dossier · libri

Vecchio cuore da Marine Spaziale

Questo scambio di tweet tra il poliedrico Elon Musk, e la crew che sta dietro al brand del videogioco Doom ha davvero qualcosa di epico (grazie a Videogames e Dintorni per averla pubblicata).
Mi ha ricordato – non che ce ne fosse un reale bisogno – perché ho amato e amo tanto questo videogioco, soprattutto nelle sue primissime, rudimentali manifestazioni. Vale a dire Doom 1 e Doom 2: Hell on earth.
Giochi stupendi, ancora oggi giocabilissimi, se non si ha la fissa per l’estetica e il realismo “cinematografico” applicato all’industria ludica.
Che poi io di Doom apprezzo proprio l’estetica, ma intesa in senso assoluto. I corridoi bui e angusti della colonia marziana invasa da demoni-alieni, i teletrasporti mascherati da glifi magici (o viceversa), i principi infernali con innesti cibernetici… Elementi, questi (e altri) che sono entrati prepotentemente nel mio immaginario. E ci sono rimasti fino a oggi.
Elementi che fanno anche parte dell’immaginario di molti altri ragazzi che nel 1993, data di lancio del primo Doom, avevano tra i 14 e i 20 anni, o giù di lì.

C’è un bel libro che narra le origini di questo gioco: Masters of Doom, di David Kushner. Reperibile più facilmente in formato ebook, anche se quest’ultimo è disponibile solo in inglese.
Ci sono poi dozzine di siti internet e pagine “wiki” dedicate a Doom e al suo universo. Personalmente adoro approfondire i setting delle cose che mi piacciono, perciò credo di aver consultato più e più volte questi siti, preferendo quelli più completi d’informazioni.

C’è anche la saga di romanzi ispirata a Doom, da non confondersi con la novelization ispirata al film con The Rock. Film e libro, quest’ultimo, che hanno davvero poco in comune con l’ambientazione e la storia originale dei videogames.
I romanzi ufficiali sono quattro, tutti scritti da Dafydd Ab Hugh . Si tratta, in ordine di lettura, Knee deep in the dead, Hell on earth, Infernal Sky e Endgame. Sono stati pubblicati anche in italiano, e potete recuperarli nell’usato. In inglese sono invece reperibili anche in formato kindle.
Vi premetto però che non sono capolavori e, colpa a mio parere grave, non ricreano affatto l’atmosfera cupa, gothic-punk dei primi Doom.
Manca tutto quell’incrociarsi di carne e metallo, di tecnologia e magia, di fantascienza e demonologia. Manca dunque il cocktail che ha reso vincente la saga ludica della ID Software.

Il mio vecchio cuore da marine spaziale mi ha spinto spesso a omaggiare lo stile di Doom. Ho anche scritto, molto tempo fa, un racconto definibile “fan-fiction”, che potete scaricare gratuitamente qui.
Anche nel romanzo breve che ho appena concluso di scrivere, Antiqua Gens: Warp Raiders, c’è un omaggio molto palese al gioco in questione. Avrete presto modo di leggerlo. Ma si tratta solo dell’ultima citazione, in ordine cronologico, di una lunga serie frammentata tra i miei tanti racconti e romanzi.

Ogni tanto mi capita anche di utilizzare qualche effetto sonoro preso da Doom, e trasformato in notifiche per il cellulare. Sembra una cosa buffa e molto “nerd”, e forse per una volta lo è davvero.

Oggi ho anche pubblicato una serie di fan-art ispirate a Doom, realizzate da vari autori e caricate su Pinterest. La potete scaricare dal canale Telegram di Plutonia, ovviamente iscrivendovi (è gratis – nessun cacodemone ruberà la vostra anima se seguirete il canale).

La storia d’amore tra l’uomo e il gioco continuerà ancora, ve lo assicuro.


Articolo di Alex Girola: https://twitter.com/AlexGirola
Segui la pagina Facebook di Plutonia: https://www.facebook.com/PlutoniaExperiment/
Segui il canale Telegram di Plutonia: https://telegram.me/plutonia
Pagina autore: amazon.com/author/alessandrogirola
Sostieni il blog con un caffè: ko-fi.com/alessandrogirola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.