano nel cuore dei familiari palpiti di amore non inosservati in cielo. I suoi occhi sono di volta in volta dolci e astuti, intensi e assonnati; spesso si levano verso le nubi; spesso sfidano il cielo. Porta sul capo un diadema. E dai ricordi dell’infanzia sapevo che ella poteva allontanarsi sui venti quando udiva il singhiozzare delle litanie, o il tuonare degli organi o quando osservava l’adunarsi delle nubi estive. È questa sorella, la maggiore, che porta alla cintura chiavi più che apostoliche che aprono ogni capanna e ogni palazzo. So che ella sedette tutta la scorsa estate al capezzale del mendicante cieco, quello con cui così spesso e volentieri mi fermavo a parlare, e la cui pia figliuola di otto anni, dal volto luminoso, resisteva alle tentazioni dei giochi e dell’allegria del villaggio per camminare tutto il giorno lungo le strade polverose col suo infelice padre. Per questo atto, Dio le inviò una grande ricompensa. Nella primavera dell’anno e quando anche la sua primavera germogliava, Egli la richiamò a sé. Ma il padre cieco la piange in eterno; ancora egli sogna ad alta notte che la piccola mano che lo guidava è stretta nella sua; e ancora si sveglia in una tenebra che è ora avvolta in una seconda tenebra più profonda. La stessa Mater Lacrimarum ha anche trascorso tutto questo inverno 1844-45 nella camera dello Zar a rievocargli l’immagine di una figlia (non meno pia), che salì a Dio non meno improvvisamente e lasciò dietro a sé una tenebra non meno profonda. È grazie al potere di queste chiavi che Nostra Signora delle Lacrime s’insinua, intrusa spettrale, nelle camere degli uomini insonni, delle donne insonni, dei bambini insonni, dal Gange al Nilo, dal Nilo al Mississippi. E lei, perché è la primogenita del suo casato ed ha l’impero più vasto, onoreremo col titolo di «Madonna»

Mater Suspiriorum

Inferno

La seconda delle sorelle è chiamata Mater Suspiriorum, Nostra Signora dei Sospiri. Non scala mai le nuvole, né si allontana sui venti. Non porta diadema. E i suoi occhi, se pur qualcuno potesse vederli, non sarebbero né dolci né astuti; nessun mortale saprebbe leggere in essi la loro storia; li troverebbe pieni di sogni morenti e relitti di estasi dimenticate. Ma ella non alza gli occhi; il suo capo, su cui è posato un turbante in brandelli, è in eterno reclinato, è in eterno nella polvere. Non piange, non geme. Ma sospira impercettibilmente a intervalli. Sua sorella, Madonna, è spesse volte tempestosa e frenetica, inveisce a gran voce contro il cielo e chiede che le rendano i suoi cari. Ma Nostra Signora dei Sospiri non grida mai, non sfida mai, non sogna aspirazioni ribelli. È umile fino all’abiezione. La sua è la sottomissione di chi non spera. Può mormorare, ma solo in sogno. Può sussurrare, ma solo tra sé nella penombra. Brontola, talvolta, ma solo in luoghi solitari, desolati come lei è desolata, in città diroccate e quando il sole è sceso al suo riposo. Questa sorella è la visitatrice del paria, dell’ebreo, dello schiavo al remo nelle galere mediterranee; del criminale inglese nell’isola di Norfolk, cancellato dal libro dei ricordi nella dolce, lontana Inghilterra; di chi si è pentito ormai invano e sempre ritorna con lo sguardo a una tomba solinga che gli appare come l’altare demolito di un passato e sanguinoso sacrificio, altare su cui ogni offerta è ormai vana, sia per implorare il perdono, sia per tentare una riparazione. Ogni schiavo che a mezzodì guardi il sole tropicale con timido rimprovero, mentre con una mano addita la terra, nostra madre comune ma per lui matrigna, e con l’altra addita la Bibbia, nostra maestra comune, ma sigillata e a lui preclusa; ogni donna che sieda nelle tenebre, senza amore che la protegga, senza speranza che illumini la sua solitudine, perché i divini istinti che accendono nella sua natura i germi di quei santi affetti posti da Dio nel suo seno di donna, sono stati soffocati dalle esigenze sociali e si consumano ora inutilmente ardendo tetri, come le lampade negli antichi sepolcri; ogni monaca defraudata della sua primavera, che più non ritorna, da parenti malvagi che Dio giudicherà; ogni prigioniero in ogni carcere; tutti quelli che sono traditi e tutti quelli che sono respinti; i reietti dalla legge della tradizione e i figli della disgrazia ereditaria: tutti costoro si accompagnano a Nostra Signora dei Sospiri. Anch’ella porta una chiave ma ne ha poco bisogno. Poiché ella regna soprattutto fra le tende di Seni e fra i vagabondi senza casa di ogni paese. Pure ella trova albergo fra gli uomini di più alto rango; e perfino nella gloriosa Inghilterra vi sono alcuni che di fronte al mondo portano la testa alta come la renna superba, eppure in segreto hanno ricevuto il suo marchio sulla fronte.

Mater Tenebrarum

La terza madre

Ma la terza sorella, che è anche la più giovane …! Ssst! Abbassiamo la voce quando parliamo di lei. Il suo regno non è grande, altrimenti non vi sarebbe più vita; ma dentro quel regno il suo potere è assoluto. Il suo capo, coronato di torri come quello di Cibele, si erge fin quasi a celarsi allo sguardo. Non si china mai; e i suoi occhi sollevandosi così in alto potrebbero esser nascosti dalla distanza. Ma, quali essi sono, non possono essere nascosti; attraverso il triplice velo di crespo che ella porta, la fiera luce di un’ardente sofferenza, che mai non ha posa al mattutino o ai vespri, al mezzodì o alla mezzanotte, alla marea crescente o alla marea calante, può esser veduta da terra. Ella sfida Iddio. Ella è anche la madre delle follie; l’ispiratrice dei suicidi. Molto si affondano le radici del suo potere; ma ristretto è il numero di coloro su cui domina. Poiché ella può avvicinare solo coloro in cui una natura profonda è stata sconvolta da un’intima convulsione; coloro in cui il cuore trema e il cervello vacilla sotto i colpi combinati di tempeste interne ed esterne. Madonna si muove con passi incerti, rapidi o lenti, ma sempre con tragica grazia. Nostra Signora dei Sospiri si trascina timida e furtiva. Ma questa più giovane sorella si muove con moti imprevedibili, a scatti e con salti da tigre. Non porta chiavi; poiché sebbene venga di rado fra gli uomini apre a forza tutte le porte che le è permesso di varcare. Il suo nome è Mater Tenebrarum, Nostra Signora delle Tenebre.

Inutile fare altri lunghi copia/incolla da Wikipedia: se vi va di conoscere come Dario Argento ha adattato le Tre Madri alla sua trilogia, consultate direttamente questa pagina, piuttosto completa e precisa nello svelare i retroscena dei fim.

Personalmente ho sempre trovato queste tre entità molto inquietanti – più di tante figure classiche ricorrenti nell’horror vecchio e nuovo.
Le Madri sono streghe, ma anche archetipi del Male e della disperazione umana.
Esse si nascondono in palazzi e case, tra le persone “normali”, diffondendo il mal di vivere attraverso la loro semplice esistenza. Quasi come se fossero radiazioni viventi, o veleni senzienti.

Esse sono la versione oscura o negativa delle tre Grazie (o delle tre Parche). Possiamo considerarli i tre Dolori: lacrime, sospiri e tenebre.
Sono cercate dagli alchimiste e temute dai maghi.
Esistono da sempre e sempre esisteranno.

Mi piace molto anche il ripescaggio che ne ha fatto l’ottimo scrittore Kim Newman, che utilizza Mater Lacrimarum (concedendosi quindi un piccolo magheggio di ucronia cine-letteraria) come villain di Dracula cha-cha-cha, terzo volume della sua saga, a cavallo tra storia alternativa, horror, steampunk, dieselpunk e atompunk. Il piano di Mater Lacrimarum è quello di eliminare tutti i vampiri che abitano a Roma, il che fa di lei un “cattivo” atipico (come sono cattivi atipici i vampiri di questo ciclo narrativo).
Un bell’esempio di metanarrativa che, lo ammetto, sono tentato di fare a mia volta nella stesura del terzo volume di Sibir – Darkest.
Ma questa è un’altra faccenda…

suspiria_1u

Fonti: Wikipedia, Pinterest (per le foto).

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

7 commenti

  1. Adoro Dario Argento. Profondo rosso è uno dei miei film preferiti, ma tutta la sua filmografia fino a “Il cartaio” incluso è fenomenale. Sul post – Cartaio non mi pronuncio: non vidi “La terza madre” per mancanza di tempo, e i successivi due hanno avuto dei tali problemi di distribuzione che è come se non fossero mai usciti.

      1. Capita a molti artisti, in tutti i campi, di esaurire la vena creativa. A quel punto si hanno davanti diverse strade: scimmiottare se stessi, ritirarsi, reinventarsi battendo strade mai percorse prima… Dario Argento a quanto ho sentito sembra aver scelto la prima: rimestare sempre la stessa zuppa, fino a diventare la caricatura di se stesso. Gli auguro di cuore di riuscire a ritrovarsi. O anche soltanto di smettere di venire boicottato dai distributori. Grazie per la risposta! : )

  2. Il lavoro di De Quincey è anche citato, naturalmente, in apertura (e nel titolo) di Nostra Signora delle Tenebre, di Fritz Leiber – nel quale l’idea dell’orrore “urbano” e “architettonico” è centrale.
    (quanto al terzo film di Argento, è quello che contiene l’impagabile battuta “Passami il dizionario di Assiro-Babilonese”… 😀 )

    1. Quel film, che doveva essere la terza mattonella di una trilogia iniziata e proseguita benissimo, si è rivelato… beh… non so come dirlo… ecco: una presa per il naso degli spettatori.

  3. Bello questo viaggio fra le tre madri.
    Argento è stato uno dei pochi da ragazzo a non farmi dormire semplicemente ascoltando una musica cantata da bambini (l’inizio di Profondo Rosso, ancora oggi uno degli inizi più stranianti del cinema di genere secondo me), che mi ha perseguitato per diverse notti dopo la disgraziata visione in notturna del film.

    concordo con la battuta di alessandro: qualcuno ha preso il posto di Argento a un certo punto, non c’è altra spiegazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...