dossier

Le Incarnazioni dell’Immortalità

On a Pale Horse

Ne ho accennato nel post di ieri, ma vale la pensa scrivere un articolo interamente dedicato a uno dei più bei cicli di urban fantasy in circolazione, vale a dire la saga delle Incarnazioni, scritta dall’ottimo ed eclettico autore britannico Piers Anthony.
Se il nome non vi dice molto è perché qui da noi ha avuto una scarsa e mediocre diffusione. Demerito dei nostri editori, non di Piers. Io lo conobbi – virtualmente parlando – grazie alla collana Urania Fantasy, nel 1994. In quell’anno i gestori della suddetta collana decisero di tradurre Wielding a Red Sword (da noi: La Spada Rossa), che però è il quarto volume del ciclo delle Incarnazioni. Gli altri? Non mi risultano essere arrivati in Italia.
La scelta, decisamente bislacca, non inficia il volume del libro, che è ottimo. Se lo vedete in qualche bancarella dell’usato compratelo senza indugiare. Per fortuna questi romanzi, sebbene legati l’uno all’altro, sono autoconclusivi, perciò riuscirete a godervelo comunque.
Come ho già detto, si tratta di un urban fantasy, negli anni in cui questa definizione nemmeno esisteva (non da noi, perlomeno).

Mym, figlio di un potente quanto autoritario rajah, è costretto a fare una drastica scelta. Piuttosto che seguire ciecamente gli ordini del padre e sposare una donna che non ama, decide di sfidare la sorte e impugnare la Spada Rossa, un’arma che è anche un simbolo e che trasformerà il principe Mym nell’incarnazione stessa della Guerra. Diventato immortale, trasferito su un piano di realtà che non è lo stesso di quello umano, Mym tenta di battersi per ristabilire la giustizia sulla terra, ma deve ben presto accorgersi che non ci sono guerre giuste e che dietro ogni faida dell’uomo vi sono le macchinazioni dell’Avversario, il demonio potente e invincibile. Non resta, dunque, che sfidarlo sul suo stesso terreno e scendere negli inferi, per organizzare la rivolta dei dannati contro Satana.

La Spada Rossa

Questa è la sinossi riportata sull’edizione italiana del libro.
Sì, il fatto che ci sia un uomo comune destinato a diventare l’incarnazione del Dio Marte è una cosa che mi è rimasta impressa per anni, finché ho deciso a mia volta di scrivere del Signore della Guerra, sebbene in modo totalmente diverso.
L’intero Ciclo delle Incarnazioni ha proprio come tema portante l’immedesimarsi di un mortale – scelto più o meno a caso – con una divinità o un archetipo maggiore. Tutto ciò avviene a cavallo tra il nostro mondo moderno, fatto di metropoli, di grattacieli, di armi da fuoco e aerei, e il mondo superiore e soprannaturale, dove le Incarnazioni vivono insieme ai loro scudieri e servitori.
Da qui, per gli appassionati delle catalogazioni minuziose, si può parlare di urban fantasy. Non che a Piers importasse più di tanto essere schedato in questo o in quel genere, credo.

Gli otto romanzi della saga sono:

1 On a Pale Horse (1983)
2 Bearing an Hourglass (1984)
3 With a Tangled Skein (1985)
4 Wielding a Red Sword (1986)
5 Being a Green Mother (1987)
6 For Love of Evil (1988)
7 And Eternity (1990)
8 Under a Velvet Cloak (2007)

PA Eternity

Tutti quanti sono reperibili su Amazon, in lingua inglese, anche in formato digitale (credo; il primo volume sicuramente).
Negli otto libri ci sono personaggi ricorrenti, perciò sarebbe interessante leggerli tutti, anche se sono usufruibili anche singolarmente.
Oltre alle incarnazioni principali (Morte, Tempo, Fato, Guerra, Gea, Satana, Dio) esiste un vero e proprio sottobosco di incarnazioni minori, anch’esse scelte tra i comuni mortali. Impossibile elencarle tutte, ma ne cito alcune: Eros e Speranza, Peste, Conquista, Carestia, Massacro, Sonno etc etc. Spesso risultano essere all’altezza dei protagonisti principali, almeno a livello di divertimento per il lettore.

Piers Anthony non cade nel trabocchetto della semplice e futile separazione netta tra bene e male. Le Incarnazioni, da ex esseri umani, hanno caratteri non sempre forti, sono fallibili e hanno una natura volubile.
Lo stile dell’autore è piacevole, immediato ma al contempo ricco di easter egg e di simbolismo. Nei romanzi ricorrono infatti dei principi di numerologia e di alchimia, mai banali né inseriti tanto per far scena. C’è anche una bella vena erotica, in questo ciclo narrativo. Essa risulta funzionale alle storie e ai protagonisti, sfuggendo alle stucchevoli forzature del cosiddetto paranormal romance. C’è anche del sesso. Buon sesso, eh.

Ovviamente si tratta di una saga più che consigliata.
Io ho letto solo tre degli otto libri, ma il valore specifico è sempre per oltre la media dell’attuale urban fantasy.

Nota di colore: On a Pale Horse, il primo libro, ha ispirato il serial televisivo Dead like me.

With_a_Tangled_Skein_by_Piers_Anthony

– – –

(A.G. – Follow me on Twitter)

Segui la pagina Facebook di Plutonia Experiment

7 risposte »

  1. Serie eccellente da parte di un autor criminalmente sottovalutato – forse perché troppo prolifico.
    Piers Anthony è un autore che è stato classificato come umoristico per via del suo ciclo di Xanth, e questa etichetta qui da noi lo ha penalizzato.
    Quando scrive narrativa per adulti accoppia una eccellente tecnica a delle idee bislacche che riesce a portare a compimento con estrema abilità.
    Imperdibili, a mio parere, sono poi le postille, nelle quali chiacchiera di questo e di quello.
    È in conseguenza dei suoi discorsi sulla scrittura in coda proprio a questa serie se io ho cominciato a scrivere sul serio, e se scrivo come scrivo.
    Condivido in pieno l’entusiasmo per le incarnazioni – si tratta davvero di una serie da leggere, per capire che si può fare intrattenimento, pur restando letterari, in maniera popolare e intelligente.

    • Bizzarro che, in tempi in cui l’urban fantasy ci viene rifilato in tutte le salse, nessuna CE abbia ancora pensato di recuperare questa saga. Forse nemmeno sanno chi è Piers Anthony (no, non è una battuta).

      Concordo su quel che dici: la saga delle incarnazioni unisce il divertimento a una buona dose di cultura, senza rinunciare a qualche riflessione non banale sul bene, sul male e su tutto quanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.